Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 6494
dal 13/07 al 30/08 Formia: Rassegna cinematografica "Cinema alla deriva 2018"
letture: 1179
dal 19/07 al 22/07 Gaeta: Torna il Gaeta Jazz Festival
letture: 3569
dal 19/07 al 22/07 Gaeta: Gaeta Jazz Festival XI edizione 2018: dal 19 al 22 luglio
letture: 2147
dal 20/07 al 05/08 Roma: Al via il congresso dei testimoni di Geova sul coraggio!
letture: 509
25/07 Gaeta: L'eredità di Cicerone
letture: 482
dal 11/08 al 12/08 Avellino: Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore
letture: 1472
dal 11/08 al 12/08 Avellino: Sagra della Maccaronara di Castelvetere sul Calore
letture: 309
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.544
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
20
luglio
S. Elia prof.
Compleanno di:
sex antonio77
sex ComitatoPopo...
sex corarm
sex pinacotecaga...
sex staten
nel 1881: Il capo indiano dei Sioux, Toro Seduto, fuggiasco dopo la battaglia di Little Big Horn, si arrende all'esercito federale americano.
nel 1924: Ottavio Bottecchia arriva a Parigi in maglia gialla:è il primo italiano a vincere il Tour de France. E? stato anche il promo italiano a vestirsi di giallo,nell'edizione precedente.
nel 1976: La sonda spaziale Viking One, atterra su Marte, ed inizia a trasmettere le immagini del pianeta.
dw

