Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 15/07 al 07/10 Gaeta: Passioni e Camminanti.... l'estate nei borghi delle città del Golfo e delle Isole Ponziane
letture: 8061
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 6449
dal 22/07 al 09/10 Gaeta: Renato Barisani, sperimentatore nel tempo... in Mostra
letture: 6827
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 1257
dal 02/09 al 23/09 Terracina: Corsi gratuiti di STEM ALL'ITS BIANCHINI di Terracina
letture: 9137
dal 02/09 al 23/09 Terracina: Grande successo dei corsi STEM all'ITS BIANCHINI
letture: 1811
dal 13/09 al 06/10 Golfo di Gaeta: Comincia il nuovo anno del Laboratorio "Il Respiro dei Sogni"
letture: 1222
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 3265
dal 22/09 al 25/09 Fondi: "Fonderie delle Arti - Signor Keuner"
letture: 2439
dal 22/09 al 24/09 Itri: GIGI di FIORE a Itri in occasione del festival "LA NOTTE DEI BRIGANTI"
letture: 418
dal 23/09 al 24/09 Formia: FESTA DELLA ZUCCA
letture: 378
24/09 Formia: La Giornata del Buon Gioco a Formia
letture: 698
24/09 Itri: Eugenio Bennato in concerto a Itri con "Canzoni di Contrabbando"
letture: 324
dal 29/09 al 30/09 Itri: "GIUDITTA, ovvero le quattro stazioni di una guerra"
letture: 124
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 139
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.504
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
23
settembre
S. Pio da Pietralcina
Compleanno di:
sex futureaction
sex RIONERIOFRES...
sex ritalarocca
nel 1846: L'astronomo tedesco Johann Gottfried Galle avvista un nuovo pianeta, viene chiamato Nettuno.
nel 1930: Viene brevettato il flash per macchine fotografiche. Una sorta di piccola lampadina, monouso.
nel 1952: Rocky Marciano stende al 13° round Jersey Joe Walcott, a Filadelfie, e diventa campione mondiale dei massimi. Lo rimarrà fino al 27 aprile 1956 quando si ritirerà, imbattuto.
dw

Home » News » Webzine » Il più grande devoto di San Gi...
giovedì 16 marzo 2017
Il più grande devoto di San Giuseppe del XX secolo: frère André Bessette.
letture: 710
"io sono lo strumento di San Giuseppe"
Webzine: Frère André Bessette (1845-1937), religioso quebecchese.
img
« Bisogna pregare...Quando dite a bassa voce :

'Padre Nostro che sei nei cieli', Egli ha il Suo orecchio posato sulle vostre labbra.»

.

« Andate a pregare accanto alla statua di San Giuseppe ;

diteGli : San Giuseppe, pregate per me,

come voi lo avreste fatto se foste stato al mio posto sulla terra...»




Frate André, o Alfred Bessette è stato un religioso francese canadese, membro della Congregazione della Santa Croce, noto per essere uno dei più grandi devoti di San Giuseppe della storia della Chiesa e al quale sono attribuite numerosissime guarigioni miracolose.


La sua famiglia era originaria di una comunità molto povera. Suo padre, Isaac Bessette è un taglialegna, mentre la madre, Clothilde, si occupa dell'educazione dei figli e delle faccende domestiche. Alfred è l'ottavo di una famiglia di tredici figli.


I genitori del piccolo muoiono a tre anni di distanza l'uno dall'altra : il padre in un incidente (muore schiacciato dal tronco di un albero), la madre a causa di una malattia, non senza aver prima trasmesso ai suoi figli l'importanza della devozione a San Giuseppe, che ella aveva praticato seguendo alla lettera l'ultimo mandato episcopale di Monsignor Bruget, allora vescovo di Montreal e grande propagatore del culto del santo.


