Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 16073
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 10565
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 8405
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 6970
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 6554
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 7079
dal 03/12 al 31/12 Golfo di Gaeta: Gli Studenti dell'I.T.E. Filangieri di Formia in Alternanza Scuola Lavoro
letture: 1570
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 656
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 1848
dal 08/12 al 06/01 Gaeta: CONCORSO "Il Presepe di Casa Mia"
letture: 1765
dal 08/12 al 07/01 Sperlonga: Un Natale ricco di eventi
letture: 1207
dal 08/12 al 07/01 Fondi: A Natale a Fondi c'è di più!
letture: 1232
21/12 Gaeta: Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 440
dal 24/12 al 07/01 Gaeta: PUER NATUS MOSTRA IMMAGINETTE SACRE
letture: 426
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3350
dal 26/12 al 30/12 Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!"
letture: 824
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.518
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
18
dicembre
S. Graziano V.
Compleanno di:
sex gfgaeta
sex joepass
sex kate1900
sex Nico68
sex Raf1979
sex tastiera45
nel 1865: Con il 13esimo emendamento della Costituzione gli Stati Uniti abolisce la schiavitù.
nel 1993: Il rugby italiano festeggia il primo storico successo su una squadra britannica:Italia-Scozia 18-15.
dw

Home » News » Webzine » Mondo » Per i giudici il piccolo Charl...
lunedì 12 giugno 2017
Per i giudici il piccolo Charlie deve morire
letture: 929
Domani, martedì 13 giugno, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo si pronuncerà sul destino di Charlie Gard.
Domani, martedì 13 giugno, la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo si pronuncerà sul destino di Charlie Gard.
Mondo: .

Nelle ore in cui l'Inghilterra è intenta ancora a pulire il sangue dell'odio islamico dai suoi marciapiedi in una battaglia oscura, e silenziata, c'è un altro fronte, altrettanto oscuro, in cui si combatte una battaglia difficile e funesta. Da una parte lo Stato che si è coperto le spalle con leggi colpevoli, organi di giustizia in doppio petto e la solita comunità scientifica, dall'altra, un bambino di dieci mesi, Charlie Gard.
img
Il caso è quello del bimbo colpito da una rara malattia genetica, la deplezione del Dna mitocondriale, che impedendo alle cellule di rigenerarsi, indebolisce sia la muscolatura sia il sistema nervoso. Charlie è una delle 16 persone nel mondo che ne sono affette. E non sembra esistere una cura in grado di evitare l'epilogo più tragico. La morte.


Per questo i medici pensano che occorra interrompere la vita di Charlie staccando i macchinari che gli permettono di sopravvivere. E non importa se i genitori non sono d'accordo. Connie Yates e Chris Gard volevano portare il piccolo negli Stati Uniti per sottoporlo a un trattamento sperimentale, un ultimo disperato tentativo per salvare la vita al figlio. Ma secondo i medici del Great Ormond Street Hospital, sentiti dal giudice, il bambino non ha speranze di vita, la cura cui sarebbe sottoposto negli Stati Uniti è solo sperimentale e non gli porterebbe benefici. Si tratterebbe, ha detto in tribunale lo staff dell'ospedale, solo "di prolungare il processo di morte". Quindi va bene così.


A nulla è valsa l'opposizione degli avvocati difensori della famiglia che, al contrario, ritenevano - e speravano - che la giustizia britannica avrebbe dovuto dare un'ultima possibilità al piccolo. E dimostrando che il ruolo di genitori non conta proprio più niente. Per il viaggio della speranza mamma e papà avevano raccolto fondi - oltre un milione di sterline - con il crowdfounding e grazie alla solidarietà di migliaia di persone in tutto il mondo. Ma niente ha fermato le tremende e inequivocabili parole dei medici. "Non è etico tenere in vita il bambino", continuano a dichiarare. Il piccolo "deve morire con dignità", rincarano i giudici, come se non bastasse, con ben due sentenze.


