Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree
Magliozzi Programma
Nuova Area




Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/05 al 30/05 Golfo di Gaeta: Appuntamenti Nati per Leggere nel Maggio dei Libri
letture: 2910
dal 18/05 al 20/08 Minturno: "Ciak, Si Scatta!" il concorso fotografico a tema cinematografico di Visioni Corte Film Festival
letture: 985
dal 25/05 al 28/05 Napoli: La Stazione Zoologia Anton Dohrn a "Futuro Remoto - CONNESSIONI - XXXI Edizione"
letture: 413
26/05 Gaeta: Quale futuro per Gaeta?
letture: 842
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.483
visitatori:287
utenti:7
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
26
maggio
S. Filippo Neri
Compleanno di:
sex fdd
nel 1805: Napoleone Bonaparte viene incoronato re d'Italia.
nel 1910: Prima trasferta e prima sconfitta per l'Italia che a Budapest si errende all'Ungheria per 6-1.E' Rizzi all'88' a salvare l'onore azzurro firmado l'unica nostra rete.
dw

Home » News » Latina » Formia » Grande successo a Firenze per ...
giovedì 06 aprile 2017
Grande successo a Firenze per la Moscariello
"Destini sincronici. Amelia Rosselli e Rocco Scotellaro con lettere di Rocco a Michele Prisco"
letture: 1288
Formia: Grande successo a Firenze per la Moscariello , accolta nella casa di Dante, presenti i più grandi poeti fiorentini, tra gli altri Franco Manescalchi, cittadino onorario della Lucania e di Matera, fiorentino, appassionato studioso di Rocco Scotellaro. Parole di grande ammirazione per l'opera e di stima per la scrittrice sono venute da Mariagrazia Carraroli (poetessa) e Annella Prisco (giornalista, saggista, scrittrice). L'incontro è iniziato alle 17,00 in punto, sala gremita.
Grande successo a Firenze per la Moscariello , accolta nella casa di Dante, presenti i più grandi poeti fiorentini, tra gli altri Franco Manescalchi, cittadino onorario della Lucania e di Matera, fiorentino, appassionato studioso di Rocco Scotellaro. Parole di grande ammirazione per l'opera e di stima per la scrittrice sono venute da Mariagrazia Carraroli (poetessa) e Annella Prisco (giornalista, saggista, scrittrice). L'incontro è iniziato alle 17,00 in punto, sala gremita.
la terra di Rocco ScotellaroIl volume di Carmen Moscariello, Destini sincronici: Amelia Rosselli e Rocco Scotellaro. Con lettere di Rocco Scotellaro a Michele Prisco, Prefazione di Annella Prisco e Introduzione di Aniello Montano, si pone sulla scia del rinnovato interesse di questi ultimi anni verso la figura di Rocco Scotellaro, giovane poeta lucano, sul quale s'incentra l'opera del Centro di documentazione "Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra". Fondato a Tricarico (Matera), suo paese natio, nel 2003 per il Cinquantesimo della sua morte, avvenuta prematuramente a Portici (Napoli) il 15 dicembre 1953, il Centro costituisce, infatti, un punto di riferimento degli studi su questo poeta, intellettuale, politico e ricercatore, che ha operato con l'entusiasmo della gioventù e l'amore per la propria terra negli anni del dopoguerra, caratterizzati dagli immani problemi causati da un conflitto mondiale senza precedenti e dopo vent'anni di dittatura, per cui bisognava ricostruire materialmente e moralmente la Nazione e gettare le fondamenta della democrazia. Dopo il bavaglio della censura fascista bisognava, nel contempo, attivare anche nuovi processi culturali e Scotellaro fu coinvolto a pieno nella ripresa del dibattito letterario in Italia, che si apriva tra l'altro ai fermenti provenienti dai poeti stranieri e faceva capo alle riviste letterarie, che numerose si fondavano in quegli anni. Pensiamo a «Botteghe oscure», una delle più autorevoli del tempo, creata nel '48 dalla principessa Marguerite Caetani e diretta da Giorgio Bassani, alla quale Scotellaro aveva collaborato con la pubblicazione di molte poesie e il racconto La capera. Pensiamo alla rivista fiorentina di politica e letteratura «Il Ponte», fondata e diretta da Pietro Calamandrei, su cui pubblicò il noto componimento poetico Al sopportico delle api il primo amore; come pure al periodico «Comunità», organo d'informazione del Movimento di Comunità diretto da Adriano Olivetti, dove nel 1950 e nel 1951 comparvero due sue poesie e il racconto Fili di ragno.
È in questo contesto di ricostruzione delle libertà e delle istituzioni democratiche (Scotellaro fu eletto sindaco di Tricarico a soli 23 anni nelle prime votazioni amministrative dell'Italia repubblicana), ma anche quel suo essere poeta che ha lasciato segni visibili nel mondo letterario con quel «centinaio di liriche che - a giudizio di Eugenio Montale - rimangono certo tra le più significative del nostro tempo», che s'inserisce il rapporto tra Rocco Scotellaro e Amelia Rosselli, poetessa tra le maggiori del panorama letterario del Novecento, che amava firmarsi "Marion" nel ricordo della madre, Marion Cave Rosselli. Si conobbero in occasione del Convegno su "La Resistenza e la cultura italiana", tenuto a Venezia dal 22 al 24 aprile 1950 e al quale Scotellaro era stato invitato da Carlo Levi e da Carlo Muscetta. I due giovani - lei ventenne da poco rientrata dall'esilio e col peso di essere la figlia di Carlo Rosselli, illustre vittima del fascismo, lui ventisettenne da poco uscito dal carcere ingiustamente subito per "vendetta politica" - intrapresero un intenso rapporto intessuto di incontri e di un dialogo intellettuale, che passò anche da frequenti prestiti di libri da parte della poetessa al giovane amico lucano.
