Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 10105
dal 05/07 al 21/09 Formia: Siria, l'amore vince ogni paura
letture: 7730
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 7637
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 2098
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.589
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
18
settembre
S. Giuseppe da Copertino
Compleanno di:
sex lupoalato
sex SergiodiRio
nel 1851: Viene pubblicato il primo numero del giornale americano New York Times.
nel 1939: Compaiono per la prima volta i numeri sulle maglie dei calciatori di serie A.
dw

Home » News » Webzine » Narrativa e Poesia » L'immigrato
martedì 15 marzo 2016
L'immigrato
Racconto breve.
letture: 1919
MiCio
MiCio
Narrativa e Poesia: Il corpo dalla pelle fortemente ambrata e dalle fattezze atletiche - parzialmente consumato dai granchi e da altri crostacei marini di cui la zona è ricchissima - giace sulla battigia di una remota spiaggetta della costa salentina avvolto nel suo sudario di alghe morte e gusci di bivalvi passati a miglior vita. La presenza di un documento di identità di ultima generazione, in plastica e quindi perfettamente conservato, ne permettono con facilità l'identificazione: si tratta di Abdul Azeem, africano, originario del Ciad.
La morte del giovane, appena trent'anni, è dovuta ad un colpo di arma da taglio che gli ha letteralmente squarciato il ventre mettendone a nudo le viscere. La morte non è stata istantanea e si è di certo consumata in una lunga terribile agonia.
Abdul Azeem nasce in un villaggio dal nome impronunciabile nel poverissimo Ciad, paese africano alle spalle della Libia e che confina a est con il Sudan, a sudovest col Camerun e la Nigeria, a ovest col Niger ed a sud con la Repubblica Centrafricana. Abbastanza esteso è da sempre scarsamente popolato.
Abdul dimostra fin da bambino di godere di una intelligenza superiore alla media e questa sua caratteristica è l'orgoglio di tutta la comunità che, pur poverissima, fa carte false per assicurargli un futuro. Non disdegna neppure la coltivazione e la commercializzazione del qat, pianta le cui foglie verdi vengono masticate in modo similare a quelle della coca e che hanno lo stesso effetto euforizzante. Usata da tempo immemore nello Yemen la droga è ormai in uso dappertutto. Paesi occidentali ed europei compresi.
Terminate quelle che nella civilizzata, si fa per dire, Europa si chiamano scuole dell'obbligo a N'Djamena, la capitale, emigra in Egitto dove, a il Cairo, frequenta con estremo profitto la locale università laureandosi, a pieni voti, in ingegneria civile. La scelta della facoltà gli è dettata dalla convinzione che un continente in via di sviluppo abbia bisogno di tecnici in grado di progettare le infrastrutture pubbliche, e non solo, necessarie. Ma ha fatto male i suoi conti.
Il giovane, infatti, deve ben presto prendere atto del fatto che l'Africa di giovani e valenti laureati come lui ne sforna ogni anno una caterva e che a ben pochi di essi offre un futuro degno di essere vissuto. Ne prende atto ed al pari di molti di quelli che lo hanno preceduto si dà, nella immensa megalopoli egiziana, a campare la vita adattandosi ai lavori più diversi e, perché no, all'accattonaggio. Il fine ultimo è quello di accumulare sufficiente denaro da versare ad uno scafista, come gli è stato consigliato, per veleggiare verso lidi più accoglienti e forieri, perlomeno sulla carta, di un avvenire migliore.
In Europa, almeno così gli hanno assicurato, professionalità come le sue hanno ottime prospettive e l'investimento di qualche migliaio di dollari è ben impiegato ma Abdul ha altre prospettive. Ha assunto sufficienti informazioni - pur attraverso i media - e sa benissimo che anche al di là del canale di Sicilia la vita non è facile così come gli scafisti, ovvero quei trucidi individui che traghettano centinaia di disperati, giornalmente, verso una vita apparentemente meno grama, vorrebbero far credere.
Abdul ha capito tutto ed ha compreso che l'investimento migliore da farsi non consiste neppure nell'affidarsi agli scafisti ma piuttosto nel darsi all'imprenditoria nel settore e non esita a darsi una mossa.
Due gommoni, neppure tanto male in arnese, sono la sua ... flotta; disperati alla ricerca di un futuro migliore la merce da traghettare al prezzo di dollaroni sonanti e le coste della penisola ove il bel sì suona la meta da raggiungere.
Il giovane sara - una delle etnie che popolano il paese africano situato a sud della Libia - non è, tra l'altro, spinto dal cinismo dei suoi colleghi ed il fatto che coniughi una buona dose di umanità con una estrema professionalità gli facilita il compito verso il raggiungimento di una notevole agiatezza economica.
Ora, a distanza di qualche anno, Abdul è titolare anche di una nutrita flotta di piccoli pullman con i quali scorrazza, in lungo ed in largo, per il sud dell'Italia braccianti agricoli di ogni età e razza. Non è quello che si dice, in loco, un caporale: lui si definisce piuttosto un fornitore di prestatori d'opera. Ed è soddisfatto e con la coscienza in quiete.
Il corpo dalla pelle fortemente ambrata e dalle fattezze atletiche - parzialmente consumato dai granchi e da altri crostacei marini di cui la zona è ricchissima - giace sulla battigia di una remota spiaggetta della costa salentina avvolto nel suo sudario di alghe morte e gusci di bivalvi passati a miglior vita. La presenza di un documento di identità di ultima generazione, in plastica e quindi perfettamente conservato, ne permettono con facilità l'identificazione: si tratta di Abdul Azeem, africano, originario del Ciad.