Alfred è un bambino analfabeta e molto malato - soffre di seri problemi gastrici, che ci causano atroci dolori - e pena nel trovare un mestiere adatto alla sua condizione fisica. É, inoltre, particolarmente minuto (raggiungerà appena i 152 cm di altezza), cosa che lo rende inadatto ai lavori più impegnativi. Ciò tuttavia non ostacola il suo attaccamento al duro lavoro, in cui egli vede la volontà di Dio. Sarà prima panettiere e poi ciabattino. Allo zelo materiale, Alfred affianca un'intensa attività di preghiera con lunghe veglie ed esercizi ascetici : nonostante la sua fragile salute, egli si priva di dessert e porta in vita da una cintura di pelle con chiodi appuntiti. Ama particolarmente la Via Crucis e sosta lungamente in ginocchio ad ogni stagione ; si era soliti vederlo con le braccia aperte davanti alla croce o in chiesa.


Dopo quattro anni negli Stati Uniti, in cui ha l'occasione di imparare l'inglese lavorando nelle fabbriche di cotone, si ristabilisce nel 1867 in Canada a Farnham. Nel 1868, Alfred visita padre Joseph André Provençal, parroco di Saint-Césaire, che, osservando la dedizione e la generosità del giovane, decide di presentarlo alla Congregazione di Santa Croce a Montreal, a cui il giovane Alfred sarà legato per tutta la sua vita.


Nella sua lettera di raccomandazione del mese di novembre 1970, padre Provençal scrive di inviare alla congegazione « un santo » (il futuro probando). Poco dopo, 8 Dicembre 1870, Papa Pio IX dichiarò San Giuseppe "Patrono della Chiesa universale". Alfred riceve l'abito il 27 novembre e sceglie il nome di André in onore del suo direttore spirituale, il padre Joseph André Provençal. Malgrado i tentennamenti dei superiori a causa dei suoi problemi di salute e della limitata istruzione, frère André pronuncerà i voti perpetui all'età di ventotto anni, il 2 febbraio 1874.


Inadatto all'istruzione degli allievi, fu guardiano del collegio Notre Dame fino al 1909, avendo in carico l'accoglienza dei fedeli. Ne sorriderà in seguito affermando di essere stato « messo alla porta », dove egli resterà per quasi quarant'anni. Ma, in realtà, frère André è un vero factotum che assicura il perfetto dispiegamento delle attività del collegio.

Dobbiamo arrivare al 1877 per le sue prime guarigioni, tra i religiosi della comunità. La notizia del carattere eccezionale di tali avvenimenti si diffonde rapidamente tra la popolazione locale. Molti malati, visitatori e curiosi accorrono accorrono alla cappella per conoscere il taumaturgo. A queste persone frère André dona una medaglina di San Giuseppe e un po' di olio della lampada della statua del santo, con il quale coloro che desiderano una grazia dovranno poi sfregare la parte colpita dal male. Non si tratta, in realtà, di una pratica superstiziosa : è tramite questo gesto un po' bislacco che è possibile vagliare l'umiltà di cuore del richiedente. Dalle poche parole che frère André riferirà sui suoi colloqui spirituali con San Giuseppe, pare che l'umiltà sia la condition sine qua non affinché Dio accordi le grazie.


Intorno al 1900, la comunità chiede a frère André di non ricevere i pazienti all'interno del collegio, per non intralciare la quotidianità del luogo, e viene così scelta la fermata del tram antistante. La folla, di certo, non manca. Basti pensare che, nonostante l'iniziale riluttanza della società di trasporti, che vedeva in questi santi appuntamenti un intralcio alle proprie attività, si è rapidamente fatto finta di non vedere niente, poiché la grande affluenza provocata dalla santita del religioso apportava notevoli introiti economici alla linea di trasporti.


La vita di frère André è divisa fra gli umili, ma faticosi doveri di stato, le lunghe ore di preghiera e veglia notturna e il perseguimento della sua opera più nota, ovvero la costruzione dell'oratorio di San Giuseppe. Inizialmente prevista come una semplice cappella posta sul Mont Royal (frère André sarà soprannominato « il taumaturgo del Mont Royal »), l'edificio di culto sarà ben presto ampliato a causa dell'esorbitante afflusso di fedeli. L'erezione della basilica, costruita a partire dal 1924 sulla preesistente cripta che poteva accogliere non più di mille fedeli, sarà allora incoraggiata dall'arcivescovo di Montreal Monsignor Paul Bruchési convinto dalla spontaneità della pietà popolare. La basilica, costruita con i proventi degli 'ammiratori' e fedeli dell'umile religioso sparsi un po' in tutto il mondo, è tra le più grandi chiese del mondo e la sua cupola si ispira a quella di San Pietro in Vaticano, meno stilizzata, più allungata e di dimensioni leggermente minori, per non oscurare la grandezza della Sede Petrina.


