Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 16073
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 10565
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 8405
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 6970
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 6554
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 7079
dal 03/12 al 31/12 Golfo di Gaeta: Gli Studenti dell'I.T.E. Filangieri di Formia in Alternanza Scuola Lavoro
letture: 1570
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 656
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 1848
dal 08/12 al 06/01 Gaeta: CONCORSO "Il Presepe di Casa Mia"
letture: 1765
dal 08/12 al 07/01 Sperlonga: Un Natale ricco di eventi
letture: 1207
dal 08/12 al 07/01 Fondi: A Natale a Fondi c'è di più!
letture: 1232
21/12 Gaeta: Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 440
dal 24/12 al 07/01 Gaeta: PUER NATUS MOSTRA IMMAGINETTE SACRE
letture: 426
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3350
dal 26/12 al 30/12 Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!"
letture: 824
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.518
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
18
dicembre
S. Graziano V.
Compleanno di:
sex gfgaeta
sex joepass
sex kate1900
sex Nico68
sex Raf1979
sex tastiera45
nel 1865: Con il 13esimo emendamento della Costituzione gli Stati Uniti abolisce la schiavitù.
nel 1993: Il rugby italiano festeggia il primo storico successo su una squadra britannica:Italia-Scozia 18-15.
dw

Home » News » Webzine » Politica » Mentre ci sbraniamo per i vacc...
mercoledì 14 giugno 2017
Mentre ci sbraniamo per i vaccini, Gentiloni approva il CETA in silenzio stampa...
letture: 944
Ma perchè ci odiano così tanto?
Ma perchè ci odiano così tanto?
Politica: L'ultimo consiglio dei ministri ha approvato ddl di ratifica del trattato di libero scambio con il Canada, un provvedimento dalle nefaste ripercussioni di cui nessuno dei grandi e piccoli media nazionali ha dato notizia.
img
E' arrivato il CETA. Il governo ha approvato il disegno di legge per la sua ratifica ed attuazione, ossia per l'accordo economico e commerciale tra l'Unione europea e il Canada. Ma piano - per favore! - non strillatelo.


Eh già, perché il temuto trattato, firmato lo scorso 30 ottobre a Bruxelles e ratificato dal parlamento europeo questo febbraio sta per arrivare al parlamento italiano. Chi lo dice? Il consiglio dei ministri che si è riunito mercoledì sera in fretta e furia e senza neanche un minuto di preavviso; quel cdm di cui i rappresentanti solitamente si affrettano a propagandare i risultati e per il quale invece non è stata convocata neanche l'ombra di una conferenza stampa. E come mai, c'è da chiedersi, neanche il più ridicolo e scarso dei media (provare per credere? Fatevi un giro su google) ha dato questa notizia di epocale importanza? Perché è meglio farlo passare in sordina, o perché forse questo "gran valore" economico non lo ha? Per entrambi i motivi.


Scopo dell'Accordo - si legge nel comunicato del governo - "è stabilire relazioni economiche avanzate e privilegiate, fondate su valori e interessi comuni, con un partner strategico". Si creano nuove opportunità per il commercio e gli investimenti tra le due sponde dell'Atlantico - si legge ancora - "grazie a un migliore accesso al mercato per le merci e i servizi e a norme rafforzate in materia di scambi commerciali per gli operatori economici".


Accidenti, che grande occasione, addirittura la sola Italia potrebbe beneficiare in termini di maggiori esportazioni verso il Canada "per circa 7,3 miliardi di dollari canadesi". Ripetiamolo insieme: sette miliardi. Per avere un'idea, l'IMU che noi italiani abbiamo pagato sui nostri immobili, nel solo 2016, è costata 10 miliardi di euro; circa la stessa cifra è stata spesa dal governo Renzi per pagare i famigerati "80 euro". Il governo Gentiloni ha recentemente "salvato" il sistema bancario creando con estrema facilità un fondo da 20 miliardi di euro.


Di esempi se ne potrebbero fare a bizzeffe, ma il concetto è chiaro: questo accordo economicamente non vale la carta su cui è stampato, e il problema maggiore è che a fronte di un così ridicolo guadagno - nemmeno sicuro, considerato che si tratta di stime - stiamo per svendere completamente la nostra nazione, e non è un esagerazione. Perché ciò che più fa male è che i nostri governanti si affrettino a specificare come l'accordo "garantirà comunque espressamente il diritto dei governi di legiferare nel settore delle politiche pubbliche, salvaguardando i servizi pubblici (approvvigionamento idrico, sanità, servizi sociali, istruzione) e dando la facoltà agli Stati membri di decidere quali servizi desiderano mantenere universali e pubblici e se sovvenzionarli o privatizzarli in futuro". Peccato che la cosa, oltre a suonare palesemente come una "escusatio non petita", è oltremodo falsa.