di: Michele Ciorra


Narrativa e Poesia: Indelebile come un tatuaggio
letture: 632
11 settembre 2019 di computer
 Narrativa e Poesia: Antonio Cosimo Stano. Manduria tra gogna mediatica ed ignominia. I Manduriani ed i loro giornalisti provano sulla loro pelle cosa sia la gogna della vergogna.
letture: 1972
29 aprile 2019 di CONTROMAFIE
RabatNarrativa e Poesia: Aamir Aamir, marocchino nato a Rabat, viveva in Italia da una vita e non aveva mai avuto problemi di integrazione. Anzi.
letture: 1620
19 agosto 2017 di Michele Ciorra
Mi.CioNarrativa e Poesia: Un giorno dopo l'altro Racconto breve. (2)
letture: 2251
02 aprile 2016 di Michele Ciorra
MiCioNarrativa e Poesia: L'amico fraterno Racconto breve. (4)
letture: 2033
12 marzo 2016 di Michele Ciorra
Sergio Andreatta al Festival delle Storie 2015 con Narrativa e Poesia: Grande successo di "769" al Festival delle Storie Feste letterarie e non per i paesi della Valle di Comino
letture: 1936
01 ottobre 2015 di Sergio Andreatta
Mattia MelissaNarrativa e Poesia: Mattia, Melissa e il mistreo del pozzo di Barumini
letture: 1787
12 settembre 2015 di benedetto2000
CoverNarrativa e Poesia: Una storia vera "Allo stesso modo di Auschwitz, per me il cancro è diventato la prova della non esistenza di Dio". Umberto Veronesi (2)
letture: 2814
04 settembre 2015 di Michele Ciorra
CoverNarrativa e Poesia: Racconti brevi o brevi racconti? Prefazione di Enrico Bruno (2)
letture: 2414
01 settembre 2015 di Michele Ciorra
La torreNarrativa e Poesia: Zi' Pietro L'antistato? (2)
letture: 2674
11 aprile 2015 di Michele Ciorra








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Sono me
Gli "onesti" italioti ed i "furbi" cinesini di Scauri
letture: 1307
08 settembre 2019
Miciomicio. Caricatura dell'amico Mausoli.
Scauri, l'estate sta finendo
letture: 1298
07 settembre 2019
Questo sono me
Panta rei os potamos
letture: 1418
05 settembre 2019
Miciomicio
Scauri - Minturno, l'estate sta finendo o ... quasi e ... vivaddio!
letture: 1819
01 settembre 2019
Il generale Umberto Nobile, per anni ospite di questo paese.
Minturno, di tutto e di più ...
letture: 2112
30 agosto 2019
L'omm' 'e niente. O sittantuno.
Ogni promessa è debito
letture: 2169
30 agosto 2019
Il ritorno (4)
letture: 1936
27 agosto 2019
Rabat
Aamir
letture: 1620
19 agosto 2017
Miss Frances Fleetwood
Ho vissuto (4)
letture: 1977
14 agosto 2017
Marta & Io
MARTA & IO La stessa drammatica storia
letture: 1711
20 giugno 2017