Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 9936
dal 05/07 al 21/09 Formia: Siria, l'amore vince ogni paura
letture: 7564
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 7464
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 1914
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.589
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
17
settembre
S. Roberto Bellarmino
Compleanno di:
sex LucaMarchi
sex micione
nel 1931: La RCA Victor effettua una dimostrazione di un nuovo sistema per la registrazione musicale su vinile. Si chiama Long Playing, la,5,re durata di registrazione è garantita da un nuovo sistema di disposizione dei solchi e da una minore rotazione del supporto, che passa da 78 a 33 giri e 1/3 per ogni minuto.
nel 2000: Domenico Fioravanti vince i 100 rana a Sydney: è il primo oro azzurro nella storia delle Olimpiadi. Un trionfo con il record dei Giochi: 1'00"46.
dw

Home » News » Webzine » Politica » La forza di Verdini? Quel segr...
lunedì 19 ottobre 2015
La forza di Verdini? Quel segreto...Pansa rivela tutta la verità su Denis
di Giampaolo Pansa
letture: 1021
Un tipo alto, massiccio, chioma bianca curata da un sapiente coiffeur, una bella faccia d...
Un tipo alto, massiccio, chioma bianca curata da un sapiente coiffeur, una bella faccia d...
Politica: Se Maurizio Crozza non ti prende per i fondelli nel suo Paese delle Meraviglie, vuol dire che conti meno del due di picche. E se per caso ti trastulli con la politica è meglio che abbandoni la scena, scegliendo di passeggiare ai giardinetti.
Nella Casta dell'annata 2015 è una regola barbarica, ma tutto sommato giusta. L'abbiamo vista applicare l'altro ieri, venerdì 16 ottobre. Il grandissimo Crozza si è deciso a mettere in scena un personaggio che si rodeva di restare nell'ombra. Poi Crozza ha fatto il miracolo. E ha sfottuto Denis Verdini, il traditore di Silvio Berlusconi, nonché nuovo alleato del premier Renzi. Presentato come il conducente di un taxi in grado di trasferirsi da un potere politico all'altro. E di fornire lo stesso servizio a chiunque sia pronto a voltare gabbana, cambiando campo e livrea.

Esistono due modi di raccontare la vicenda frontaliera del Verdini. Uno è quello colto, da analisi politologica capace di spaziare in una fase temporale che va dal 1945 a oggi. Lunga un settantennio, partendo dalla nascita della Repubblica ai giorni nostri. Non è un metodo usuale per il Bestiario, rubrica da chiacchierata al caffè e senza pretese culturali. Ma può servire a inquadrare meglio il fenomeno Verdini e comprenderne sino in fondo la natura e il peso.

Dal dopoguerra in poi, la politica italiana ha conosciuto prima la fase dei grandi partiti: la Dc, il Pci e il Psi. Poi si è manifestato il virus del correntismo e i colossi hanno iniziato a sgretolarsi. Quindi siamo passati all'epoca dei micro partiti, nati sui cadaveri delle parrocchie più forti. Adesso siamo arrivati all'era dei califfati. Guidati, come dice la parola stessa, da califfi in carne e ossa.

Volete dei nomi? De Luca in Campania, oggi malsicuro per il timore che la Corte costituzionale dichiari che non era eleggibile e lo mandi al tappeto. Emiliano in Puglia. Crocetta in Sicilia. Zaia in Veneto. E fino a ieri il sindaco di Roma, lo sfigato Marino. Ma i califfati non sono l'ultimo stadio della mutazione incessante che ci offre la Casta. Infatti stiamo arrivando a un fenomeno nuovo: quello delle bande.

Il Bestiario ci tiene a precisare che la parola «banda» non ha nessun significato spregiativo. Indica soltanto un gruppo politico connotato dalla mobilità. Il califfato esige un minimo di struttura: assessorati, aziende partecipate, clientele, tifoserie distribuite sul territorio. La banda è ben più agile. Si adatta con facilità alla guerriglia parlamentare. Può trasferirsi da una maggioranza all'altra. È in grado di ferire i vecchi amici e rendere felici quanti venivano considerati avversari.

