Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 5991
dal 13/07 al 30/08 Formia: Rassegna cinematografica "Cinema alla deriva 2018"
letture: 649
dal 19/07 al 22/07 Gaeta: Torna il Gaeta Jazz Festival
letture: 3094
dal 19/07 al 22/07 Gaeta: Gaeta Jazz Festival XI edizione 2018: dal 19 al 22 luglio
letture: 1574
dal 11/08 al 12/08 Avellino: Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore
letture: 987
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.542
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
16
luglio
B. V. del Carmelo
Compleanno di:
sex fabb
sex FEDERICAR
sex francescozen...
sex isamail
sex referente
nel 1912: Re Gustavo di Svezia riceve il pellerossa Jim Thorpe,eroe del decathlon di Stoccolma. Gli dice:"Sir,lei è il più grande atleta del mondo".
nel 1945: In Messico viene fatta esplodere la prima bomba atomica.
nel 1969: L'Apollo 11 parte da Capo Kennedy per la prima missione sulla superficie lunare con equipaggio.
dw

Home » News » Latina » Formia » La poesia di Carmen Moscariell...
domenica 28 maggio 2017
La poesia di Carmen Moscariello di Giuseppe Iuliano
Un ispirato dettato di assanguante umana compagnia
letture: 1443
Formia: Si dice che ogni uomo abbia la sua stella. Una virtuale cometa identitaria rivelante la propria epifania. Parabola di luce e destino, di storia e strada. E come tale significante un necessario viaggio da compiere: vero, crudo, ideale o da inventare. Una mission a più gradi - fuga o scelta cosciente, a piedi o con ogni mezzo, per sorte benigna o fortunosa - in cui si sommano e si diversificano modi essere, strategie, aspettative e bisogni, da sempre tensioni e cruccio dell'animo e dell'umanità. Un viaggio senza interruzione o a tappe, cui nessuno può e vuole sottrarsi pur con difficoltà di vista e di zoppia.
Un percorso da affrontare in ogni modo per non ritardare le ansie e le speranze dei compagni di viaggio. Fosse pure l'attraversamento di un tunnel con le sue incertezze e i suoi timori. È questa la proposta umana e letteraria di Carmen Moscariello che, con Tunnel dei sogni (Il Convivio editore, 2016), ci consegna l'ennesima fatica - una sorta di resistenza a perdifiato - confermando voce ed apprensione, smarrimenti e speranze, tout court il compendio della sua sfera esperienziale ed emozionale che si innerva nella scrittura e la caratterizza, lontana da "cadute" e/o arrochimenti, a volte pur essi così necessari ai poeti.
La poesia di Moscariello - ma il discorso riguarda l'intera sua scrittura dal giornalismo alla saggistica, al teatro - è richiamo ed eco, diaframma e saldatura, amalgama in un'umanità dissociata, muta o vociante, talvolta con cori da suburra talaltra stentorea, balbuziente, figlia di luoghi comuni e di relative approssimazioni - che "hanno comuni radici, con essa / ne dividono anche il gelo" - sempre in predicato di stravolgimenti e rivoluzioni, ma i cui effetti, invece ed amaramente, consolidano l'inerzia e la conservazione.
Tunnel dei sogni è un almanacco sotto il tetto del cielo a spaginare i giorni e i loro numeri di una cabala esistenziale che si attorciglia nella quotidianità, vittima della omologazione e della imitazione negativa, per sfrondarla ed interpretarla. Per "riscrivere il mondo / [...] / senza matite e senza colori". Per spingerlo all'impegno civile e al patrimonio da condividere. Per spezzare, in un'idealità sempre animosa e presente, le catene dei "lazzari dannati senza resurrezione": figli di un dio minore, di un'Irpinia misera e taciturna e di un Sud incolpevole ed asservito, tra erbe rinsecchite, ormai scheletriche, "fragili e senza radici", nel vortice dell'indifferenza e delle sue astenie senza amore; pellegrini laici e confessionali, indigeni e/o stanziali inermi e rassegnati, tra sbandamenti e spasmodici batticuori in un divenire circoscritto, corollario di "sepolcri imbiancati nel vuoto dei giorni", fra "anime innocenti" che "vagano / alla ricerca di una terra".