Home » News » Latina » Sperlonga » Armando Cusani e la politica c...
lunedì 27 febbraio 2017
Armando Cusani e la politica come azzardo
Silenzio e vergogna a Sperlonga. L'articolo di NICOLA REALE sull'ultimo numero di LAZIO SUD
letture: 2278
Armando Cusani
Armando Cusani
Sperlonga: Per chi, come me, per 10 anni (dal 2001 al 2011) è stato consigliere di minoranza nel comune di Sperlonga, l'arresto di Armando Cusani, nell'ambito della cosiddetta "Operazione Tiberio", non è stato un fulmine a ciel sereno. Non a caso (e non per pura polemica politica), già nel lontano 2003, nel consiglio comunale presieduto dal sindaco Cusani, pronunciai queste precise parole: «Quando un unico uomo accentra su di sé tutti i poteri, come fa il Sindaco di Sperlonga, addirittura pretendendo di controllare o di sostituirsi ai responsabili degli uffici o dei servizi, allora ci troviamo di fronte ad una gestione amministrativa gravemente patologica. Ci sono limiti che non possono essere superati e questi limiti il sindaco li ha superati tutti. A questo punto non si tratta più di limitarsi a denunciare questo o quel singolo episodio, questa o quella singola illegalità. Ora si tratta di denunciare un sistema complessivo fatto di collusioni e di corruttele che, partendo dalle stanze di questo municipio, passa per qualche personaggio politico provinciale e regionale, passa per alcuni uffici della Regione e per qualche studio professionale privato, fino anche a toccare qualche giudice particolarmente amico. Nei dizionari della lingua italiana, e nel codice delle leggi dello Stato, quando più persone agiscono in collegamento tra loro per eludere la legge o commettere reati si parla di 'associazione a delinquere'».
Nel 2013, a seguito delle due condanne per abuso d'ufficio e abuso edilizio, che portarono alla sua sospensione dagli incarichi pubblici per effetto della Legge Severino, indirizzai a Cusani una "lettera aperta" nella quale scrivevo: "Lei si è beato del suo senso di potenza e di onnipotenza, avendo di sé, nel rapporto con i suoi collaboratori e con i cittadini, l'immagine di un Re Sole davanti ai suoi sudditi. Come il Re Sole, lei riteneva di essere la Legge. Ma, se mai un giorno la serenità di giudizio prevarrà sulla sua incapacità strutturale di accettare un punto di vista diverso dal suo, si accorgerà che nel corso degli anni lei ha costruito con le sue stesse mani la sua ignominiosa caduta. Si accorgerà che lei è stato vittima di se stesso, delle azioni illegali che ha compiuto, dell'enorme cumulo d'interessi personali che lo hanno posto in conflitto con gli interessi della collettività e con la legalità". Le mie parole non nascevano dall'acrimonia dello scontro politico, bensì volevano essere un estremo invito alla ragione, un grido di allarme per il baratro che temevo potesse aprirsi davanti al sindaco e al paese che lui amministrava. Sono passati molti anni ed oggi il baratro si è aperto con l'arresto, lo scorso 16 gennaio, di Armando Cusani e di due tecnici del comune, accusati di corruzione e di turbativa d'asta. Come in una tragedia shakespeariana, è giunto il tempo in cui chi aveva cullato l'ambizione di conquistare il mondo si è venuto a trovare isolato dal mondo; chi aveva inseguito sogni di onnipotenza si trova costretto all'impotenza; chi si arrogava il diritto di decidere della libertà degli altri si è trovato espropriato della propria libertà; chi allora decideva a suo piacimento del destino degli altri vede adesso il proprio destino in mani altrui.
Non sta a me, oggi, puntare il dito per individuare colpe e indicare colpevoli; non ha senso per nessuno cantare vittoria; non è il tempo dei vincitori e dei vinti. Ma ciò che più mi turba è il pensiero di Sperlonga: non potrà esservi alcun riscatto per questo paese se esso non troverà il coraggio di porre fine al tempo della paura e del silenzio. Per tanti, troppi anni, proprio il silenzio e la collusione dei cittadini hanno permesso che si propagassero le metastasi del cancro dell'illegalità. Ancora oggi a Sperlonga la parola "legalità" è impronunciabile, venendo guardata con sospetto, come fosse qualcosa da temere, da evitare o di cui vergognarsi. Solo sette mesi fa si è svolta la campagna elettorale per le elezioni amministrative senza che la parola "legalità" sia stata pronunciata da alcuno. Tutti hanno accettato come normale che tornassero a ricandidarsi amministratori pregiudicati, già condannati con sentenza definitiva, amministratori rinviati a giudizio e con processi in corso. Il tacito accordo tra tutti era che non bisognava dirlo, per timore di urtare la suscettibilità di chi continuava ad avere in mano le leve del potere, del condizionamento e del ricatto. E nessuno ha mostrato sufficiente lucidità per capire e far capire che assecondare e legittimare quel silenzio era il segno che Sperlonga non era cambiata, non poteva cambiare e non sarebbe cambiata. Il Re Sole, infatti, è tornato a splendere su Sperlonga. Quel silenzio ha poi trovato continuità e coerenza nel silenzio di oggi, nell'assenza di qualunque reazione dei cittadini ad un evento grave e sconvolgente come l'arresto del proprio sindaco. È un segno terribile di un cambiamento antropologico avvenuto in quasi un ventennio di sottomissione e di paura. È, ancora, il segno della sparizione dell'antico orgoglio popolare e collettivo: esso è dunque la prova della scomparsa del senso di vergogna.
Le emozioni non appartengono mai solo al singolo individuo, ma sono costruzioni sociali, fanno parte di un patrimonio culturale e d'una sensibilità condivisa; esse sono prodotte, nutrite dal senso comune, dalla storia comune, dall'immaginario, dalle tradizioni, da quel materiale collettivo a cui tutti attingono nella costruzione della propria identità. Il senso di vergogna, proprio per essere la più socializzante delle emozioni, è una sorta di sentinella che si risveglia e ci risveglia quando ci accorgiamo che è stato superato il confine tra lecito e illecito, tra opportuno e inopportuno, tra decenza e indecenza. Quella sentinella, evidentemente si è addormentata durante la lunga notte. E che dire - a proposito d'indecenza - dell'assordante silenzio delle forze politiche? Comprensibile e giustificabile quello del centrodestra, di cui Cusani è un esponente di primo piano. Scandaloso e inqualificabile è invece l'assoluto mutismo di tutti i "brontosauri" del centrosinistra provinciale e regionale: troppi, e troppo forti, evidentemente, sono i legami e gli interessi comuni che da sempre si nascondono dietro una contrapposizione politica di pura facciata. Alla magistratura è affidato il compito di accertare l'esistenza e la responsabilità di eventuali reati; ai cittadini compete quello di giudicare i comportamenti politici, a volte moralmente più gravi delle stesse ipotesi di reato. A chi, come me, sfidando ogni rischio, nella lunga notte s'è assunto gratuitamente il difficile, estenuante ed ingrato compito di guardiano della legalità e dei diritti dei cittadini, si pone la domanda se ne sia valsa la pena.
NICOLA REALE
La copertina di LAZIO SUD n. 12
La copertina di LAZIO SUD n. 12
Il n. 12 di "LAZIO SUD", rivista a cura di LIDO CHIUSANO, si compone come segue. Nicola Reale, "Sperlonga, il silenzio e la vergogna. Armando Cusani e la politica come azzardo"; Emiliano Scinicariello, "Gaeta: i passi falsi del sindaco Mitrano"; Alfredo Cardi, "Bilancio comunale di Gaeta, con Mitrano tasse alte e conti in rosso"; Francesco Carta, "Risanare la darsena di Torre di Mola a Formia"; Delio Fantasia, "Il mondo capovolto di Enrico Forte"; Anna Irene Cesarano, "La narrazione di Roberto Saviano e la reazione scomposta di De Magistris"; Alessandro Savy, "Tra globalizzazione e immigrazione"; Clementina Gily, "Gerardo Marotta, il contagio della filosofia".