Infine la banda ha un vantaggio su tutte le altre mutazioni della Casta. È quello di essere per sua natura infedele. Non conosce patti, gerarchie, neppure rapporti di amicizia. Si muove soltanto sulla base della propria convenienza. È mutevole, si adatta alle circostanze, può servire il nuovo principe, ma può anche tradirlo. A volte si dà un'insegna, una bandiera, un nome. Pur essendo pronta a dimenticare tutti questi orpelli.

La banda Verdini è la traduzione pratica, ruspante e un po' fumettara di queste apparenze. A cominciare dalla figura del capo. Un tipo alto, massiccio, chioma bianca curata da un sapiente coiffeur, una bella faccia da imperatore romano della decadenza, il ghigno di chi sembra riflettere su problemi cosmici, mentre sta preparando un'altra delle sue trappole. Anche l'età è quella giusta: 64 anni, non più troppo giovane e non ancora troppo anziano.

In certe congiunture politiche l'età è importante. Denis ha quindici anni meno del suo vecchio leader, Silvio Berlusconi. E ha servito il Cavaliere per un tempo lunghissimo, con una venerazione che rasentava l'idolatria. Rileggere quel che diceva di Silvio, spiega perché il monarca oggi tradito sia in preda a un terribile choc da abbandono.

Di Silvio, lo sfrontato Denis sosteneva: «Io ritengo Berlusconi il grande innovatore della politica italiana. L'unico che può cambiare questo paese. È vero: confesso di essere politicamente innamorato di Silvio. Essere innamorati di lui è quasi un dovere. Capisco persino l'odio nei suoi confronti. È talmente bravo e inaffondabile da far venire la bava alla bocca degli avversari».

In un'altra intervista, il Verdini si era spinto ancora più in là: «Berlusconi deve essere eletto presidente della Repubblica. Credo che il Quirinale sia l'ovvia evoluzione della sua epopea politica. Silvio è un personaggio unico al mondo. È quasi impossibile non subirne la fascinazione. Tuttavia io mi innamoro delle donne. Non vorrei che, dopo avermi accusato di essere massone, adesso si dica di me che sono pure gay».

Anche il Cav subiva il fascino di Denis. Gli aveva messo in mano il partito, poiché lo considerava assai più bravo del povero Angelino Alfano, il segretario privo di quid, senza il tocco magico. Lo portò con sé quando andò a incontrare il premier Renzi per gettare le basi del Patto del Nazareno. E un bravo giornalista fiorentino che sa tutto di Matteo, David Allegranti, captò un retroscena del colloquio tra i due.

Da collaudato sottaniere, Silvio domandò al presidente del Consiglio come fosse messo a donne. Matteo alzò le spalle: qui di donne non ce ne sono, perché come si dice a Firenze la cosa peggiore che può capitare è di essere «becco di ganza». Fu Verdini a tradurre l'immagine al milanesone Silvio: «Il becco di ganza è quello che si fa mettere le corna dall'amante».

Dopo tanti anni di convivenza con Berlusconi, Denis potrebbe scrivere un libro esplosivo: "Tutto quello che so di Silvio e dei suoi nemici". Ma di certo si guarderà bene dal farlo. Per un motivo che dobbiamo tener bene a mente: la vera forza del capobanda Verdini sta nei segreti che custodisce. Ha detto uno del suo gruppo, il senatore Vincenzo D'Anna, un parlamentare estroso che si è già fatto conoscere dal pubblico televisivo: «Nessuno può permettersi il lusso di insolentirlo o di attaccarlo, perché Denis sa troppe cose...».

Quali cose? D'Anna ha spiegato: «Se Verdini parlasse, potremmo scoprire che qualcuno ha fatto il ministro perché era una bella ragazza oppure era funzionale a raggiungere certi risultati da parte di Berlusconi. Denis conosce vita, morte e miracoli di tutta la classe dirigente del centrodestra. Quanto a Renzi, esiste una vecchia conoscenza tra i due. Dal momento che il padre del presidente del Consiglio è amico di Verdini...».

Volete un altro testimone di certi legami nascosti? Davide Vecchi del Fatto quotidiano è andato a stuzzicare Umberto Cecchi, pistoiese, classe 1940, giornalista, nel 1994 eletto deputato di Forza Italia, poi direttore della Nazione di Firenze.