Merito del libro di Carmen Moscariello è quello di aver rifocalizzato l'attenzione sul legame tra la Rosselli e Scotellaro, ma anche di aver approfondito un altro importante rapporto intrattenuto da Rocco Scotellaro, quello con Michele Prisco, conosciuto a Macerata nel novembre 1949 nel corso del Convegno su "La cultura nelle province". L'uno, sindaco di Tricarico, oltre che poeta già abbastanza conosciuto, l'altro autore del libro La provincia addormentata, pubblicato da pochi mesi, entrambi partecipi di quel momento «estremamente ricco di fervore e di tensione. - come scrive lo stesso Prisco - [Un momento che] non era un'illusione della nostra giovane età, ma veramente alla fine della guerra, negli anni della grande speranza, [...] in ciascuno di noi c'era una luce, un rigore, un amore per quanto è serio e impegnativo e costruttivo». Resta come testimonianza di quel clima e di quell'amicizia un piccolo ma importante corpus di lettere del 1949-1951, inviate a Michele Prisco da Scotellaro, che Carmen Moscariello propone nel suo libro. «Il lettore vi ritroverà la sua disavventura di sindaco - aveva commentato Michele Prisco nel settembre del 1983, allorquando la Banca Popolare Pugliese, alla quale le lettere appartengono, le rese note - ma, soprattutto, il suo bisogno non soltanto pratico di far sentire la propria voce di scrittore per inserirsi in un giro non più provinciale, e insieme il ritratto umano d'un poeta, un giovane, troppo presto e ingenerosamente stroncato dal destino (un infarto lo uccise a trent'anni, nel '53), ma la cui voce è diventata un punto fermo: non soltanto per la sua terra natale, ma per quanti ancora chiedono alla poesia una guida che non sia epidermicamente consolatoria». Tra le lettere spedite a Michele Prisco compare una molto commovente, inviatagli il 16 febbraio 1950 da Isabella Santangelo, la fidanzata di Scotellaro, con la quale gli comunica la triste vicenda della reclusione nelle carceri di Matera, di cui era stato vittima il suo Rocco.
Un altro elemento di novità, che emerge dalla ricerca di Carmen Moscariello, è l'attenzione che un grande uomo politico come Pietro Nenni, leader storico del socialismo italiano e uno dei massimi dirigenti del socialismo e dell'antifascismo italiano e internazionale, ebbe nei confronti di Rocco Scotellaro. L'antifascista Nenni, confinato a Ponza nel febbraio 1943 e liberato il successivo 5 agosto, era stato poi eletto segretario generale del PSI. A sua volta, Scotellaro appena ventenne aveva chiesto la tessera del PSI il 4 dicembre 1943, mentre le forze anglo-americane avviavano la liberazione del Mezzogiorno d'Italia, e dopo pochi giorni fondava a Tricarico la Sezione socialista "Giacomo Matteotti". Pietro Nenni, che aveva una casa a Formia e che era stato molto vicino alla vicenda umana di Amelia Rosselli, così come aveva seguito anche quella del sindaco socialista di Tricarico, custodiva nella sua biblioteca i libri e gli articoli scritti da Rocco Scotellaro e quelli che «l'Unità» e «l'Avanti» gli avevano dedicato subito dopo la morte. Questi volumi e questo materiale archivistico, a seguito della donazione avvenuta nel 1985 da parte delle sue figlie, sono oggi conservati dalla Fondazione Nenni, che ha sede a Roma.
Donde scaturisce la ricerca di Carmen Moscariello, confluita in questo libro? Certamente dalla sua notevole sensibilità umana e dalle sue curiosità intellettuali, doti alle quali va dato merito, ma anche dall'aver saputo cogliere e leggere alcune circostanze storiche incentrate su Formia e sulle figure alle quali abbiamo fatto cenno. Aggiungiamo la sua capacità di educatrice di giovani, a lei affidati come docente nell'Istituto Magistrale "Cicerone" di Formia, che negli anni Novanta realizzò per i suoi studenti significativi "Incontri con l'Autore". In quelle occasioni la Moscariello ebbe modo di avvicinare e poi frequentare dapprima Vittorio Foa, uno dei padri della Repubblica Italiana, già partigiano nelle fila di "Giustizia e Libertà" e nel '43 iscritto al Partito d'Azione, poi militante nel PSI, morto proprio a Formia nel 2008. Foa - testimonia l'Autrice del libro - aveva fatto della sua casa a Formia un punto di riferimento per molti giovani intellettuali. Fu poi la volta della poetessa Amelia Rosselli, anche lei invitata per un incontro con gli studenti e con la quale il rapporto di Carmen Moscariello divenne un'amicizia "discreta", intessuta di "silenzi lunghi". Alla Rosselli la Moscariello, poetessa anch'ella, ha dedicato, tra l'altro, alcuni scritti sulla rivista «Oggi e domani» e su "Il tempo". A questi valori e a queste figure si ispira, dunque, l'impegno culturale di Carmen Moscariello ed anche la sua produzione poetica. È appena il caso di ricordare che l'Autrice è nata a Montella (Avellino) e viene, dunque, da quell'area geo-storica che è l'Irpinia, tanto vicina alla Basilicata per impegno meridionalista e tanto permeata di cultura letteraria e poetica.
Le fotografie provenienti dagli archivi fotografici del Centro di documentazione, che abbiamo messo a disposizione di questo volume, ben si collocano, dunque, a corredo dei risultati di questa ricerca.
Tricarico, 9 ottobre 2015
Carmela Biscaglia
direttore del Centro di documentazione
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra"