La poesia di Carmen è sguardo e respiro. Occhio che scruta, penetra e svela, né strabico né daltonico. Fiato di parola e voce. Parola come logos, lampo, principio enunciatore, favilla dal roveto, a cui dare in prosieguo corposità di immagini e contenuti. Ma anche parola "in esilio / così la poesia / senza patria, senza terra / senza lume". Parola e voce, come fede nell'uomo, ad un tempo messaggio, rivelazione e profezia. Ma anche insieme di parole proprie di un discorso compiuto, di chi ha tempi e ritmi per decifrare i codici della vita, a volte assurdamente impenetrabili talaltra semplici ed elementari, eppure sfuggenti e mai apprezzati appieno. Voce sussurrata come un battito d'ali o potente come un tuono, che non violenta né impreca contro la specola celeste ma la invoca e la rasserena; ampolla di acqua sorgiva o torrenziale, è varietà di cifre, scansioni, accenti per un dettato che è canto ed incanto ed incoraggia attesi controcanti. Un insieme di "braccia che si allargano / per stringere l'aria".
Novella Vestale, custode del fuoco del sapere, dispensatrice e forziere di cultura e scultura, di parole e rappresentazioni, ne conosce numeri e combinazioni. E mentre ci offre forme levigate, lavora il bulino e il tornio per altre abbozzate. È suo il museo semprevivo affollato di gente, galleria assortita di qualche fortunata cicala, che beve felice alla coppa e può permettersi canto e divertissement, e di un popolo di formiche e delle sue file processionali, votate al sacrificante lavoro, che conoscono strade in salita, paradossalmente in cammino tra insidie d'ortica e di selci aguzze ed essenze odorose di mentastro e sambuco.
Le ragioni contrastano con la doppiezza della vita. Ad animosi ed osannanti tripudi fanno riscontro sfondi sfocati e fondali torbidi, città perse e muri sbrecciati, abbandonati dall'incuria ed intrisi di stantio e vecchio. Fantasmi ed ombre, tuttavia, s'aprono ai sogni, capaci di rammemorare il senso delle case e il "profumo delle rose". È come un sudario - visione ossimorica - "il paese della neve", raccolto nel suo uniforme manto freddo ed immacolato, ma nei cui calanchi ribollono magmatiche le "invidie furiose", sempre pronte a nuove sfide e risse rusticane. Resta a dispetto il "paese del rifiuto", dell'abbandono, degli strati di polvere in sedimentazione - non quello del vuoto pavesiano e di scontata accoglienza - oggi diremmo dello spaesamento e della desertificazione, di grido ribelle senza riscatto. Trovano nervi scoperti, in una continuità di incrostazioni senza liberazione, il verso e lo sconforto di Rocco Scotellaro: "Ognuno di noi vuole essere il padrone / della nostra città medioevale / ed è geloso a morte dell'uguale. / Io me n'andrò, sono un cane di nessuno / [...]", (Paese mio!,1948). Inquietudini e colpe sono mescole del nostro cuore antico, povere di giustizia e redenzione.
Carmen Moscariello coltiva frammenti - ma la vita non è un insieme di frantumazioni e rattoppi? - ricuce gli anni lontani di ricordi e schegge, come un puzzle da ricomporre, che allontana, unico vero antidoto, il pensiero della morte e la cupezza del destino. E fa aleggiare su tutto un'aura di idealità e di eticità; l'amore è linfa in ossigenazione per la verità, che riesce a fare chiarezza e a ristabilire l'ordine delle cose, segnate a sfregio da cicatrici e ferite.
La poetica moscarielliana mette in circolo ansie di libertà - secondo lo spirito desanctisiano - continuo orizzonte da ricercare, a dispetto di ogni accomodante certezza, per un infinito, poeticamente leopardiano e smisuratamente umano, in cui ritrovare le coordinate di vita, disdegnanti i confini ed il "segno dei lacci". Del resto la delusione, l'arte dell'arrangiarsi, il fatalismo sono il nostro sangue acido, braci di fuochi da ravvivare nella notte che dura.
Sappiamo bene che "dal destino non abbiamo ricevuto doni". Ciononostante concediamo "amore ai senza cuore e contiamo "poche strette di mani sconosciute / lavatoi di sacrifici del sudore", fonti battesimali di sempre nuova conversione.
