Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 1076
dal 13/11 al 19/11 Spettacoli e Cultura: Padiglione Europa
letture: 619
16/11 Formia: Secondo appuntamento per la settima stagione di Confronti
letture: 984
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 4384
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.600
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
12
novembre
S. Adalberto
Compleanno di:
sex godaisan1982
sex GuardiaScaur...
sex sandro56
sex sassolino
sex serapo80
sex simi
sex uli
nel 1905: si corre per la prima volta il giro di Lombardia di ciclismo. Lo vince Giovanni Gerbi.
nel 1925: Il trombettista e cantante Louis Armstrong registra il suo primo disco: "My heart".
nel 1984: Messa in atto la prima missione di salvataggio per un satellite uscito dall'orbita. Il compito è espletato da Joseph Allen, partito a bordo della navetta spaziale Discovery.
dw

Home » News » Webzine » Politica » Cinque anni dopo la Primavera ...
sabato 23 gennaio 2016
Cinque anni dopo la Primavera Araba il centro ovest della Tunisia torna ad infiammarsi
23 Gennaio 2016
letture: 1374
Politica: Gli eventi che si susseguono in Tunisia, culla della Primavera Araba, mettono in guardia sulla direzione che potrebbe prendere il difficile cammino di transizione.
Ma il recente ritorno dell'ondata rivoluzionaria sottolinea i limiti e il fallimento di questo lungo e tortuoso processo di transizione democratica che ha cercato in tutti i modi di limitare i danni causati dalla brutalità passata dello Stato. L'escalation delle proteste nella città di Kasserine, nel cuore della regione centro-occidentale del Paese, sono indicatori di un chiaro scenario sociale, rappresentato dal drammatico aumento dei tassi di disoccupazione tra i giovani tunisini, nonostante le promesse da parte del governo di combattere la corruzione. A cinque anni dalla rivoluzione, il cammino della transizione non ha funzionato e lo slogan "Il lavoro è un diritto, banda di ladri" scandisce i toni della rivolta di Kasserine.
La rivoluzione del 2011, sorta in risposta alla grave crisi economica e sociale, oggi torna a farsi sentire con le stesse richieste. Si tratta di una naturale legge fisica: se le condizioni del movimento di protesta iniziale non vengono soddisfatte, inevitabilmente questo si rinnoverà in maniera ancora più violenta al fine di ottenere ciò che desidera. Potrebbe essere affrettato giudicare le attuali manifestazioni, sorte in una delle regioni più povere ed emarginate della Tunisia, ma senza dubbio le nuove ondate di protesta a Kasserine sono la prova che le richieste della rivoluzione del 14 gennaio sono rimaste incomplete. Quello che abbiamo imparato in Egitto o in Tunisia e in tutti gli altri luoghi che hanno vissuto le rivolte arabe è che la primavera delle masse si è trasformata in inverno per le élite al potere e si è entrati in un debole autunno in tutti i Paesi.
La Tunisia è lo Stato in cui per primo è arso lo spirito della rivolta araba, nato dalle profonde complessità e differenze interne del Paese. La dimensione di questa nota complessità sociale è chiaramente visibile a livello regionale: esistono alcune aree che godono di certi servizi, welfare e infrastrutture ,mentre altre languono nella povertà, l'emarginazione, il disprezzo e l'esclusione da tutti i modelli di sviluppo. I servizi, le università, gli ospedali e le infrastrutture sono tutti concentrati principalmente nel nord, zona che ha vissuto lo sviluppo coloniale guidato prima da Bourghiba e poi da Ben Ali. Mentre tutte le altre aree del Paese (il centro, il sud e la parte nord-ovest) continuano a soffrire di povertà ed emarginazione, rimaste escluse dalla fine del colonialismo militare negli anni '50. Questa chiara disparità colpisce le infrastrutture sociali e culturali e si è manifestata anche durante le elezioni tunisine. La mappa elettorale è stata, infatti, portavoce chiara di questa realtà e ha messo in luce le dimensioni del divario che separa le due metà del Paese e che minaccia lo Stato e la comunità di disintegrarsi se non si corre ai ripari e non ci si affretta a curare questa frattura.
Nonostante lo sforzo delle piattaforme di informazione nazionali di allarmare i cittadini attraverso lo spauracchio del terrorismo, (Kasserine è infatti situata ai piedi del monte Chaambi considerato la principale fucina jihadista del Paese, ndt) nella città non si spegne la sete della rivolta sociale. Gli islamisti invece, che avevano portato la rivoluzione dei poveri e dei disoccupati al potere non hanno partecipato alla rivolta, ma anzi hanno classificato l'attuale retorica rivoluzionaria come distruttiva e inutile agli interessi del Paese e al cammino di transizione. Ma non serve nemmeno i loro interessi e svela anzi l'incapacità degli islamisti di resistere alla corruzione rivelando la loro disgustosa alleanza col governo e la sua squadra di ladri.
Le rivolte di Kasserine devono essere un avvertimento per il regime. Continuare sulla via dei vecchi schemi del passato aggirando le domande della rivoluzione porterà ad una catastrofe per il processo rivoluzionario che potrebbe scivolare verso una situazione peggiore e con conseguenze terribili soprattutto per i giovani inattivi del Paese che non hanno nulla da perdere. Inoltre, diversi attori esterni ed interni allo Stato sarebbero pronti a mettere mano al cammino di transizione tunisino per interrompere questo esperimento e interferire nello spazio della primavera araba.
Spetta una grande responsabilità a chi governa la Tunisia oggi. È necessario intervenire per consentire agli oppressi i più elementari diritti umani e recuperare i miliardi di denaro pubblico che sono stati derubati dall'ex élite politica. I famigliari di un pastore che è stato ucciso da un gruppo di terroristi sulle montagne di Kasserine ha detto una volta, rivolgendosi al governo tunisino: "O viviamo una vita degna o moriremo tutti". Quindi "Attenzione! Le ceneri e le fiamme della rivoluzione sono state riaccese, e chi semina vento raccoglierà tempesta".