Spieghiamoci. E' vero che "espressamente" il testo del Ceta - nelle sue premesse - "riconosce" agli Stati membri il diritto di prendere autonome decisioni in materie di interesse pubblico come appunto la sanità e il resto, ma in maniera altrettanto precisa descrive il funzionamento del "dispute settlement", ossia di un arbitrato internazionale cui una "parte" (che può essere uno Stato ma anche un'azienda che opera sul suo territorio) può fare ricorso in caso sia in disaccordo con decisioni prese da altre parti. Tradotto, un'altra nazione o peggio una semplice società, spesso multinazionale, può impugnare una decisione di uno Stato anche quando adottata "nel diritto di legiferare nel settore delle politiche pubbliche", qualora questa vada a "discriminare" il business dell'azienda. Il funzionamento di questo "tribunale privato" fa diretto richiamo al DSS, identico strumento previsto dall'Organizzazione Mondiale del commercio (o "WTO", accordo simile al Ceta ma su scala globale). Quest'ultimo prevede la selezione di un "panel" di giudici, composto da esperti provenienti solitamente dal mondo della consulenza privata (esatto, delle multinazionali) o da atenei altrettanto privati. Il panel redige un rapporto contenente la propria opinione circa l'esistenza o meno di un'infrazione alle regole del WTO.


Esso non ha la forza legale di una vera e propria sentenza eppure la procedura di appello ha una durata massima prevista in novanta giorni, e la sentenza, dopo l'approvazione, è definitiva. Sintetizzando: l'Organizzazione Mondiale del Commercio (cui l'Europa e l'Italia hanno aderito da più di vent'anni, nel 1995) ha fini prettamente economici e finanziari; gli Stati, si dice, sono sovrani, eppure i principi che regolano gli scambi internazionali sono al di sopra delle leggi nazionali, ed internazionali; in caso di controversie, le parti (non gli Stati in realtà, quanto le società multinazionali "discriminate") possono rivolgersi al WTO e chiedere se sia giusto o meno non applicare il suo regolamento; il WTO, privato e - sicuramente - imparzialissimo, emette la sentenza, che, per carità, non ha forza legale vera e propria (non essendo un vero tribunale), però è ad ogni modo inappellabile e definitiva. Democraticamente. E quel che è previsto per il Wto vale per il CETA. Il tribunale del WTO è stato mai adito per questioni sugli scambi internazionali? Oh sì! Solo gli Stati Uniti sono stati coinvolti in più di 95 casi contro società private, e di questi processi gli USA, in qualità di nazione, ne ha persi 38 e vinti appena 9. Gli altri o sono stati risolti tramite negoziazioni preliminari oppure sono ancora in dibattimento. In circa 20 casi il Panel addirittura non è mai stato formato, e la maggior parte dei processi che hanno perso riguarda livelli di standard ambientale, misure di sicurezza, tasse e agricoltura.


Questo panegirico forse può risultare oscuro pertanto è utile fare una semplificazione: lo Stato italiano, al contrario di quanto dice il governo Gentiloni, non può decidere autonomamente alcunché, prima di tutto perché fa parte dell'Unione europea e ha siglato accordi comunitari come il Patto di stabilità e il fiscal compact, oltre a far parte di un'unione monetaria, quindi di partenza non ha alcun potere decisionale in termini di politiche monetarie, fiscali, economiche e sociali. Secondo poi, pur godesse di una simile sovranità, comunque rischierebbe di trovarsi contro cause miliardarie- private -e di perderle, con tanti saluti al "potere politico". Quel che allora il misero comunicato stampa del consiglio dei ministri dice in parte è vero, ossia che il governo può "decidere quali servizi mantenere universali e pubblici e se sovvenzionarli o privatizzarli in futuro". Scopo dell'accordo è infatti di liberalizzare completamente qualsivoglia tipo di merce o servizio, inclusi quelli che teoricamente uno Stato soltanto dovrebbe garantire, e che invece già stanno finendo in mano ai privati (cliniche sanitarie, scuole, ecc ecc), in un mondo che sempre più sarà alla portata di poche persone e tasche. Ed ecco che la nostra carta Costituzionale si trasforma in carta igienica.


