Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 16118
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 10609
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 8449
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 7012
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 6594
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 7121
dal 03/12 al 31/12 Golfo di Gaeta: Gli Studenti dell'I.T.E. Filangieri di Formia in Alternanza Scuola Lavoro
letture: 1611
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 698
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 1889
dal 08/12 al 06/01 Gaeta: CONCORSO "Il Presepe di Casa Mia"
letture: 1807
dal 08/12 al 07/01 Sperlonga: Un Natale ricco di eventi
letture: 1251
dal 08/12 al 07/01 Fondi: A Natale a Fondi c'è di più!
letture: 1275
21/12 Gaeta: Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 495
dal 24/12 al 07/01 Gaeta: PUER NATUS MOSTRA IMMAGINETTE SACRE
letture: 474
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3392
dal 26/12 al 30/12 Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!"
letture: 866
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.518
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
18
dicembre
S. Graziano V.
Compleanno di:
sex gfgaeta
sex joepass
sex kate1900
sex Nico68
sex Raf1979
sex tastiera45
nel 1865: Con il 13esimo emendamento della Costituzione gli Stati Uniti abolisce la schiavitù.
nel 1993: Il rugby italiano festeggia il primo storico successo su una squadra britannica:Italia-Scozia 18-15.
dw

Home » News » Latina » Formia » "La camorra che occupa sempre ...
giovedì 27 aprile 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 1560
Formia: "Se prima esistevano due classi sociali, oggi ce ne sono tre: la povera gente, la cosiddetta classe media (moribonda) e la camorra che occupa sempre più spazi". (Aldo Masullo)
Il libro dell'inquietudine (Livro de desassosego) di Bernardo Soares (eteronimo di Fernando Pessoa, Lisbona 1888-1935), pubblicato da Newton Compton (traduzione di Piero Ceccucci e Orietta Abbati), è un libro apparentemente privo di organicità: pensieri, brevi composizioni che l'autore-poeta trascrive, inventandosi infinite identità, nelle quali entra di diritto come attore protagonista e ne vive ogni metamorfosi. Un corposo taccuino, un non libro, ossia un libro fuori dai canoni, appunti sparsi, ma continuativi, pubblicato postumo, eppure così avvincente nei suoi 400 piccoli racconti, meditazioni, aforismi (ne scrisse fino in punto di morte); un'opera di finzione e di meditazione che porta in questo caso Pessoa (La Persona) a divenire molti alter ego, fino a un naufragio identificativo che lo caratterizza come Personne. Il libro è tutto attraversato da un'inquietudine devastante che si concretizza con l'annientamento di ogni identità. L'inquietudine incide in modo diverso: crea 400 situazione o meditazioni che mettono in luce una chiara volontà di ricerca, che poi naufraga nel divenire, come scrive Nerval sotto un suo quadro, "Je suis l'outre", oppure come Rimbaud Je est un outre, per divenire desassosego in Pessoa.
Cosa diversa è l'inquietudine per Aldo Masullo: il Maestro dell'intersoggettività non è animato da questo doloroso annientamento. I due Maestri del pensiero sono diversi: Pessoa conservatore, seguace dell'Ordine dei Templari di Jacques de Molay, appartato dalle competizioni del mondo, appassionato di misticismo e occultismo; Masullo, grande e amato Docente, insigne politico della sinistra, ateo, fideista nell'uomo della ragione, ovvero nell'assoluta esigenza di ogni uomo di cercare l'altro (l'uomo è un animale politico), che confligge con il suo prossimo nel momento in cui l'altro mette in crisi la nostra libertà, provocando inquietudine.
Dunque, per il Prof. Masullo l'inquietudine nasce da un impedimento d'esercizio della libertà; nell'indomito Filosofo l'incertezza si trasforma in un ritmo di ricerca inquieta, fino alla morte; il non attuamento definitivo di questa ricerca, il non approdo alla quiete, provoca in noi inquietudine; questo percorso apparentemente si presenta come una linea in ascesa, pur tuttavia non ci mette al riparo dall'inquietudine, con l'impossibilità di un approdo definitivo, anche se la ricerca stessa della quiete restituisce alla vita il suo ardore denso.