La mamma e il papà del piccolo Charlie da mesi gridano al mondo, mentre non lasciano il capezzale del figlio neanche per un minuto, che è vivo. Li riconosce, risponde agli stimoli. Quella piccola e esile vita, è vita e merita una possibilità. Niente, di questi tempi la realtà dei fatti conta poco. Il padre, Chris, alla lettura della prima sentenza, prima di scoppiare in un pianto insieme alla moglie, aveva urlato un commovente "no" mentre restava appeso con le unghie e con i denti all'appello. Ma anche quella speranza è planata nel vuoto.


I genitori e Charlie sono letteralmente ostaggio dell'ospedale, che facendosi forte del verdetto giuridico, ha impedito loro il trasferimento negli Stati Uniti perché l'intenzione è una: bisogna staccare la spina, fine della storia. Il messaggio deve essere chiaro e universale. Sebbene si confidi nel miracolo. Siamo al cospetto di una orribile situazione che, però, non è altro che l'ovvia e naturale conseguenza di qualsiasi legge sull'eutanasia. Se ci si arroga il diritto di legiferare sulla vita e sulla morte è allora scontato che anche una mamma e un papà non possono più nulla di fronte all'arroganza di chi vuole stabilire l'inizio o la fine anche di una bambino di pochi mesi. Se è morto il senso del vivere e del morire, allora anche una creatura che giace inerme in un letto d'ospedale può essere eliminata.


Da ieri, comunque, il Regno Unito non è più un posto sicuro per i bambini, specie se malati. Nel pomeriggio di giovedì, in un'udienza di emergenza - giusto una manciata di minuti - tre giudici della Corte Suprema (quella in cui speravano i genitori di Charlie) hanno confermato la condanna a morte. Vogliono che il respiratore venga staccato. Se ne è già discusso abbastanza. "Come possono farci questo? Stanno mentendo. Perché non dicono la verità?", ha detto la mamma con la voce rotta dal pianto subito dopo la decisione della Corte Suprema, che è arrivata addirittura a negare lo svolgimento di un'udienza completa per non rivedere meglio il caso del piccolo.


Tre corti su tre. Tre pareri uniformi, e di una rapidità che rende ancora più unico il quadro già inquietante, hanno sentenziato che è nell'interesse del bambino morire. Quale genere di interesse sta nel rifiuto di dare qualsiasi possibilità di sopravvivenza? La Corte Suprema ha chiesto ieri ai dottori di continuare a dare il supporto vitale a Charlie per altre 24 ore. Che sarebbero scadute alle 17,00 (ora inglese) di venerdì, quando la Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu) ha imposto che le cure vitali devono continuare fino a martedì 13 giugno. Solo allora si saprà il destino del piccolo. E intanto i genitori hanno tirato un altro respito di sollievo.


Il caso di Charlie assomiglia a quello, anch'esso recente, della piccola Marwa in Francia, salvata dai genitori che hanno fatto ricorso contro la decisione dei medici di ucciderla, riuscendo a spuntarla - loro sì - al secondo grado di giudizio. Perché non è solo la Gran Bretagna a non essere un posto per bambini, ma tutti i Paesi in cui si stanno approvando leggi contro vita e famiglia: manovrare un individuo isolato è più facile, si sa. Come in Italia. Dove se il Parlamento finirà con l'approvare il disegno di legge sulle 'Disposizioni anticipate di trattamento' (fa paura nominare l'eutanasia che finirebbe con l'essere legalizzata?) verrà introdotta sia l'eutanasia consensuale sia quella non consensuale: se il fiduciario e il tutore dovessero essere d'accordo sulla volontà di dare la morte al paziente non ci sarebbe neanche bisogno di ricorrere ai giudici, perché l'atto eutanasico sarebbe considerato del tutto legale. E allora la libertà falsa, quella senza limiti, sarà calata dall'alto dalla mano lunga del pensiero dominante. Con tanti saluti alla dignità che deriva dall'esser persone, malate o meno.