Frate André muore il 6 gennaio 1937 (91 anni) nellospedale di Nostra Signora della Speranza sull'isola di Montréal, e per un'intera settimana quasi un milione di fedeli nonostante il maltempo, marceranno giorno e notte prima della deposizione della salma. La costruzione dell'oratorio sarà ultimata solo nel 1967.


LA DEVOZIONE DI FRATE ANDRE' PER SAN GIUSEPPE


Ognuno dei miracoli compiuti da Fratel André è stato ordinato per un unico scopo: sviluppare la devozione a San Giuseppe. Durante la sua vita, frate André continuerà a dire "io sono lo strumento di San Giuseppe." Affermazione che ripeterà incessantemente, a dimostrazione della sua umiltà. Ma non mancano comportamenti 'inusuali', propri dei santi che fanno di tutti pur di sottrarsi alla mondanità e rendere tutta la gloria a Dio. Quando, ad esempio, egli viene a conoscenza del fatto che le suore che riparano i suoi vestiti ricavano da questi alcune reliquie, che conservano ciocche dei suoi capelli, è preso da una santa collera, e decide risolutamente di occuparsi da solo di questo genere di faccende. Nei suoi ultimi anni di vita è particolarmente ferito dalle parole di un visitatore che gli dice "San Giuseppe è inutile, sei meglio di lui", che non esita a mettere fermamente alla porta. Egli è così sconvolto da queste parole irriverenti e senza carità che fu necessario condurlo nella sua camera. Solo dopo qualche settimana i suoi nervi, seriamente turbati, potranno dirsi ristabiliti.


Frate André è arde per la salvezza delle anime. Nei suoi acutissimi dolori gastrici è possibile rivedere tutto il senso della sua personale salita al Calvario. Molte testimonianze che lo riguardano trasudano di zelo per la conversione dei peccatori, ma soprattutto per la preghiera riparatrice : «Come può esserci possibile che vi siano tanti peccati del mondo, dopo che Nostro Signore ci ha dato, grazie alle sofferenze della Sua Passione, la prova di un tale amore." Oppure " Il peccato è la cosa più terribile del mondo, dato che Dio è così buono. ". Le sue opere di mortificazioni erano costanti e prolungate ad un giovane novizio della congregazione di Santa Croce che gli aveva detto: "Sarebbe bene che Lei fosse letto prima, e di non eccedere nella preghiera. " egli rispond " Se tu conoscessi il bisogno che le anime hanno della preghiera, Lei non direbbe questo". Lo stesso religioso ha, poi, talvolta raccontato che nei momenti in cui, presso l'Oratorio, stavano avendo luogo delle grandi conversioni, egli sperimentava acute sofferenze fisiche e morali. L'unico sollievo in quei momenti di riscatto, in cui il religioso si offriva vittima, era rappresentato dal ricorso alla preghiera e dall'affidarsi più intimamente a San Giuseppe.


L'esigenza della riparazione e dell'espiazione per i peccati non fa lesinare a frère André rimproveri, talvolta ironici. L'immodestia delle donne è tra i suoi bersagli preferiti, nel riferirsi alla tenuta indecente di una madre dirà: "Prendete una medaglia di San Giuseppe e strofinatela finché non vi ricresca la biancheria" (tutto questo negli stessi anni in cui la piccola Giacinta, a Fatima, dirà, riferendo le parole della Vergine, che "verranno molte mode che offenderanno Dio"). Alcuna tolleranza è mostrata contro l'ubriachezza, le bestemmie e la pratica del lavoro servile la domenica. Tuttavia, malgrado lo zelo che mostra per i poveri e per i bisogni materiali di quanti accorrono all'Oratorio, il religioso soffre nel vedere che davero pochissimi richiedono grazie spirituali, uniche strade sicure verso la santità e la riparazione per i peccati del mondo.


