Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 21396
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 12382
dal 20/07 al 20/10 Roccasecca dei Volsci: ROCCASECCA dei VOLSCI (LT), per il 400° anniversario del Cardinale Massimo
letture: 2313
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.626
visitatori:320
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
21
settembre
S. Matteo Ap.
Compleanno di:
sex BiVi
sex deregibus
sex Emilio
sex gaiardo
sex lordByron
sex toto78
nel 1903: Viene proiettato il primo film western. La pellicola si intitola "Kit Carson".
nel 1958: Nel Milan esordisce in serie A Josè Altafini, in quel campionato segnerà 28 reti vincendo subito lo scudetto.
dw

Home » News » Webzine » Spettacoli e Cultura » Il Grande dittatore
sabato 05 marzo 2016
Il Grande dittatore
recensione di Carmen Moscariello
letture: 2447
Spettacoli e Cultura: con
Massimo Venturiello | Tosca
Lalo Cibelli | Camillo Grassi | Franco Silvestri | Sergio Mancinelli
Gennaro Cuomo | Nico di Crescenzo | Pamela Scarponi | Alessandro Aiello
musiche Germano Mazzocchetti   scene Alessandro Chiti
costumi Sabrina Chiocchio   luci Umile Vainieri   coreografie Daniela Schiavone
Regia di Massimo Venturiello e Giuseppe Marini
Massimo Venturiello- "L'uomo -scena"
Un'opera corale dai ritmi fiammeggianti e nuovi giochi di pantomima
Questa volta Massimo Venturiello ha raggiunto l' apice della bellezza, in energia ed intrecci di espressioni nella multidisciplinarietà dei linguaggi artistici del teatro, nell'eversione parossistica della parola e del gesto dei quali si è servito per la prevalenza del grottesco e della satira, dando vita a una divertita e divertente rappresentazione che ricompone con intelligenza ed esperienza l'arte del teatro e della drammaturgia, dimostrando di saper innestare il passato nel presente, quasi che il dinamismo della storia fosse solo un sortilegio.
Coraggio, è la prima parola che ci viene in mente.
Avvicinarsi a uno dei capolavori indiscussi della cinematografia, cioè al " Grande dittatore "di Charlie Chaplin significa misurarsi con il più fascinoso e alto della cinematografia.
Due giorni dopo la notte dei cristalli 12 novembre 1938, Charlie Chaplin depositò The Dictator la prima sceneggiatura presso la Library of Congress. Rompe il silenzio, dimostrando così di non potersi più sopportare l'arroganza e la violenza del nazismo contro gli ebrei da parte di Hitler e della Germania, l'opera ha suoi precisi riferimenti anche ad altre minoranze perseguitate, non solo dal nazismo. L' elemento più originale che egli adottò, fu il ricorso a un linguaggio sonoro, ritmico deformato. Charlie con quest'opera chiuse per sempre con il personaggio di Charlot e diede la parola a un nuovo e moderno mimo, senza maschere, satireggiante e pur nella risata aperta, furioso contro il male. Sovvenzionò economicamente la sua opera che per l'enorme numero degli attori e per la sceneggiatura ebbe un costo circa di due milioni di dollari totalmente sborsati dal grande attore e qui è d'obbligo dire anche dal grande scrittore e regista. L'opera, il cui titolo nel 1961 divenne Il grande dittatore parlava di eventi gravi veramente accaduti, includendo l'egotismo non solo di Hitler, ma anche dell'altro grande dittatore, Mussolini e raccontando anche di fatti storici come l'annessione dell'Austria. L'elemento che dall'interno della storia agisce con maggiore forza distruttiva dei due dittatori è il linguaggio e la pantomima. Come in una forma violenta di schizofrenia paranoica il linguaggio deformato e amorfo testimonia la mancanza di qualsiasi vera identità della figura del "dittatore" che altro non è che un poveruomo che inganna e instupidisce col potere della parola e della propaganda politica il popolo, tolto gli la parola rimane il nulla.
L'opera di Chaplin incise sugli eventi storici ed ebbe una strana coincidenza sincronica, il 3 settembre 1939 giorno della pubblicazione delle copie della sceneggiatura fu lo stesso giorno in cui l'Inghilterra dichiarò guerra alla Germania.