Quanto alle "potenzialità" di esportazione la nostra bella Penisola, da sempre caratterizzata da una grande vocazione all'export, già da tempo ha incrementato la vendita dei propri beni all'estero. Siamo più competitivi? Facciamo cose migliori? Ne più ne meno come prima, semplicemente gli italiani non hanno più una lira (i consumi domestici sono drasticamente calati, grazie a politiche iniziate da Mario Monti che in una celebre intervista ammise di "distruggere la domanda interna") e quindi le imprese (quelle che non hanno chiuso) si sono arrangiante puntando ancor più sui mercati forestieri; solo pochi giorni fa l'Istat ha registrato nei suoi dati la "morte" della classe media italiana. Nel frattempo, visto che le merci di qualità come quelle nostrane non ce le possiamo permettere, nei nostri negozi arrivano tonnellate di merce a basso costo ma di pessima qualità che viene assoggettata a controlli scarsi o addirittura nulli, poiché già siamo in un'unione di libero scambio, l'Unione europea, che stiamo per estendere al Canada. Inutile dire che simili politiche danneggiano direttamente le nostre imprese, dunque il lavoro e in generale il benessere del nostro popolo. Tutto questo per - forse - sette miseri miliardi. Neanche i 30 denari di Giuda.

27 maggio 2017
Zapping



I PERICOLI DEL CETA


1) Il rischio di ingresso di OGM e pesticidi attualmente vietati


Non solo non si vieta l'ingresso di alimenti contenenti OGM e sostanze chimiche tossiche,
ma si da di fatto il via libera a una deregolamentazione ampia e irreversibile. Non si torna indietro.


Ricordiamo inoltre che in Italia c'è ancora il divieto di coltivazione in campo degli Ogm, ma il nostro paese di recente ha detto sì in Europa all'autorizzazione di nuovi. Tuttavia, fa sapere il Parlamento Ue,


"per fugare le preoccupazioni dei cittadini che l'accordo dia troppo potere alle multinazionali e che i governi non possano legiferare per tutelare la salute, la sicurezza o l'ambiente, l'UE e il Canada hanno entrambi confermato esplicitamente, sia nel preambolo dell'accordo sia nella dichiarazione comune allegata, il diritto degli Stati a rifarsi al diritto nazionale".



2) Importazione di prodotti derivati da animali trattati con ormoni della crescita


Tra le pagine del CETA, infatti è possibile trovare gravi pericoli per la salute e l'ambiente. Uno di questi riguarda l'importazione di prodotti derivati da animali trattati con ormoni della crescita. Sarebbe bastato questo a fermare il trattato, pensato per arricchire pochi e danneggiare molti.



3) Equivalenza delle misure sanitarie e fitosanitarie di Europa e Canada


Basta leggere l'allegato 5-D (1) per rendersi conto, senza tanti sforzi, di quello che sarà. Nel trattato vi sono infatti le linee guida per il riconoscimento di equivalenza delle misure sanitarie e fitosanitarie nei due Paesi. Ciò significa che il CETA permetterà di ottenere il mutuo riconoscimento di un prodotto - e quindi evitare nuovi controlli nel Paese in cui verrà venduto - se si è in grado di dimostrarne l'equivalenza con quelli commercializzati dalla controparte. La sostanziale equivalenza verrà valutata basandosi su una serie di criteri o linee guida che tuttavia non sono definiti.



4) Glifosato, uno dei timori più fondati


Il glifosato, minaccia più che mai concreta. Non si può di certo dire no a questa sostanza solo perché lo Iarc, massima agenzia mondiale per la ricerca sul cancro, emanazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, lo ritiene probabilmente cancerogeno.


Se in Europa se ne vietasse l'uso, che ne sarebbe del grano canadese importato? Dovrebbe essere prodotto senza usare l'erbicida.



5) Nelle mani del controllore senza controllo


Il Ceta potrà essere implementato dopo la ratifica dall'organismo di cooperazione regolatoria. Si tratta di un gruppo di tecnici il cui operato non è soggetto ad alcun controllo pubblico.



6) Crescita economica irrisoria per l'Europa e perdita di posti di lavoro


Secondo uno studio indipendente (2), l'entrata in vigore del CETA provecherebbe la perdita di circa 200 mila posti di lavoro nell'Unione europea. Inoltre, secondo quanto stimato dalla stessa Commissione europea(3), l'adozione di questo trattato vedrebbe nel lungo periodo in Europa una irrisoria crescita economica compresa tra lo 0,02 e lo 0,03%. In Canada invece tale percentuale è compresa tra lo 0,18 e lo 0,36%.



