Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 9175
dal 13/07 al 30/08 Formia: Rassegna cinematografica "Cinema alla deriva 2018"
letture: 3966
18/08 Gaeta: "Cappuccetto Rosso al contrario"
letture: 1243
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.545
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
15
agosto
Assunzione di B.M.V.
Compleanno di:
sex arturo12
sex giocobasket
sex Rantolo
sex uomoragno
sex vam853
nel 1848: Negli Stati Uniti viene brevettata la poltrona da dentista.
dw

Home » News » Webzine » Scuola e società » Niente benedizione a scuola ma...
lunedì 30 novembre 2015
Niente benedizione a scuola ma sì alla bandiera con falce e martello
La scuola media Enrico Fermi di Casalguidi Serravalle Pistoiese rifiuta la benedizione pasquale del prete. Ma fa appendere poster con la falce e martello
letture: 1574
La sovranità appartiene al popolo...>:(
La sovranità appartiene al popolo...>:(
Scuola e società: A marzo di quest'anno la scuola media Enrico Fermi di Casalguidi Serravalle Pistoiese non aveva concesso al parroco, don Renzo Aiardi, di impartire la benedizione pasquale.
Il motivo? Nelle classi c'erano alunni non cattolici*. Ora la scuola si segnala per un'altra, diciamo così, anomalia: i dirigenti dell'istituto infatti si sono rifiutati, come rileva il dirigente regionale di Fratelli d'Italia Francesco Macrì, di allestire l'albero di Natale. Una scelta che va in un'unica (e ovvia) direzione: abolire ogni simbolo che ricordi, anche solo lontanamente, le nostre tradizioni.

Ma la storia di questa scuola non finisce qui. Su segnalazione del consigliere Alessio Bartolomei, Francesco Macrì ha postato su Facebook una foto che mostra come i maestri di questo istituto facciano disegnare, per poi essere appesi, poster rossi con tanto di falce e martello per "celebrare" l'articolo 1 della Costituzione.

Una scelta senza senso, come ha spiegato Francesco Macrì, contattato da ilgiornale.it: "Si tratta di una cosa indecente. Invece di far fare il presepe o l'albero di Natale ai suoi studenti, il dirigente scolastico perde tempo con la falce e il martello. Quei professori sono politicizzati e dovrebbero dimettersi subito. C'è una forte connivenza tra questi educatori di sinistra e coloro che vogliono attaccare la nostra tradizione e la nostra cultura".

Questo fatto è stato denunciato anche da Giorgia Meloni che si è chiesta: "Ma questa gente sul serio ha in mano l'educazione e la crescita formativa dei bambini italiani?". Una domanda tragica nella sua attualità.

IlGiornale

---

*
Benedizione a scuola, parroco contro dirigente scolastico

A Casalguidi diventa un caso la mancata visita del sacerdote. Don Renzo: non benedico le scrivanie. Lucia Maffei: le regole sono queste, in tutti gli istituti

E' la benedizione pasquale della discordia. Nessuno la vieta, nessuno la dà. Il consiglio d'istituto dell'istituto Fermi di Casalguidi vuole che «siano benedetti i plessi ma non le singole classi, per la presenza di alunni non cattolici».

Il parroco di Casalguidi però, abituato negli anni a portar l'acqua santa in ogni aula, si rifiuta di «benedire le scrivanie». «A queste condizioni - mette in chiaro don Renzo Aiardi - io non ci sto». Domenica mattina, durante la messa, il parroco ha avvertito i fedeli: quest'anno, niente benedizione a scuola. Non che fosse una novità per chi ha un figlio alle elementari Ilaria Alpi e alla media Enrico Fermi. La decisione del consiglio d'istituto risale infatti al febbraio 2013, quando la preside Lucia Maffei era al timone del comprensivo da appena 5 mesi.

«Mi sentii in dovere di chiederle se potevo dare la benedizione» ricorda don Aiardi. «Mi chiese - racconta Lucia Maffei sul parroco - se poteva benedire tutti i ragazzi, classe per classe. Gli dissi che questo non sarebbe stato possibile. La norma vieta l'interruzione delle lezioni per attività di culto».

La vicenda venne comunque portata in consiglio e qui discussa dai rappresentanti di genitori, docenti, personale ata e dalla stessa preside. Il risultato è contenuto nella delibera numero 54, in cui il consiglio approva la sola benedizione dei plessi bocciando quella in aula. Nel giugno dello stesso anno, ecco una seconda delibera. «Su richiesta di alcuni genitori che chiedevano la benedizione del parroco nel periodo pasquale, ho deciso di discutere con il consiglio di istituto la proposta di benedire i ragazzi e le famiglie in aula magna e in orario extrascolastico» ricorda Maffei.