Durante la conferenza tenutasi a Napoli presso l'Istituto di Cultura Meridionale, (Relatori: Masullo, Prisco, Moscariello) sorprendendo non poco il pubblico, abbiamo utilizzato un aggettivo, in questo caso un sostantivo, che ci è sembrato calzante con la sua ricca e umana personalità, chiamandolo "Aldo Masullo il Perturbante" (termine che è molto piaciuto al Professore, che lo ha meglio definito storicamente al colto pubblico). Noi abbiamo chiarito la ragione di questa scelta: "Nella lettura e studio di alcune delle sue ultime opere come Piccolo teatro filosofico, dialogo su anima verità, giustizia, tempo (Mursia 2012) e Theatrum mentis. Saggi sul pensiero di Aldo Masullo a cura di Giuseppe Cantillo e Dario Giugliano (Mursia 2014, in quest'ultimo libro sono stati raccolti gli interventi dei relatori che si espressero sul pensiero di Masullo qualche mese fa presso l'Accademia delle Belle Arti di Napoli e sono stati aggiunti altri preziosi studi), ebbene anche in considerazione solo di queste due opere, abbiamo fatto notare che Aldo Masullo è perennemente attraversato dall'inquietudine. Intesa questa, come egli stesso ci insegna, come sine quiete. Per esempio i personaggi di Piccolo teatro filosofico sono tra i più inquieti della storia dell'umanità: Giordano Bruno, Amleto, Papa Benedetto (XVI?), Eraclito l'Oscuro e anche "lo Sveglio Orologiaio", ognuno è espressione d'inquietudine nella loro spasmodica ricerca della verità e nel contempo nell'affermazione della libertà del proprio pensiero: Bruno bruciato vivo perché il suo pensiero non si piegò ai dettami dei giudici della Controriforma; Benedetto (non specifica il Filosofo se si tratti di Benedetto XVI, ma intuiamo che si riferisca proprio a Lui), testimone della fede e della ricerca di una vita spirituale da insegnare anche al prossimo; Amleto nella sua impossibile drammatica scelta di "Essere o non essere", pragmatismo o spiritualità? Ancora di più incide sull'inquietudine di questi personaggi "l'orologio smarrito" del tempo. Non possiamo dire che il tempo è inquieto, ma più semplicemente sono gli uomini a vivere questo sentimento, o meglio è l'uomo che cerca la verità che è inquieto. Dunque, l'inquieto non è colui che vive agitato, che non ha tempo per pensare, l'uomo del mercato virtuale, colui che rincorre la ricchezza e potere ad ogni costo: si assiste, in questo caso, più che altro allo spettacolo dell'uomo irrequieto, agitato, aggressivo, violento, o più semplicemente anche dell'uomo che si lascia vivere.
Il pensiero di Masullo in merito a quanto sopra si esplica in una dialettica non priva di fascino, in un accorto successorio di logica: "In tal caso inquieto può essere colui che cerca la verità, quindi un senso totale della vita che cerca con la ragione e non lo trova, nella eccezione agostiniana solo in Dio si può trovare questa pacificazione, inquietum io lo leggo come non essere quieto proprio perché la mia stessa soggettività si viene formando producendo questo alter ego dentro di me col quale io mi devo confrontare, che mi appare e mi sfugge e quindi mi inquieta. Poi c'è un terzo significato dell'inquieto, è quello che troviamo in qualche testo medievale, un certo Guigò, un abate, un benedettino francese, il quale scrive un libro di meditazione in cui parla dell'inquietudine in cui dice che è inquieto colui che non è sicuro, sicuro in senso etimologico significa senza cura, senza preoccupazione, quindi colui che non è senza preoccupazioni è inquieto, questa concezione dell'inquietudine si può certamente riportare a quella di Sant'Agostino, cioè io cerco il senso e non lo trovo, quindi sono inquieto, però in quella di Guigò c'è qualcosa di diverso perché non è la ricerca del senso che mi sfugge e quindi mi inquieta, ma è la ricerca della sicurezza che non riesco a realizzare, cioè mentre in Sant'Agostino è la ricerca del senso che dà pienezza alla mia vita, lì viceversa è la ricerca di essere al riparo dalle preoccupazioni, nel senso morale, però c'è una sfumatura diversa rispetto a Sant'Agostino, cioè l'inquietudine è il frutto della mancanza di sicurezza in Sant'Agostino è la mancanza di senso. Quindi sarebbe interessante investigare aspetti dell'interiorità come o fame di senso insoddisfatto o fame di sicurezza insoddisfatta, perché poi potremmo dire maliziosamente che lo spazio dell'interiorità cresce con la compressione della nostra capacità, della nostra capacità di esprimerci nell'oggettività del mondo. Quindi è il rifugio nella interiorità che si sceglie, quando il mondo non mi soddisfa, ... si potrebbe dire che l'interiorità è il frutto dell'infelicità".