Qui si innesta il lavoro di Massimo Venturiello che ha dovuto trasporre un lavoro cinematografico in opera teatrale. Anch'egli geniale nell'elaborazione. La proposta non ha solo un grande valore artistico, ma soprattutto riveste un ruolo attuale di denunzia contro la nostra realtà quotidiana, costruita su palafitte sgangherate che potrebbero crollare e portarci molto dolore.
Nell'opera, che abbiamo fortemente applaudito domenica sera, c'erano vari usi spettacolari della parola: quella della drammaturgia pantomimica interpretata da Massimo Venturiello; quella della parola cantata dai cori con musiche di Germano Mazzocchetti e la parola della la voce di Tosca, voce sempre meravigliosa e calda che passa dal melodioso all'acuto, a seconda delle circostanze, capace di condurre lo spettatore dall'orrore dei campi di concentramento e dalla brutale violenze degli scagnozzi di Hinkel, alla luce della speranza e dell'amore, interpretando anche da grande attrice il ruolo Hannah. E, ancora la parola come "mestizia", tutta giocata sulla gestualità e sulla bassa tonalità, rivestita con fascinoso rigore da Franco Silvestri, al quale era affidato un ruolo nevralgico nello spettacolo quello del "negazionismo" che fu la piaga più grande nello sterminio degli ebrei. Voler credere, nonostante tutto fosse contro, che l'essere umano non potesse sporcarsi di crimini così disastrosi . Franco Silvestri, apparentemente nelle vesti di un rabbino, ma in verità egli nello spettacolo ha rappresentato la storia con i suoi dolorosi inganni, ha rappresentato anche la voce della saggezza, che in questo caso diviene remissione, un lento e indefinito piegarsi alla paura, nell'incapacità di dover affrontare il reale. Una posizione questa che appartiene non più alla parodia o alla satira, o al mimo, ma alla dimensione dell'uomo che patisce i soprusi e continua a sperare nel suo prossimo. A questo personaggio, insieme ad Hannah, Venturiello ha dato il ruolo umano in una storia dominata per il resto dalla furia del male. L'ultimo è il ruolo della parola utilizzata in modo deforme, tesa all'inganno e alla bugia. Una parola alterata, animalesca, grossolana, quasi a testimoniare che tolto il potere alla parola è più facile rendersi conto di quale belva paranoica sia stato Hynkel, il linguaggio utilizzato nel cinema di Chaplin, come nel teatro da Venturiello è il linguaggio degli orchi o dei pazzi, ha suoni chiusi, stridenti, urlati, dove la "o" ha preminenze orribili. Così nella deformazione dei nomi Adenoyd Hynkel , Astolf Hynkel , il fui è il führer, Bonito Napoloni (Benzino Napaloni), duce di Batalia (Bacteria) è Benito Mussolini, duce d'Italia, Garbitsch ,nella realtà Joseph Goebbels, Herring è Hermann Goering, la Segretaria di Hynkel è Eva Braun, la Signora Napoloni - Rachele Mussolini, Ostria (Osterlich) per Austria.
Venturiello è elaboratore originale e accorto dell'opera di Chaplin,è attore- regista; E' l' "uomo-scena": il suo corpo sul palcoscenico aveva in ogni più piccolo ossicino un'orchestra che lo governava, un ritmo che lo metteva in comunicazione con tutte le scene, apparentemente staccate le une dalle altre, egli ne era il collant; portava il ritmo con un'energia che ha coinvolto per intero lo stesso pubblico, pareva, a volte di essere sul palcoscenico, parte del coro o del popolo afflitto o del popolo piegato dai discorsi di propaganda del dittatore. Ha reso in pieno l'omuncolo che Charlie Chaplin avena voluto per il suo dictator, più pazzo che uomo. I giochi di pantomimica sono stati clamorosi, ha inventato soluzione di ritmi innovativi anche rispetto alle bellissime musiche. Un personaggio che ha attraversato lo spettacolo dall'inizio alla fine. Le sequenze , da quella di apertura, sono state incalzanti, aiutato in questo suo instancabile lavoro dalla fabula saltica dei cori che sono stati emozionantissimi, potenti nello loro valenza e nel contempo hanno avuto la stesa eleganza e forza storica dei cori della tragedia greca.