7) L'Investment Court System (ICS), il sistema di tutela degli investimenti delle multinazionali


L'ICS assicura agli investitori stranieri particolari privilegi e minaccia il diritto dei governi di adottare e far rispettare leggi di interesse pubblico, come la protezione dell'ambiente o della salute pubblica. Grazie al CETA, l'Ics permetterebbe alle multinazionali di citare in giudizio i singoli Stati, ma non consentirebbe il contrario. Se l'ICS non dovesse passare l'esame di legittimità della Corte di giustizia europea, si bloccherebbe l'applicazione del CETA. Contro questo punto si è schierato apertamente il Belgio, che sta valutando di chiedere alla Corte di giustizia europea di pronunciarsi sulla legittimità


"Questo accordo commerciale rischia di minare la democrazia e lo stato di diritto in Europa, a vantaggio di una manciata di multinazionali", ha detto Federica Ferrario di Greenpeace Italia.


"Oggi è stata scritta una pagina oscura per la democrazia in Europa, ma non tutto è compromesso - dichiara Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia - La battaglia della società civile si sposta adesso a livello nazionale. Monitoreremo gli impatti dell'accordo, dimostrando che avevamo ragione a criticarne l'impianto, e spingeremo il Parlamento italiano a bloccare questo trattato dannoso per i nostri cittadini e lavoratori. I parlamentari europei, in particolare socialdemocratici e popolari, hanno abdicato al loro ruolo di garanti dei diritti e dell'ambiente".


L'accordo infatti dovrà essere anche ratificato dai Parlamenti nazionali e regionali.


L'accordo CETA potrebbe applicarsi provvisoriamente dal primo giorno del mese successivo alla data cui entrambe le parti si sono reciprocamente notificate il completamento di tutte le procedure necessarie. Per i deputati tale data dovrebbe essere non prima del 1° aprile 2017.


Ancora una volta sono stati fatti gli interessi delle multinazionali.



1-http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-10973-2016-ADD-3/en/pdf#page=26

2-http://www.ase.tufts.edu/gdae/policy_research/ceta_simulations.html

3-http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2011/september/tradoc_148201.pdf



www.greenme.it

postato da: marinta  


Ormai è legge.Politica: Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 854
06 dicembre 2017 di marinta
Noi crediamo che si stia esagerando.Politica: Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 1254
05 dicembre 2017 di marinta
Così li soccorrono.Politica: Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 861
30 novembre 2017 di marinta
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.Politica: ...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 907
30 novembre 2017 di marinta
Mettiti in coda!Politica: Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 904
29 novembre 2017 di marinta
Per il bene di IsraelePolitica: 'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 871
28 novembre 2017 di marinta
I soldi nostri alla mafiaPolitica: Sbarchi migranti, Demoskopica: alle cosche 4,2 miliardi in tre anni
letture: 979
22 novembre 2017 di marinta
Fake business?Politica: Preparano un intervento "umanitario" in Libia contro di noi? (1)
letture: 793
15 novembre 2017 di marinta
.Politica: Come la dittatura dell'anormalità opprime i normali
letture: 957
11 novembre 2017 di sweda
Tutti al marePolitica: Gli immigrati affogano in Libia. Un video incastra l'Ong tedesca
letture: 882
10 novembre 2017 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Do not click!
L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 839
10 dicembre 2017
Biden ridiculous quotes
Come costruire i nemici del popolo
letture: 889
09 dicembre 2017
Ormai è legge.
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 854
06 dicembre 2017
Noi crediamo che si stia esagerando.
Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 1254
05 dicembre 2017
L'alluminio si trova in tutti i vaccini.
Alluminio nel cervello degli autistici. Epidemia di cancro anale. E i media zitti.
letture: 1069
02 dicembre 2017
Il boom dei Bitcoin potrebbe essere un grosso problema per l'ambiente.
Il bitcoin è inquinante e aggrava l'effetto-serra. E Greenpeace, zitta...
letture: 932
01 dicembre 2017
Così li soccorrono.
Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 861
30 novembre 2017
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.
...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 907
30 novembre 2017
Mettiti in coda!
Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 904
29 novembre 2017
Per il bene di Israele
'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 871
28 novembre 2017