Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 12724
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 7315
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 9481
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 5938
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 5234
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 3796
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 3300
18/11 Fondi: Giornata Mondiale Diabete - screening gratuito
letture: 565
18/11 Formia: Convegno "L'INSERIMENTO LAVORATIVO DEI GIOVANI"
letture: 407
18/11 Minturno: Colletta alimentare in occasione della giornata mondiale dei poveri
letture: 366
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 3915
dal 24/11 al 26/11 Formia: Spettacolo teatrale e pranzo pro-TELETHON e Ailu
letture: 542
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.515
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
17
novembre
S. Elisabetta d'Ungheria
Compleanno di:
sex kea67
sex sky
nel 1558: In Egitto viene aperto il canale di Suez.
nel 1970: Atterra sulla luna il Lunokhod I. A bordo dei veicolo sovietico non ci sono astronauti. Il mezzo è telecomandato.
dw

Home » News » Webzine » Politica » Mappe economia, dove sono più ...
domenica 19 marzo 2017
Mappe economia, dove sono più alte le tasse per le imprese in Europa? In Italia e Francia
letture: 948
Dalle Alpi....ai Pirenei, dammi la tua munnezza e ti dirò chi sei! Bellavista
Dalle Alpi....ai Pirenei, dammi la tua munnezza e ti dirò chi sei! Bellavista
Politica: Nonostante le apparenze, certo Italia e Francia sono più dissimili di quanto sembrino (*), lo abbiamo già visto.
img
Eppure vi è una caratteristica in cui appaiono, e sono, nella stessa categoria. Quella delle tasse.


In particolare della tasse sulle imprese. E' quanto emerge anche dalla mappa pubblicata su Vividmaps, e che illustra come l'Europa si divida sulla Corporate income tax. Si tratta della tassazione sui profitti di un'azienda.


L'Europa appare qui più divisa che mai se pensiamo che si va da meno del 10% a più del 30%.


E in alcuni Paesi vi è un quarto dell'aliquota che è presente altrove.


In linea di principio la divisione è tra Est, con tassazione minore, e Ovest, dove lo Stato chiede di più. Ma ci sono eccezioni. Vediamo meglio i dati.


MAPPE, E' IL MONTENEGRO IL PAESE DOVE LE IMPRESE SONO MENO TASSATE


Il record a quanto par sembra essere detenuto da Italia, Francia e Belgio, dove si supera il 30%. Al contrario nel piccolo Montenegro si va anche sotto il 10%. Una evidente tattica per attirare imprese dai Paesi più grandi, più ricchi e più tartassati.


Decisamente bassa, tra 10% e 15%, la tassazione in Irlanda, dove è del 12%, in Kossovo, Bulgaria, Macedonia, Bosnia Erzegovina, Moldova, Cipro. Paesi che vorrebbero appunto emulare l'Irlanda nell'attrazione di multinazionali, ma che per ora rimangono tra i più poveri.


Sotto il 20% quasi tutto il resto dell'Est Europa, tranne la Slovacchia e la Croazia, e il Regno Unito.


E' quanto si passa ai Paesi con le tasse più alte che si va a Ovest, e tra il 20% e il 25% troviamo Portogallo e Paesi Scandinavi, nonchè la Russia.

Si sale oltre il 25% con Germania, Austria, Spagna, Paesi Bassi, fino arrivare ai record belga, francese, e italiano appunto.


La tassazione eccessiva per le imprese, che comprende anche le imposte regionali come l'IRAP, nonchè il cuneo fiscale per i dipendenti, non a caso è materia di discussione anche in questi altri Paesi.


Per poter tagliare queste tasse, però, vi è bisogno di tagliare proporzionalmente la spesa. Le regole di Maastricht certo non consentono degli sgravi improvvisi e massicci per ora.


I Paesi dell'Est sono nati di fatto in una situazione di tabula rasa, o quasi, con la fine del comunismo, e non si sono ritrovati con uno Stato Sociale da mantenere. Come accaduto per esempio all'Ovest.


Tuttavia per esempio i Paesi scandinavi sono un esempio di come si sia potuto mantenere un buon welfare e tagliare le imposte. Che ora sono sotto il 25%, grazie anche alla crescita



img


_____

(*)
LE ECONOMIE DI ITALIA E FRANCIA, UN CONFRONTO, PERCHE' NOI RIMANIAMO INDIETRO


img


C'è una vulgata comune che vorrebbe le economie di Italia e Francia accomunate come da uno stesso destino, e quindi alleate in Europa contro l'austerità tedesca.


