Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree
Magliozzi Programma
Nuova Area




Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/05 al 30/05 Golfo di Gaeta: Appuntamenti Nati per Leggere nel Maggio dei Libri
letture: 2606
dal 18/05 al 20/08 Minturno: "Ciak, Si Scatta!" il concorso fotografico a tema cinematografico di Visioni Corte Film Festival
letture: 705
24/05 Campania: L'arte della pizza...
letture: 256
dal 25/05 al 28/05 Napoli: La Stazione Zoologia Anton Dohrn a "Futuro Remoto - CONNESSIONI - XXXI Edizione"
letture: 166
26/05 Gaeta: Quale futuro per Gaeta?
letture: 560
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.483
visitatori:279
utenti:6
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
23
maggio
Compleanno di:
sex giope
sex Vegetus
nel 1430: A Compiegne in Francia, Giovanna d'Arco viene catturata e venduta agli inglesi.
nel 1981: Viene messo in orbita il satellite per telecomunicazioni Intelsat V.
dw

Home » News » Latina » Formia » Omaggio alla poesia di Corrado...
venerdì 05 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 671
Formia: Il vento, il mare, la donna nella poesia di Calabrò.
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
Ho conosciuto per la prima volta la poesia di Corrado Calabrò nel 1992, quando Giuseppe Cassieri mi fece dono di due opere, l'una "Rosso D'Alicudi" di Corrado Calabrò e l'altra di Cristina Campo ""La tigre assenza" a cura di Margherita Pieracci, Harwel Adelphi, Milano 1991. Due opere che ho molto amato e che mi hanno poi portato a non abbandonare mai la scrittura dei due poeti.
"Rosso d'Alicudi" con la sua sovra copertina gialla (ormai stropicciata dal tempo) ha impresso al centro della pagina un lieve disegno in linee nere: le onde del mare che sembrano un pentagramma; una vela che per metà svetta verso il cielo e per l'altra metà sotto le onde del mare; qui un pesce solitario e inquieto cerca l'immenso. L'opera fu stampata da Arnoldo Mondadori e ha la preziose prefazione di Carlo Bo. Oggi il libro, che l'attendeva da tempo, si è arricchito della dedica di Corrado Calabrò che ho conosciuto il 30/10/2016 personalmente, in quel cenacolo di cultura che Angelo Manitta organizza ai Giardini Naxos, qui confluiscono belle energie da tutto il mondo. Quest'anno per i Manitta è stato strepitoso: hanno pubblicato l'ultima opera di Calabrò "Mare di Luna" (opera che sta avendo grande successo) con postfazione del giovane eccellente critico Giuseppe Manitta e hanno avuto l'onore di premiare personalmente (Premio alla carriera) il Poeta. Nell'analisi critica , presentata al pubblico internazionale, Giuseppe Manitta ha dato altre incisive svolte per comprendere ancor di più la poesia del Nostro.
Ritornando alla mia prima lettura , al prezioso libro "Rosso d'Alicudi", noto che porta ancora nelle pagine gli appunti, le annotazioni e sottolineature che testimoniano non solo una vaga lettura, ma un attento studio. Tra le mie note leggo: l'opera è una triade divina formata dall'amore, la donna e il mare; La finalità del canto come una lotta, un impegno preso con la vita; il poeta non conosce resa, cerca l'amore; sacrifica il poeta sull'altare della nostalgia; la fede, il verso, l'ostinazione. Appunti sparsi e non persi che mi aiutarono e aiutano ancora ad entrare nel profondo e misterioso mare del suo inconscio poetico. Nella pagina successiva alla firma di Carlo Bo, molti appunti in matita blu (quella che usavano i professori per correggere i compiti degli alunni), ormai sbiaditi, non più recuperabili, si fa riferimenti a Laura e Beatrice e al poeta visto come un cavaliere errante, la spada è sguainata e la vita la vuole vivere con tutte le energie possibili.
Oggi, a questi frammenti, oserei aggiungere un'attenzione da dedicare a un'altra presenza familiare alla sua poesia: il vento. Esso nei versi di molte opere, è maestrale , scirocco, è voce violenta che scompiglia le lenzuola dell'amore, che porta il poeta arroventato a fremere, vissuto da un' insonnia perenne. Un'inquietudine, direi, che per quanto avvolta e cauterizzata da quelle onde del mare che si congiungono e slegano con i respiri affannosi del poeta, non trova tregua. Il canto poetico ha polmoni possenti, è Eolo con l'orcio aperto, quasi compagno necessario a una vita vissuta con furore, con energie che esplodono e non conoscono sfinimento. "Oh si, il vento! Il vento che rapido sferza i marosi/ per impedire che si approdi a Delos./ Solo verso sera, sotto costa, /s'acqueta un poco il mare e si distende/ e cede infine palmo a palmo il campo,/ Il vento di mare.... Ah si, il vento! Il vento/ che scompiglia le penne ai gabbiani/ e li fa rannicchiare tremanti/ nelle fenditure degli scogli... / Il vento stormisce nelle sartie/ con stridore assordante./ Sono migliaia di cicale metalliche/ che friniscono insieme..."(Il vento di Myconos (Nostos) da "Mare di Luna" (Il Convivio) pg,23). Il poeta non si limita a sentirlo nelle ossa e negli occhi il vento "Quale vento stanotte m'ha cercato... "ma esso è sempre precursore di nostalgie, di ricordi, di albe da attendere insonne, di momenti sensuali che lo percorrono, lasciandolo rabbrividire; né il desidero si acquieta e la poesia crea strapiombi "salti "(come dice Manitta), le parole si susseguono fluide, in un éxsperimentalisme realiste dove i luoghi, la natura, l'uomo non sono prevedibili. Non possiamo però parlare di un riesame della memoria dei fatti accaduti o solo fantasticati, momenti di erotismo, di compagnie agognate, in realtà il verso vive in una sfrenata contemporaneità. Gli spazi e il tempo, apparentemente confusi, qualche volta sovrapposti, nel ritmo della parola hanno una predestinazione precisa nel suo begetter, che quasi sempre è la donna desiderata, non parlerei d'amore. Forse l'appunto che scrissi un tempo facendo riferimento a Laura e a Beatrice voleva dire che la figura femminile per Corrado Calabrò è una presenza necessaria, la donna inseguita, agognata; il verso ha la stessa frenesia degli eroi dell'Orlando Furioso, il ritmo non conosce argini. E, poi, c'è il mare, tema sul quale anche Carlo Di Lieto con la sua bella opera "La donna e il mare" ha posto l'accento. Ma partiamo dal pensiero (che a suo tempo sottolineai) che troviamo anche sulla sovra-copertina di Carlo Bo: "è un mare senza nome , è la voce eterna della nostra esistenza "Razionalmente, certo, il mare è un rischio/ma io non l'ho mai sentito come tale. Chi si spinge in mare aperto/lascia alle spalle il suo pedestre aplomb/ per galleggiare in stato di abbandono;/ impalati dal dubbio si affonda / ed è d'impiglio, non di salvataggio/ la rete che tesse il raziocini. /Il mare va preso come viene ,/ così, con la sua stessa inconcludenza :/portando verso il petto, a ogni bracciata /un'onda lieve che non si trattiene" (Rosso d'Alicudi pg 66, Lo stesso rischio). Per comprendere questi versi è necessario ricorrere ai percorsi oscuri dell'inconscio: una lettura poco attenta ci farebbe dire che il poeta parli del mare e delle sue caratteristiche, nulla di più errato. I versi svelano l'esistenza stessa di Calabrò; c'è un processo identificativo totale del la vita dell'uomo con quella del mare e in particolare con quella del Nostro. La parola si fa dura e aspra, non ha niente di aulico, ma la grandezza è proprio in questa grinta realistica nell'affrontare e prendere la vita che lo possiede. Una poesia che dà forza, che è una strada seguita con devozione e fedeltà fin dai suoi vent'anni, un rimedio alla disperazione umana, un luogo dove la frenesia, l'esaltazione, l'eterna dolorosa inquietudine, non si quietano, né trovano approdo per essere ruminate lentamente, ma il verso è sostanziale alla sua vita, non c'è dualismo tra la poesia e la vita (parlo della vita dell'uomo servitore dello Stato); non sono da considerare due cose, ma un'unica forza . La vita, come poesia è un vortice , un tango passionale e lieve, un urlo, un orgasmo, a volte anche un crepuscolarismo malinconico.