Don't take my sunshine away, "non portarmi via la mia luce del sole", sono queste le parole che ritornano in alcuni dei tantissimi video che sono stati dedicati in questi mesi al piccolo Charlie. Spesso i filmati terminano con un primo piano degli occhi chiari, splendenti, vivi del bimbo. Una luce che esiste e che hanno deciso di spegnere. Per legge.


L'Occidentale




img



img



img



img



img



img



img



img

____

Agg.mento

13 giugno 2017


Decisione rimandata al 18 giugno.


I giudici di Strasburgo hanno deciso di attendere altri sei giorni prima di stabilire se il piccolo potrà essere curato negli Stati Uniti o se dovrà essere staccata la spina.


Intanto i genitori di Gard hanno diffuso una foto di loro due con il piccolo Charlie durante un pic-nic all'aria aperta, organizzato grazie al supporto degli infermieri del Great Ormond Street Hospital. La mamma Connie ha detto al Daily Mail che Charlie "è stato sveglio tutto il tempo" e che "è stato meraviglioso per lui sentire il sole sul viso e il vento tra i capelli". "Per la prima volta dopo mesi ci siamo sentiti una famiglia normale".


img


PS. Il 18 giugno la Chiesa cattolica di Inghilterra e Galles celebra la Giornata per la Vita. Speriamo bene!

postato da: marinta  


E l'Italia se la fa con gli usaMondo: Il piano della Russia per bloccare l'immigrazione dalla Libia (1)
letture: 875
16 novembre 2017 di marinta
Commandos inglesiMondo: Novità dalla Nato. Che non vi raccontano
letture: 775
15 novembre 2017 di marinta
Non possono entrare medicine e ciboMondo: Yemen: milioni di morti per fame, è la peggiore carestia di sempre
letture: 836
10 novembre 2017 di marinta
La forca di pandoraMondo: Autodistruzione di Trump, Hillary, Hollywood e tutto il resto...
letture: 831
10 novembre 2017 di marinta
Iva su prodotti alimentari abbassata, costi bollette  luce-gas-acqua ridotti, pensioni e stipendi aumentati,  tassazione sulle buste paga ridotta...Mondo: Ungheria, boom economico: produzione industriale + 8,1% nel 2017
letture: 810
10 novembre 2017 di marinta
C'è chi pensa agli astronauti :(  ...
e chi ai cristiani :)Mondo: La mossa a sorpresa di Trump. Scavalca l'Onu per aiutare i cristiani
letture: 910
28 ottobre 2017 di marinta
Il duo Trump-BannonMondo: Gli Usa non daranno Rakka alla Siria. E altre sovversioni.
letture: 765
27 ottobre 2017 di marinta
Un messaggio diretto all'Iran?Mondo: La prima base americana in Israele salda il rapporto tra i due alleati
letture: 707
17 ottobre 2017 di marinta
Si prepara la battaglia Gog e Magog?Mondo: Trump come "Shabbos Goy" del nuovo Impero Talmudico
letture: 649
17 ottobre 2017 di marinta
No wc no partyMondo: Quando si spezza la spina dorsale americana?
letture: 853
11 ottobre 2017 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Do not click!
L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 839
10 dicembre 2017
Biden ridiculous quotes
Come costruire i nemici del popolo
letture: 889
09 dicembre 2017
Ormai è legge.
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 854
06 dicembre 2017
Noi crediamo che si stia esagerando.
Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 1254
05 dicembre 2017
L'alluminio si trova in tutti i vaccini.
Alluminio nel cervello degli autistici. Epidemia di cancro anale. E i media zitti.
letture: 1069
02 dicembre 2017
Il boom dei Bitcoin potrebbe essere un grosso problema per l'ambiente.
Il bitcoin è inquinante e aggrava l'effetto-serra. E Greenpeace, zitta...
letture: 932
01 dicembre 2017
Così li soccorrono.
Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 861
30 novembre 2017
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.
...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 907
30 novembre 2017
Mettiti in coda!
Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 904
29 novembre 2017
Per il bene di Israele
'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 871
28 novembre 2017