Più volte è emersa questa visione, sia nel celebre incontro dei leader socialisti, quello della foto con Renzi, Valls, Sanchez, e i maggiormente sconosciuti Post, tedesco, e Samson, olandese. tutti in camicia bianca nel settembre 2014, sia soprattutto nel summit dei Paesi mediterranei con governi di sinistra pochi mesi fa, quando Renzi e Hollande hanno accolto Tsipras in nome di una visione comune contrapposta all'egemonia tedesca.


E però poi non se ne è fatto nulla, anzi. Le ultime richieste di una manovra aggiuntiva per 3,4 miliardi arriva proprio dal commissario Moscovici, socialista francese, che come unica mossa clemente verso l'amico Renzi aveva sospeso la procedura in vista del referendum, ma si trattava solo di un rinvio. Il deficit concordato dovrà essere rispettato.


Nel frattempo sono continuate le acquisizioni delle industrie francesi ai danni di quelle italiane. Dopo il tentativo di scalata ostile di Vivendi su Mediaset, vi è stata la fusione tra Luxottica e Essilor, in cui Del Vecchio sarà sì AD, ma con un piano di successione (l'imprenditore italiano è ultra-ottantenne) che prevede un francese alla guida entro pochi anni, con un quartier generale del resto in Francia.


E così il confronto con gli amici-nemici francesi torna attuale. Perchè non sembra possibile un'alleanza con i cugini d'Oltralpe e invece pare che questi siano destinati sempre ad avere una marcia in più?


Perchè effettivamente, a guardare i dati, ce l'hanno.


ECONOMIE DI ITALIA E FRANCIA, DESTINO SIMILE SU DEFICIT E DISOCCUPAZIONE, MA I FRANCESI HANNO MENO GIOVANI DISOCCUPATI


La credenza che in fondo siamo molto simili nasce dal confronto di alcune grandezze come il deficit, la spesa pubblica, la disoccupazione, che affiancano la Francia più all'Italia e ai Paesi del Sud Europa che alla Germania e ai Paesi nordici.


Il deficit francese infatti dal 2003 è sempre stato più alto di quello italiano, sia Sarkozy che Hollande hanno sempre rifiutato di fare gli aggiustamenti richiesti ai Paesi in deficit eccessivo, e di fatto si può dire che nessuna austerità sia mai stata applicata Oltralpe


img


Non a caso la spesa pubblica è la più alta d'Europa in confronto al PIL, al 57%, contro il 50,4% dell'Italia


img


Abbassare questo livello appare quasi impossibile, se non con riforme radicali e dolorose che oggi i francesi non vogliono accettare, come si è visto con le proteste per le riforme del lavoro e con il voto di protesta anti-globalizzazione al Front National e alla sinistra radicale.


L'immobilismo francese ha delle conseguenze, prima fra tutti l'altro livello di disoccupazione, ancora al 10%, non lontanissima da quella italiana.


Attenzione però, il tasso di occupazione è decisamente superiore al nostro, vi sono più persone al lavoro e meno inattivi.


E la disoccupazione giovanile, al 27,7%, è più di 10 punti inferiore a quella italiana.


Cominciano così una serie di differenze che mostrano come strutturalmente l'economia francese abbia alcuni punti di vantaggio sostanziali su quella italiana.


ECONOMIE DI ITALIA E FRANCIA, OLTRALPE AZIENDE PIU' GRANDI, PIU' HI TECH, PRODUTTIVITA' MAGGIORE


La Francia è il secondo Paese in Europa per numero di aziende Hi Tech. dopo il Regno Unito, superando anche la Germania, e soprattutto l'Italia, 145 mila a 106 mila.


img


Non solo, gli investimenti privati nell'Hi Tech ammontano a più di 31 miliardi, molto più del doppio che in Italia, 12 miliardi. Solo la Germania fa di meglio.


img


Il segreto è la presenza di molte più grandi imprese che da noi. Sappiamo già quanto la nostra economia sia danneggiata dalla presenza del nanismo industriale, ovvero di una miriade di micro imprese che non hanno la forza di investire, innovare, essere dei player internazionali.


In Francia il 48,5% dei dipendenti lavora in imprese con più di 250 lavoratori, in Italia questa percentuale è del 29,2%, in Germania e USA addirittura del 55,7% e 64,2%. In compenso mentre da noi invece quasi il 29% è in aziende con meno di 20 dipendenti, in Francia solo il 18% dei lavoratori si ritrova occupato in tali aziende.