postato da: computer  


Formia: A pensare male si fa peccato però spesso ci si azzecca
letture: 201
22 maggio 2017 di PRC Formia
Formia: Lo spettacolo continua
letture: 230
22 maggio 2017 di killroy
Formia: A chi tocca farlo? Certamente, come al solito, il comune si scaricherà su Acqualatina e viceversa.
letture: 220
22 maggio 2017 di Nino38
Formia: "Alla ricerca della luce"
letture: 485
21 maggio 2017 di computer
Formia: Appello ai comunisti e alle comuniste di Formia (13)
letture: 731
18 maggio 2017 di PRC Formia
Comitato Spontaneo di lotta contro Acqualatina di FormiaFormia: Che fine fanno i soldi delle nostre bollette?
letture: 671
16 maggio 2017 di Comitato Spontaneo Lotta Contro Acqualatina (Formia)
Formia: A Gaetano Quercia non possiamo dargli torto (7)
letture: 1162
15 maggio 2017 di Nino38
Formia: La nostra solidarietà ai ragazzi Extravaganti di Formia (2)
letture: 899
11 maggio 2017 di PRC Formia
Formia: Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello Osservare la polvere (2)
letture: 1015
09 maggio 2017 di computer
Formia: Il policlinico del golfo tra mito e realtà
letture: 646
08 maggio 2017 di PRC Formia








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
"Alla ricerca della luce"
letture: 485
21 maggio 2017
Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello (2)
letture: 1015
09 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 672
05 maggio 2017
Firenze- Pianeta Poesia "Destini sincronici" ne parla la scrittrice Franca Bellucci
letture: 961
01 maggio 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 1312
27 aprile 2017
Intervista a Carmen Moscariello
letture: 945
23 aprile 2017
Restituiamo la letteratura meridionale ai licei
letture: 1105
17 aprile 2017
Fragmenta Passionis
letture: 818
16 aprile 2017
La poesia di Carmen Moscariello. Nota di Ugo Piscopo
letture: 780
15 aprile 2017
"Appartenere alle parole"
letture: 1069
14 aprile 2017