È inquietudine, a nostro parere anche vivre en malaisie; la malaisie du vivre in poesia si esprime per esempio nei versi di Sandro Penna in una malinconico non senso della vita che ci sfugge dalle mani come acqua "io vivere vorrei addormentato entro il dolce rumore della vita... la vita... è ricordarsi di un risveglio /triste in un treno all'alba: la luce incerta: aver sentito /nel corpo rotto la malinconia /vergine e aspra nell'alba pungente. L'inquietudine è anche nel canto e nella musica: Nelle Nozze di Figaro di Beaumarchais, ma anche in quelle di Mozart, dello stesso Paisiello (la folle giornata), qui è l'eros a creare inquietudine, il pathos dell'amore o dell'odio può indurci ad atti irrefrenabile. Nel convegno abbiamo fatto riferimento a due fatti di cronaca correlati: alla mostra di Amedeo Modigliani e ses amis (10 ottobre-15 febbraio 2015) a Pisa, al Palazzo Blu, e ad un evento a Napoli il 9 dicembre nella basilica di San Giovanni Maggiore, dove ci sarà un concerto di Patti Smitt. A Pisa sono esposti circa 100 capolavori di Modì provenienti molti dal centro Pompidou e che hanno come protagonista Jeanne Hébuterne, musa e amante del Nostro negli ultimi tre anni della sua vita, in particolare potremo ammirare il "Nudo sdraiato" che ritrae Jeanne Hébuterne, la giovanissima fanciulla dai capelli ramati e dalla pelle bianchissima, morta suicida il giorno dopo la morte di Modigliani (1920). L'altro fatto, come dicevamo, riguarda la presenza di Patti Smitt a Napoli, la sacerdotessa del rock, la poetessa fiammeggiante, l'esempio della umanità lirica, di un maledettismo nell'arte che presenterà nel suo repertorio anche una canzone dedicata a Jeanne Hébuterne Dancing Barefoot (Ballando a piedi nudi), una canzone struggente, inquieta, traboccante di passione che fa riferimento all'amore tragico dei due artisti. Alla luce di questi due episodi potremmo parlare del protagonismo di due tipi d'inquietudine nell'opera d'arte: l'una creativa, l'altra, seppur creativa, mal calibrata che può portare anche al totale annientamento e, nel caso in oggetto, all'autoannientamento di se stessi. Modigliani muore di tisi, ma era già distrutto dall'alcool, Hébuterne, anche bravissima pittrice, si lancia dal quinto piano, subito dopo la morte dell'amato. Sono certamente anche questi due casi riferibili all'inquietudine che potrebbe essere anche considerata, a nostro avviso, madre dell'opera d'arte, ma che porta a volte anche a vivere l'esistenza in uno stato di dolore incontrollato. Anche in questo caso la risposta di Masullo è stata chiara e incisiva: "L'artista è colui che non si piega all'ipocrisia del mondo, è colui che cerca e vive la verità della vita e lotta eroicamente contro il mondo ipocrita, a volte fino a soccomberne". La tensione emotiva, la ricerca della verità ad ogni costo, diviene dunque tensione etica. Sul suicidio, il Filosofo ha preferito non esprimersi per la delicatezza e il rispetto che tali fatti richiedono.