Ma da don Aiardi è arrivato un altro no. «Nei trent'anni passati qui - spiega il parroco di Casalguidi - sono sempre andato a benedire i ragazzi. Fare una benedizione la sera alle cinque, dopo la scuola, quando gli alunni hanno sulle spalle la fatica di un'intera giornata e i genitori hanno fretta, non sarebbe giusto. No, questo per me è inaccettabile. Come inaccettabile è benedire il pian terreno di una scuola. Io andavo per benedire i bambini e i ragazzi, non certo per le scrivanie, i muri e le sedie. Siamo arrivati al punto di non fare il presepe, di non volere i crocefissi nelle scuole. E' questa la "nostra" fede? I maestri dovrebbero aggregare i bambini, non dividerli. Andare nelle classi a benedire tutti significa anche mostrare ai ragazzi che esistono più religioni».

Domenica, dopo la comunicazione- sfogo di don Aiardi durante la messa, Federico Gorbi, consigliere comunale di Serravalle Popolari e Riformisti, ha espresso su facebook il proprio dissenso verso le volontà del consiglio d'istituto. «Per il terzo anno consecutivo - scrive Gorbi - è stato impedito al parroco di Casalguidi di benedire le aule delle locali scuole. Il motivo sarebbe il rispetto verso chi ha un altro credo religioso. Giusto rispettare la sensibilità di ciascuno, ma chi rispetta quella di noi cristiani?».

Anche Elena Bardelli, portavoce comunale di FdI-An, parla di «vicenda tristissima» e giudica «grave il reiterato rifiuto da parte del consiglio di istituto della annuale benedizione pasquale». Solo pochi chilometri più in là però, la mancata benedizione nelle aule è un fatto considerato normale e scontato. All'istituto comprensivo Bonaccorso da Montemagno di Quarrata, il preside Luca Gaggioli spiega che «sarebbe impensabile, oltre che contro la norma, interrompere le lezioni per qualsiasi atto di culto». Stessa posizione per Stella Niccolai, dirigente del comprensivo "Nannini", sempre a Quarrata. «Solo se ci sono richieste da parte dei genitori, il parroco viene a benedire in orario extrascolastico» precisa Niccolai.

Linea condivisa con Angela Desideri, preside del comprensivo "Sestini" di Agliana, e dell'istituto agrario di Pistoia, dove nel dicembre 2014 è stata interrotta anche la consueta messa di Natale che si svolgeva in orario scolastico (a libera partecipazione, ovviamente, degli studenti). «Laddove creasse un problema - dice Desideri - leverei anche il crocefisso dall'aula. La scuola pubblica deve rispettare il culto di tutti». Così è stato fatto già negli anni passati in alcune aule degli istituti aglianesi. Anche all'interno delle medie di Casalguidi, il crocefisso è presente solo in alcune classi, ma Lucia Maffei chiarisce che la situazione era già a macchia di leopardo quando è arrivata, nel settembre 2012.

16 marzo 2015
IlTirreno


---


Bimbi musulmani a scuola, il prete non può benedire le aule

Serravalle Pistoiese: il consiglio d'istituto vieta l'ingresso al parroco di Casalguidi per rispettare chi ha un altro credo religioso. La protesta del consigliere comunale Federico Gorbi: "Chi rispetta la sensibilità di noi cristiani?"

"Per il terzo anno consecutivo è stato impedito al Parroco di Casalguidi di benedire le aule delle locali scuole. Il motivo sarebbe il rispetto verso chi ha un altro credo religioso. Giusto rispettare la sensibilità di ciascuno, ma chi rispetta quella di noi cristiani? Oppure la presenza di qualche alunno di religione diversa è solo un comodo paravento di qualche laicista?".

A parlare è Federico Gorbi, consigliere comunale a Serravalle pistoiese nelle file di Serravalle Popolari e riformisti.

"Se la scelta fosse dovuta alla ormai crescente presenza multietnica e multireligiosa delle nostre scuole - prosegue - ritengo che tutti abbiano gli stessi diritti: come per i mussulmani viene studiato un menù rispettoso delle regole imposte dal Corano, altrettanto chiedo che vi sia la medesima attenzione verso i riti cristiani. Il rispetto che doverosamente dobbiamo alle minoranze non significa imporre la dittatura delle minoranze stesse".