Della devozione di frère André per San Giuseppe si sa, tutto sommato, molto poco. A dispetto di un'intensissima vita interiore, costellata di grazie eccezionali e durante la quale i colloqui col santo furono innumerevoli, non sappiamo nulla di questi scambi. Tuttavia, non si contano le esortazioni del religioso ad affidarsi al santo "perchè è onnipotente San Giuseppe", diceva. Pur appartenendo ad una congregazione apostolica, frère André resterà nel silenzio circa la sua vita interiore per tutta la sua vita. Non lascerà nulla di scritto. La sua 'cultura' spirituale si limiterà alla profittevole devozione delle Sante Piaghe, propagata dalla visitandina suor Maria Chambon, e a qualche scritto di santa Mectilde. Frère André si conforma perfettamente all'esempio di San Giuseppe : lavoratore instancabile, egli è anche adoratore e contemplativo ardente della realtà divina, della quale egli si fa canale, senza nulla chiedere in cambio e sempre retrocedendo dietro la grande figura di San Giuseppe allo stesso modo in cui il Glorioso Patriarca si eclissava dietro Gesù e Maria.

[Radio Spada]

postato da: sweda  


Fa già pauraWebzine: Arriva in Italia il bus della libertà che Soros detesta
letture: 154
22 settembre 2017 di marinta
Un certo cattolicoWebzine: Come rispondere quando dicono 'Chi sono io per giudicare?'
letture: 170
22 settembre 2017 di sweda
Antiparassitari, diserbanti e pesticidi.Salute e Benessere: Le schifezze contenute nel grano estero che arriva con le navi nei nostri porti.
letture: 268
21 settembre 2017 di marinta
Francesco è stato informatoWebzine: San Pietro: clochard sfrattati ​dalla Gendarmeria vaticana
letture: 260
21 settembre 2017 di sweda
Il giornale dei vescoviPolitica: "Avvenire" chiede lo Ius Soli. E nelle parrocchie boicottano il giornale
letture: 229
21 settembre 2017 di sweda
Christus vincit! Christus regnat!Webzine: Verso la profanazione dell'eucarestia? Quali conseguenze per l'umanità?
letture: 339
20 settembre 2017 di sweda
Storia del territorio: L'altra storia del Risorgimento. La strage di Gaeta del 5 febbraio 1860
letture: 799
18 settembre 2017 di TF Press
CredeWebzine: Il "Credo" di Bergoglio. Un referto clinico?
letture: 805
16 settembre 2017 di sweda
Boeselager, Festing, BergoglioWebzine: Malta, brutta storia. Il tribunale dà torto a Boeselager. Perchè "decapitare" il Gran Maestro?
letture: 769
15 settembre 2017 di sweda
Webzine: Credere ai veggenti - oppure ai non-vedenti?
letture: 838
13 settembre 2017 di sweda








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un certo cattolico
Come rispondere quando dicono 'Chi sono io per giudicare?'
letture: 170
22 settembre 2017
Francesco è stato informato
San Pietro: clochard sfrattati ​dalla Gendarmeria vaticana
letture: 260
21 settembre 2017
Il giornale dei vescovi
"Avvenire" chiede lo Ius Soli. E nelle parrocchie boicottano il giornale
letture: 229
21 settembre 2017
Christus vincit! Christus regnat!
Verso la profanazione dell'eucarestia? Quali conseguenze per l'umanità?
letture: 339
20 settembre 2017
Crede
Il "Credo" di Bergoglio. Un referto clinico?
letture: 805
16 settembre 2017
Boeselager, Festing, Bergoglio
Malta, brutta storia. Il tribunale dà torto a Boeselager. Perchè "decapitare" il Gran Maestro?
letture: 769
15 settembre 2017
Credere ai veggenti - oppure ai non-vedenti?
letture: 838
13 settembre 2017
Uno che non  sa fare il suo mestiere.
Quello che sull'emigrazione dice Bergoglio e quello che insegna la Chiesa (1)
letture: 885
12 settembre 2017
.
Dubia irrisolti: dopo un anno, urge la correzione formale
letture: 865
12 settembre 2017
Una sola Messa glorifica più Iddio di quanto lo glorificheranno in cielo, per tutta l'eternità, tutti gli angeli, i santi e i beati insieme, compresa Maria Santissima.
La Messa: lo stesso sacrificio della croce.
letture: 683
11 settembre 2017