Cecchi ha detto: «Renzi e Verdini sono identici, due schiacciasassi. Finiranno per eliminarsi. Chi vincerà? Renzi è un affabulatore, riuscirebbe a vendere qualsiasi cosa. Ma la politica non è un set di pentole. Con tante parole e zero fatti, resta il fumo. Verdini, invece, è uno pratico, non mostra mai una cosa se prima non ce l'ha. E non rischia mai di bruciarsi».

Morale della favola? Se devo essere schietto, non so quale sia. Ma temo l'arrivo di una notte che vedrà i Verdini moltiplicarsi. Comunque, viva l'Italia dei califfati, delle bande e dei becchi di ganza.
fonte: Libero   postato da: marinta  


PoltronistaPolitica: I trasformisti della poltrona Dai tronisti ai poltronisti
letture: 1811
28 agosto 2019 di mario2010
Virginia RaggiPolitica: Raggi indagata per lo stadio dopo la denuncia di un ex grillino: abuso d'ufficio La Raggi indagata per la questione stadio da un ex esponente grillino e abuso d'ufficio.
letture: 1727
22 aprile 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Dalle infrastrutture ai migranti: i nodi che dividono il governo Tav, legittima difesa, Venezuela e immigrazione, ma anche droghe leggere e sport: il governo gialloverde è in stallo
letture: 2594
17 febbraio 2019 di Emiliano Ziroli
Di MaioPolitica: Lega-M5S, settimana di tensioni Di Maio: dall'alleato mi aspetto lealtà Il vicepremier e leader 5 Stelle con Di Battista missione a Strasburgo. Salvini sul referendum: senza intese sceglie il popolo
letture: 2817
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
cesare battistiPolitica: Battisti in volo per l'Italia. Salvini: "Io sarò in aeroporto" L'aereo dei servizi è decollato dalla Bolivia. Arriverà a Roma domani alle 12:30. Il ministro: "Orgoglioso e commosso"
letture: 2797
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Quota 100 e reddito di cittadinanza. I decreti slittano di una settimana Erano attesi per oggi ma la Ragioneria generale dello Stato sta ancora esaminando i provvedimenti. La nuova data utile sarebbe venerdì della prossima settimana.
letture: 2986
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
SalviniPolitica: Salvini: "Da Conte nessuno sgarbo". Ma adesso tira aria di crisi Fonti leghiste lanciano l'allarme: rottura prima delle Europee: "Come si fa ad andare avanti? Tav sì, tav no, migranti sì, migranti no"
letture: 2985
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
sindaciPolitica: Fanno i solidali con le nostre tasse Chi si oppone al dl Sicurezza dovrebbe spiegare con quali soldi pensa di pagare i costi del "nobile atto" umanitario
letture: 2220
05 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Ecco le misure più importanti della manovra 2019 Nel testo della manovra, alcune importanti novità come il raddoppio Ires per gli enti no profit, il taglio degli aumenti alle pensioni. Novità anche per le famiglie e per gli stabilimenti balneari
letture: 2064
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli
InpsPolitica: Stangata una pensione su tre. I tagli assegno per assegno Dal 2019 scattano le penalizzazioni su tutti gli assegni che superano i 2000 euro lordi. C'è chi perde fino a 1000 euro.
letture: 1828
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Do not click!
L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 1700
10 dicembre 2017
Biden ridiculous quotes
Come costruire i nemici del popolo
letture: 1957
09 dicembre 2017
Ormai è legge.
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 1988
06 dicembre 2017
Noi crediamo che si stia esagerando.
Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 2322
05 dicembre 2017
L'alluminio si trova in tutti i vaccini.
Alluminio nel cervello degli autistici. Epidemia di cancro anale. E i media zitti.
letture: 1992
02 dicembre 2017
Il boom dei Bitcoin potrebbe essere un grosso problema per l'ambiente.
Il bitcoin è inquinante e aggrava l'effetto-serra. E Greenpeace, zitta...
letture: 2065
01 dicembre 2017
Così li soccorrono.
Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 1855
30 novembre 2017
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.
...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 1726
30 novembre 2017
Mettiti in coda!
Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 1953
29 novembre 2017
Per il bene di Israele
'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 1766
28 novembre 2017