Mohamed Hnid è un ricercatore tunisino. Arabi21 (21/01/2016). Traduzione e sintesi di Maddalena Goi.

di: Partito Comunista dei Lavoratori


PoltronistaPolitica: I trasformisti della poltrona Dai tronisti ai poltronisti
letture: 1875
28 agosto 2019 di mario2010
Virginia RaggiPolitica: Raggi indagata per lo stadio dopo la denuncia di un ex grillino: abuso d'ufficio La Raggi indagata per la questione stadio da un ex esponente grillino e abuso d'ufficio.
letture: 1799
22 aprile 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Dalle infrastrutture ai migranti: i nodi che dividono il governo Tav, legittima difesa, Venezuela e immigrazione, ma anche droghe leggere e sport: il governo gialloverde è in stallo
letture: 2651
17 febbraio 2019 di Emiliano Ziroli
Di MaioPolitica: Lega-M5S, settimana di tensioni Di Maio: dall'alleato mi aspetto lealtà Il vicepremier e leader 5 Stelle con Di Battista missione a Strasburgo. Salvini sul referendum: senza intese sceglie il popolo
letture: 2867
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
cesare battistiPolitica: Battisti in volo per l'Italia. Salvini: "Io sarò in aeroporto" L'aereo dei servizi è decollato dalla Bolivia. Arriverà a Roma domani alle 12:30. Il ministro: "Orgoglioso e commosso"
letture: 2850
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Quota 100 e reddito di cittadinanza. I decreti slittano di una settimana Erano attesi per oggi ma la Ragioneria generale dello Stato sta ancora esaminando i provvedimenti. La nuova data utile sarebbe venerdì della prossima settimana.
letture: 3042
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
SalviniPolitica: Salvini: "Da Conte nessuno sgarbo". Ma adesso tira aria di crisi Fonti leghiste lanciano l'allarme: rottura prima delle Europee: "Come si fa ad andare avanti? Tav sì, tav no, migranti sì, migranti no"
letture: 3038
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
sindaciPolitica: Fanno i solidali con le nostre tasse Chi si oppone al dl Sicurezza dovrebbe spiegare con quali soldi pensa di pagare i costi del "nobile atto" umanitario
letture: 2268
05 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Ecco le misure più importanti della manovra 2019 Nel testo della manovra, alcune importanti novità come il raddoppio Ires per gli enti no profit, il taglio degli aumenti alle pensioni. Novità anche per le famiglie e per gli stabilimenti balneari
letture: 2112
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli
InpsPolitica: Stangata una pensione su tre. I tagli assegno per assegno Dal 2019 scattano le penalizzazioni su tutti gli assegni che superano i 2000 euro lordi. C'è chi perde fino a 1000 euro.
letture: 1877
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
IL PCL E I REFERENDUM
letture: 1427
04 agosto 2016
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Attenzione alle inezie
letture: 1466
06 aprile 2016
Cinque anni dopo la Primavera Araba il centro ovest della Tunisia torna ad infiammarsi
letture: 1375
23 gennaio 2016
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Tunisia: quando il fuoco cova sotto la cenere
letture: 1454
23 gennaio 2016
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Sull'uscita di Falcemartello da Rifondazione Comunista
letture: 1661
14 gennaio 2016
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Lettera aperta alle compagne e ai compagni di Rifondazione Comunista
letture: 1643
22 novembre 2015
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Il vero volto del grillismo, (1)
letture: 1432
07 novembre 2015
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Se questa è Chiesa.
letture: 1728
28 agosto 2015
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Il tradimento di Tsipras
letture: 2034
14 luglio 2015
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI
Fmi e Ue prendono per il collo il popolo greco.
letture: 2413
29 giugno 2015