Moscariello, nella sua coraggiosa avventura, porta con sé "un fardello di storie invisibili / che pesano", i "lebbrosi" pensieri, le denunzie senza sconti, il fervore cosciente della preghiera, la levità struggente del canto di espiazione, e li svela alla conta dell'anima: silenzi, immagini, rumori, echi, assenze; accorta e paziente riesce "tra spoglie di morti e ferite che ancora sanguinano" a preparare "strade di luce". E dire che la nostra doppiezza ci fa dimenticare l'origine e l'unitarietà del seme e ci porta a "bruciare il sole", invece di apprezzarne il calore e i benefici influssi che assicurano i frutti e il ciclo delle stagioni.
Vero è che un tunnel può far perdere l'orientamento e la strada maestra ma talvolta può anche rivelarsi una saggia accorciatoia, tale da facilitare soluzioni ed aiutare l'uomo a ritrovarsi. Ecco allora venire in soccorso speranze e sogni. Come aquiloni, interpreti di desideri, volteggiano, si impennano e movimentano l'aria e il silenzio di forme e colori, merletti che sfrangiano i vortici, i vuoti, le paure e allontanano dall'abisso. Sono briciole di meraviglie che non saziano ma ingannano il digiuno e, salvezza prodigiosa della poesia, aiutano a vivere.
( articolo di " Nuovo Meridionalismo" Rivista di cultura e politica. Scritto dal Poeta Giuseppe Iuliano

postato da: computer  


Formia: "La Giunta di Paola? La migliore possibile che poteva essere varata." Intervista al Casaleggio de noantri. (1)
letture: 181
15 luglio 2018 di TF Press
Formia: "Formia città dell'amore" Un idillio, quello su facebook di Paola Villa che, destinato a Kristian Franzini, sfida le leggi della gravità o, meglio, della gelosia: (7)
letture: 452
14 luglio 2018 di TF Press
Partito della Rifondazione Comunista - FormiaFormia: Un nauseabondo odore di monnezza impregna l'aria di Gianola (1)
letture: 424
12 luglio 2018 di PRC Formia
Cinema alla deriva 2018Formia: Rassegna cinematografica "Cinema alla deriva 2018"
letture: 649
09 luglio 2018 di coccia_tosta
Formia: Quarto torneo di burraco per beneficenza Chiesa Madonna del Carmine Formia
letture: 809
07 luglio 2018 di Nino38
Formia: Baiano in pensione. Viola al suo posto al "DONO SVIZZERO" LA CHIRURGIA DELL'EX "SAN GIOVANNI DI DIO" DI FONDI VOLA SEMPRE PIU' IN ALTO.
letture: 3246
01 luglio 2018 di Flaminio
partito della Rifondazione Comunista - FormiaFormia: Le bugie del governo Lega-5Stelle: Una pacchia per i ricchi e una fregatura per i lavoratori (4)
letture: 1894
28 giugno 2018 di PRC Formia
Foto di Andrea De MeoFormia: Paola Villa Sindaco di Formia (1)
letture: 3202
25 giugno 2018 di TF Press
Formia: Ballottaggio, scattano le trattative: il più corteggiato è Gianfranco Conte (13)
letture: 3406
15 giugno 2018 di TF Press
Partito della Rifondazione ComunistaFormia: Privatizzazioni: dopo i vivi tocca ai morti
letture: 2889
15 giugno 2018 di PRC Formia








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Premio "Tulliola Renato Filippelli" XXIV Edizione
letture: 3010
08 ottobre 2017
La poesia di Carmen Moscariello di Giuseppe Iuliano
letture: 1444
28 maggio 2017
"Alla ricerca della luce"
letture: 1407
21 maggio 2017
Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello (2)
letture: 1525
09 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 1185
05 maggio 2017
Firenze- Pianeta Poesia "Destini sincronici" ne parla la scrittrice Franca Bellucci
letture: 1341
01 maggio 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 1768
27 aprile 2017
Intervista a Carmen Moscariello
letture: 1463
23 aprile 2017
Restituiamo la letteratura meridionale ai licei
letture: 1750
17 aprile 2017
Fragmenta Passionis
letture: 1395
16 aprile 2017