"Se invece la volontà scaturita dal consiglio di istituto si ispira alla laicità - prosegue il consigliere comunale - vorrei sommessamente ricordare che la laicità, come ricorda la Corte costituzionale, è un valore in positivo che non richiede di forzare la vita pubblica in una grigia neutralità. Laicità vuol dire creare uno spazio in cui tutte le fedi, e anche tutti coloro che non ne hanno una, abbiano eguali diritti e uguale rispetto. Le esagerazioni laiciste sono nemiche della laicità che è basata sul massimo rispetto dei diversi sentimenti religiosi".

Federico Gorbi perciò conclude il suo intervento con un appello. "Pertanto, caro consiglio di istituto di Casalguidi, con rispetto, mi permetto di dirti "ripensaci": difendere una cerimonia religiosa del nostro Paese vuol dire difendere la matrice culturale cristiana e, quindi, la nostra identità nazionale".


15 marzo 2015
IlTirreno

postato da: marinta  


Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 2739
11 giugno 2018 di ElioRusso
Dirigente Rossella Monti-Presidente Mauro Cernesi-Prof. Di Micco C. - Dott. Palmaccio M.Scuola e società: Parte lo Stage Aziendale per gli studenti dell'I.T.E. "G. Filangieri" di Formia Firmato oggi il Protocollo d'Intesa e il C.T.S. con l'Ordine dei Dottori Commercialisti di Cassino
letture: 1245
15 ottobre 2017 di ElioRusso
Erano solo invenzioni?Scuola e società: Lezioni gender Impossibile esonerare i figli
letture: 882
23 maggio 2017 di marinta
studenti della 3 G TURISMOScuola e società: Gli Studenti del FILANGIERI di Formia Apprendisti Ciceroni 25ª Edizione Giornate FAI di Primavera
letture: 1336
26 marzo 2017 di ElioRusso
Grimaldi Lines - Cruise RomaScuola e società: Formia / Alternanza scuola-lavoro stage Formativo con la Grimaldi Lines -Cruise Roma - dell'Istituto Tecnico Economico Filangieri di Formia
letture: 1601
17 febbraio 2017 di ElioRusso
Entra e firmaScuola e società: Spettacolo "Gender" per bambini delle elementari e medie Genitori e Ass. manifestano contro
letture: 926
30 gennaio 2017 di marinta
 Scuola e società: Il Nord Italia e la scuola: Quando l'invidia la fa da padrona. Prove Invalsi - Ocse ed Esame di Maturità con lode: c'è chi fa, volutamente, confusione per instillare, ancora una volta, malsane stille di razzismo. Si fa confondere l'oggettivo con il soggettivo.
letture: 1522
12 agosto 2016 di CONTROMAFIE
Fiori per la mammaScuola e società: "Festa della mamma" sostituita con "la festa di chi ti vuole bene"
letture: 1503
07 maggio 2016 di onsling
Azzurro e RosaScuola e società: Non vuol vestirsi da bimba: bandito da scuola Il padre chiede lumi sul gioco gender imposto all'asilo, depennano il figlio
letture: 1471
18 dicembre 2015 di marinta
La maestra continuava a chiedergli come mai lo avesse al colloScuola e società: "Nostro figlio costretto a togliersi il crocifisso". La scuola: non è vero L'insegnante spiega: gli ho solo detto di averne rispetto perché si era comportato male. Ma la mamma del bambino insiste: è sotto choc, ora cambierà istituto. (1)
letture: 1377
06 dicembre 2015 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Do not click!
L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 1227
10 dicembre 2017
Biden ridiculous quotes
Come costruire i nemici del popolo
letture: 1323
09 dicembre 2017
Ormai è legge.
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 1353
06 dicembre 2017
Noi crediamo che si stia esagerando.
Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 1692
05 dicembre 2017
L'alluminio si trova in tutti i vaccini.
Alluminio nel cervello degli autistici. Epidemia di cancro anale. E i media zitti.
letture: 1463
02 dicembre 2017
Il boom dei Bitcoin potrebbe essere un grosso problema per l'ambiente.
Il bitcoin è inquinante e aggrava l'effetto-serra. E Greenpeace, zitta...
letture: 1420
01 dicembre 2017
Così li soccorrono.
Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 1309
30 novembre 2017
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.
...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 1293
30 novembre 2017
Mettiti in coda!
Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 1328
29 novembre 2017
Per il bene di Israele
'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 1264
28 novembre 2017


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it