Molto interessante è stato anche l'intervento di Annella Prisco che nei principeschi luoghi ha accolto insieme all'avvocato Gennaro Famiglietti l'illustre ospite e il raffinato pubblico. L'elegante scrittrice (Figlia d'arte e Presidente del Centro Studi Michele Prisco, promotore anch'esso dell'incontro) ha sottolineato in particolar modo l'uomo della crisi tutto produttività, teso più che altro a confrontarsi con i mezzi virtuali e privo di uno spessore etico essenziale per migliorare i rapporti del vivere. Ha posto l'accento sul tema dell'inquietudine come solitudine dell'uomo moderno, come colui che ha perso la sua humanitas ed è divenuto immagine virtuale dell'apparire in un'efficienza che nulla ha a che vedere con la crescita delle esperienze umani e culturali. Le conclusioni sono venute dall'avv. Famiglietti, che ha insistito nell'interrogare il Professor Masullo sulle condizione attuali della città di Napoli; Masullo ha dato una risposta dolorosa, vedendo le condizioni della città peggiorate nel tempo: "Se prima esistevano due classi sociali, oggi ce ne sono tre: la povera gente, la cosiddetta classe media (moribonda) e la camorra che occupa sempre più spazi". La possibilità per uscire dall'abisso c'è , questa è da identificare in un ruolo rivoluzionario, rispetto a quello attuale, dell'educazione che deve interessare la formazione dell'uomo fin da bambino". La povertà di Napoli, come quella di tutto il Paese, è soprattutto una povertà culturale, bisognerebbe attuare un totale cambiamento di rotta, in cui ogni cittadino dovrebbe prendersi le proprie responsabilità.

postato da: computer  


Formia: Le strane amnesie della ASL nel caso "acqua". Piove, dai rubinetti torna ad uscire acqua di colore giallo, non potabile, ma per l'ASL.....
letture: 823
17 dicembre 2017 di iandemon
Stemma di FormiaFormia: Sandro Bartolomeo: "La crisi e il mio impegno per Formia" Il Sindaco di Formia propone su "Lazio Sud" una breve disamina degli obiettivi centrati o mancati dalla sua amministrazione dimissionaria (1)
letture: 125
16 dicembre 2017 di LGC
Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità IL PROGETTO CROWDFUNDING A FORMIA
letture: 698
13 dicembre 2017 di Flaminio
Formia: E' arrivato il grande gelo e di un riparo per i senzatetto nemmeno l'ombra
letture: 691
13 dicembre 2017 di PRC Formia
Formia: Le anomalie nei lavori di ristrutturazione degli istituti superiori di Formia
letture: 942
08 dicembre 2017 di PRC Formia
Formia: Non possiamo che ringraziare il Sindaco Dr. Sandro Bartolomeo (9)
letture: 1428
08 dicembre 2017 di TF Press
Formia: La truffa del bonus "asilo nido" è servita
letture: 1020
03 dicembre 2017 di PRC Formia
Formia: Non ci resta che piangere (3)
letture: 1589
02 dicembre 2017 di FormiaViva2018
Formia: Il Dio dimenticato Poeti ignoti e meno noti della letteratura italiana
letture: 1889
01 dicembre 2017 di coccia_tosta
Formia: "Farneticanti affermazioni dell'ex sindaco di Formia" (3)
letture: 1620
30 novembre 2017 di TF Press








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Premio "Tulliola Renato Filippelli" XXIV Edizione
letture: 2482
08 ottobre 2017
La poesia di Carmen Moscariello di Giuseppe Iuliano
letture: 1187
28 maggio 2017
"Alla ricerca della luce"
letture: 1204
21 maggio 2017
Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello (2)
letture: 1285
09 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 939
05 maggio 2017
Firenze- Pianeta Poesia "Destini sincronici" ne parla la scrittrice Franca Bellucci
letture: 1166
01 maggio 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 1561
27 aprile 2017
Intervista a Carmen Moscariello
letture: 1203
23 aprile 2017
Restituiamo la letteratura meridionale ai licei
letture: 1433
17 aprile 2017
Fragmenta Passionis
letture: 1113
16 aprile 2017