Venturiello ha dato come sottotitolo all'opera quello di "Commedia musicale" chi scrive vi ha colto una drammaturgia a più innesti: dramma satiresco, pantomima, coro, dramma, musiche, danza italica (pari per la bellezza dei suoni a quella introdotta da Piliade di Cilicia e da Battillo d'Alessandria nel 22 ). L'opera è piena di incontri culturali, storici che solo un grande conoscitore, esperto del teatro poteva dare.

postato da: frollina  


Uno scorcio del nostro territorio innevato in una foto di  Luigi GriecoSpettacoli e Cultura: Campagna sociale a cura del Dipartimento di Fotografia Sociale FIOF La fotografia italiana per la prima volta resta a casa, allora, ma non si ferma.
letture: 1787
08 aprile 2020 di kapa
 Spettacoli e Cultura: Padiglione Europa I migliori artisti internazionale rendono omaggio all'Arte Europea
letture: 3412
06 novembre 2019 di ufficiostampastart
 Spettacoli e Cultura: Gianni Dunil celebrato nelle opere dei principali artisti italiani
letture: 2399
29 ottobre 2019 di ufficiostampastart
Paolo Del Prete PlatinumSpettacoli e Cultura: Il gioco terrestre di Paolo Del Prete. L' ultimissima uscita del Polistrumentista - Compositore Paolo Del Prete è già un Cult!
letture: 3392
29 ottobre 2019 di ladjlady
 Spettacoli e Cultura: Natura, Vita significativa Nino Perrone e un'arte che risveglia i sensi
letture: 2234
10 ottobre 2019 di ufficiostampastart
Astra Roma BalletSpettacoli e Cultura: Il balletto "IL FLAUTO MAGICO" al teatro comunale di Priverno Sabato 15 dicembre la nuova produzione dell'Astra Roma Ballet.
letture: 1894
13 dicembre 2018 di philleas
Miseria e nobiltàSpettacoli e Cultura: "MISERIA E NOBILTÀ": Un grande classico in scena al teatro comunale di Priverno Giovedì 29 novembre con la direzione artistica di Matutateatro
letture: 1760
28 novembre 2018 di philleas
Claudio Baglioni, direttore artistico del Festival di SanremoSpettacoli e Cultura: Sanremo Giovani, prorogati i termini per partecipare
letture: 2006
02 ottobre 2018 di simonilla
 Spettacoli e Cultura: "GOMORRA" E IL RISCHIO DI EMULAZIONE LA FICTION TELEVISIVA HA SUSCITATO LE CRITICHE DEI MAGISTRATI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
letture: 2202
13 dicembre 2017 di philleas
Regione campaniaSpettacoli e Cultura: Festival del Libro a Padula dal 12 al 14 maggio
letture: 2546
06 maggio 2017 di descartes








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
XX III Edizione del PREMIO INTERNAZIONALE - Tulliola Renato Filippelli
letture: 5005
18 aprile 2016
Il Grande dittatore
letture: 2448
05 marzo 2016
PREMIO INTERNAZIONALE "TULLIOLA- Renato Filippelli" 2015-16
letture: 2703
11 novembre 2015
Premio letterario internazionale "Tulliola-Renato Filippelli": esce il bando della XXIII edizione
letture: 2408
26 agosto 2015
L'inquietudine e il nostro tempo - Incontro con il prof. Aldo Masullo
letture: 4046
29 novembre 2014
"Ugo Piscopo. Terra nella sera" di Carmen Moscariello
letture: 3436
20 novembre 2014
Prefazione a Terre nella sera
letture: 3827
08 novembre 2014
Premio per silloge inedita "Pietro Carrera"
letture: 3700
25 ottobre 2014
Il PM Giuseppe Miliano premiato al "Tulliola" per l'alto impegno nella lotta alle ecomafie
letture: 5209
06 ottobre 2014
Premio letterario internazionale Tulliola - Renato Filippelli XXII Edizione - 2013/2014
letture: 5327
22 settembre 2014