postato da: computer  


Formia: A pensare male si fa peccato però spesso ci si azzecca
letture: 501
22 maggio 2017 di PRC Formia
Formia: Lo spettacolo continua
letture: 530
22 maggio 2017 di killroy
Formia: A chi tocca farlo? Certamente, come al solito, il comune si scaricherà su Acqualatina e viceversa.
letture: 495
22 maggio 2017 di Nino38
Formia: "Alla ricerca della luce"
letture: 659
21 maggio 2017 di computer
Formia: Appello ai comunisti e alle comuniste di Formia (13)
letture: 743
18 maggio 2017 di PRC Formia
Comitato Spontaneo di lotta contro Acqualatina di FormiaFormia: Che fine fanno i soldi delle nostre bollette?
letture: 676
16 maggio 2017 di Comitato Spontaneo Lotta Contro Acqualatina (Formia)
Formia: A Gaetano Quercia non possiamo dargli torto (7)
letture: 1174
15 maggio 2017 di Nino38
Formia: La nostra solidarietà ai ragazzi Extravaganti di Formia (2)
letture: 906
11 maggio 2017 di PRC Formia
Formia: Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello Osservare la polvere (2)
letture: 1021
09 maggio 2017 di computer
Formia: Il policlinico del golfo tra mito e realtà
letture: 653
08 maggio 2017 di PRC Formia








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
"Alla ricerca della luce"
letture: 659
21 maggio 2017
Sud, un mondo che va rispettato di Carmen Moscariello (2)
letture: 1021
09 maggio 2017
Omaggio alla poesia di Corrado Calabrò di Carmen Moscariello
letture: 677
05 maggio 2017
Firenze- Pianeta Poesia "Destini sincronici" ne parla la scrittrice Franca Bellucci
letture: 966
01 maggio 2017
"La camorra che occupa sempre più spazi" Di Carmen Moscariello
letture: 1316
27 aprile 2017
Intervista a Carmen Moscariello
letture: 951
23 aprile 2017
Restituiamo la letteratura meridionale ai licei
letture: 1114
17 aprile 2017
Fragmenta Passionis
letture: 822
16 aprile 2017
La poesia di Carmen Moscariello. Nota di Ugo Piscopo
letture: 783
15 aprile 2017
"Appartenere alle parole"
letture: 1075
14 aprile 2017