postato da: LGC  


Sperlonga: Obbligo di defibrillatori nei siti aggreganti Lo chiede il neo primario di Chirurgia del "Dono Svizzero", Vincenzo Viola, dopo la criticità capitata a Sperlonga alla 13enne di Morolo
letture: 856
12 luglio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Ho una chitarra per amico Alberto Laurenti canta Califano domenica 15 al lido "La Nave" a Sperlonga
letture: 894
12 luglio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Rimessa la grata nel canale di lago lungo asportata da ignoti per accedere nel lago con natanti L'operazione condotta dai Forestali di Itri e dagli operatori del Consorzio di Bonifica sudpontino
letture: 2359
29 maggio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Centinaia di piccoli calciatori invadono il borgo di Sperlonga Dal 28 al 31 marzo via al 18° Trofeo regionale "Divertiamoci insieme"
letture: 2990
26 marzo 2018 di TF Press
Sperlonga: Adesso liberiamoci e cresciamo insieme!" da chi ?
letture: 1647
12 marzo 2018 di inter
Sperlonga: Ritrovamento di un capitello romano
letture: 1870
09 marzo 2018 di TF Press
Sperlonga: ....a proposito della purezza e altre amenità ... Manifesto marziano
letture: 1258
20 febbraio 2018 di inter
Sperlonga: La purezza virtuale... e le capacità proclamate (3)
letture: 1834
31 gennaio 2018 di inter
Stemma del Movimento Civico Partecipazione AttivaSperlonga: Una forte azione unitaria per ridare legalità, democrazia e dignità a Sperlonga. ( LETTERA APERTA AGLI SPERLONGANI )
letture: 1335
08 gennaio 2018 di Nicola Reale
Sperlonga: 'Da Emozioni alla RCA', a Sperlonga il concerto di Natale è firmato dai più grandi cantautori italiani Gianmarco Carroccia si esibirà in trio acoustic il 25 dicembre alle 18.30 nell'auditorium del borgo marinaro
letture: 2238
24 dicembre 2017 di TF Press








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Stemma di Formia
Sandro Bartolomeo: "La crisi e il mio impegno per Formia" (7)
letture: 1940
16 dicembre 2017
Tortura
Ora in Italia la tortura è "quasi" reato. Un articolo di Rocco Viccione su "Lazio Sud"
letture: 1302
18 novembre 2017
La copertina di Lazio Sud n. 15
Mediterraneo, il degrado dell'ecosistema. Ne parla Adriano Madonna su "Lazio Sud"
letture: 1627
10 novembre 2017
Il Castello Caetani di Fondi
Il degrado dei monumenti di Fondi tra negligenza e follia. La denuncia su "Lazio Sud"
letture: 1121
04 novembre 2017
Lacopertina di LAZIO SUD n. 15
Pubblicato il n. 15 di "LAZIO SUD" a cura di Lido Chiusano
letture: 1759
01 novembre 2017
Johann Wolfgang von Goethe
Roma e il viaggio in Italia di Goethe
letture: 1534
26 agosto 2017
La copertina di LAZIO SUD n. 14
"Così amministrerò Sabaudia"
letture: 1377
18 agosto 2017
Maria Civita Paparello
Alla provincia di Latina il triste primato del gioco d'azzardo nel Lazio
letture: 1292
16 agosto 2017
La copertina di LAZIO SUD n. 14
La piaga degli incendi nel Sud Pontino
letture: 1062
14 agosto 2017
Rubinetti a secco
Scandalosa Acqualatina. L'emergenza idrica del Sud Pontino nelle pagine di "Lazio Sud" (1)
letture: 2218
11 agosto 2017


Commenti: 4

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it