Insomma, la Francia in queste caratteristiche strutturali si ritrova affiancata molto più alla Germania che a noi, e si spiega anche il perchè della presenza di tanti gruppi con una forza di penetrazione del mercato tale da permettere acquisizioni di altre imprese, come quelle italiane che hanno subito e scalate francesi.


img


Come esito di questa situazione vi è la superiore produttività francese. Per molti può essere una sorpresa, ma se misuriamo il PIL per ora lavorata e come è cambiata in questi anni troviamo la Francia su livelli simili a quelli di USA e Germania, mentre l'Italia da metà anni '90 è rimasta indietro. Di fatto l'aumento delle persone al lavoro, in realtà occupate in attività a basso valore aggiunto, ha determinato nel nostro Paese una stagnazione della produttività. Lo stesso in Spagna.


img


Di fronte a questi dati appare chiaro che in Europa la spaccatura corre lungo le Alpi e i Pirenei, non possiamo consolarci in nome di una comunanza con la Francia non esiste, ma dobbiamo rimboccarci le maniche per recuperare quella produttività che ci manca. E' l'unico modo per contrastare la fame di acquisizioni che troppo spesso le grandi imprese francesi portano avanti con pochi scrupoli e un uso disinvolto delle regole di mercato, come il caso Vivendi insegna.


[TermometroPolitico]

postato da: marinta  


Fake business?Politica: Preparano un intervento "umanitario" in Libia contro di noi? (1)
letture: 302
15 novembre 2017 di marinta
.Politica: Come la dittatura dell'anormalità opprime i normali
letture: 767
11 novembre 2017 di sweda
Tutti al marePolitica: Gli immigrati affogano in Libia. Un video incastra l'Ong tedesca
letture: 787
10 novembre 2017 di marinta
.Politica: Il Progetto Finale di Bruxelles - Vogliono Distruggere le Nazioni
letture: 667
04 novembre 2017 di sweda
Nessun popolo altro potrebbe e dovrebbe avere diritto di sostituire gli italiani.Politica: No allo Ius Soli - Salviamo l'Italia!
letture: 682
04 novembre 2017 di sweda
.Politica: Tajani 'Nel prossimo bilancio Ue 40 mld per l'Africa'
letture: 826
31 ottobre 2017 di marinta
Il giornalista Michael StürzenbergerPolitica: Germania: La censura totale ora è ufficiale. I tribunali riscrivono la storia
letture: 738
27 ottobre 2017 di marinta
Autumn LeavesPolitica: Tutti i fondi statali ai partigiani. Ecco il tesoro degli antifascisti
letture: 763
27 ottobre 2017 di marinta
Il grande complottoPolitica: Napolitano, Monti e Merkel, il golpe 2011 ci è costato 47 miliardi di euro
letture: 741
27 ottobre 2017 di marinta
Nient'altro che la verità.Politica: Vietata la verità sui migranti. Guai a dire che nei centri ci sono clandestini
letture: 683
25 ottobre 2017 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
E l'Italia se la fa con gli usa
Il piano della Russia per bloccare l'immigrazione dalla Libia (1)
letture: 203
16 novembre 2017
Commandos inglesi
Novità dalla Nato. Che non vi raccontano
letture: 276
15 novembre 2017
Fake business?
Preparano un intervento "umanitario" in Libia contro di noi? (1)
letture: 302
15 novembre 2017
Non possono entrare medicine e cibo
Yemen: milioni di morti per fame, è la peggiore carestia di sempre
letture: 743
10 novembre 2017
Tutti al mare
Gli immigrati affogano in Libia. Un video incastra l'Ong tedesca
letture: 787
10 novembre 2017
La forca di pandora
Autodistruzione di Trump, Hillary, Hollywood e tutto il resto...
letture: 781
10 novembre 2017
Iva su prodotti alimentari abbassata, costi bollette  luce-gas-acqua ridotti, pensioni e stipendi aumentati,  tassazione sulle buste paga ridotta...
Ungheria, boom economico: produzione industriale + 8,1% nel 2017
letture: 768
10 novembre 2017
Io so io e voi non siete un cazzo
In Vaticano i demiurghi che vogliono ridurci
letture: 659
08 novembre 2017
.
Tajani 'Nel prossimo bilancio Ue 40 mld per l'Africa'
letture: 826
31 ottobre 2017
C'è chi pensa agli astronauti :(  ...
e chi ai cristiani :)
La mossa a sorpresa di Trump. Scavalca l'Onu per aiutare i cristiani
letture: 865
28 ottobre 2017