Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
25/09 Terracina: "GET AP" Strategie per una cittadinanza globale nell'agro pontino
letture: 200
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 8083
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 2707
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.590
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
23
settembre
S. Pio da Pietralcina
Compleanno di:
sex futureaction
sex RIONERIOFRES...
sex ritalarocca
nel 1846: L'astronomo tedesco Johann Gottfried Galle avvista un nuovo pianeta, viene chiamato Nettuno.
nel 1930: Viene brevettato il flash per macchine fotografiche. Una sorta di piccola lampadina, monouso.
nel 1952: Rocky Marciano stende al 13° round Jersey Joe Walcott, a Filadelfie, e diventa campione mondiale dei massimi. Lo rimarrà fino al 27 aprile 1956 quando si ritirerà, imbattuto.
dw

Home » News » Webzine » Politica » Pansa contro Bertinotti:"Parol...
lunedì 03 agosto 2015
Pansa contro Bertinotti:"Parolaio, hai ammazzato la sinistra"
Da parolaio ad ereditiere rosso, così ha ucciso la sinistra
letture: 1060
«Tutti i colori del rosso»
«Tutti i colori del rosso»
Politica: Confesso di essere stato io a chiamare Parolaio rosso l'onorevole Fausto Bertinotti. Tra un istante ne spiegherò il perché, ma prima devo ammettere che non credevo di vederlo ritornare sulla scena all'età di 75 anni. E per una faccenda di eredità non politica, bensì pecuniaria: mezzo milione di euro che gli è stato assegnato nel testamento di Mario D'Urso, un signore per bene che lo stimava, nonostante la differenza di classe sociale.
Tuttavia la circostanza insolita ci consente di dare un'occhiata a una figura che, per parecchio tempo, è stata una delle maschere capaci di rappresentare bene il caos dilagante all'interno della sinistra italiana. È un disordine così forte, e persino surreale, che lascia prevedere la scomparsa di una realtà, ancorché tetra, ma indispensabile all'equilibrio del sistema politico.

L'ispirazione a chiamare Bertinotti il Parolaio rosso mi venne nel maggio 1995 quando lessi l'autobiografia del leader di Rifondazione comunista: «Tutti i colori del rosso», scritta con Lorenzo Scheggi Merlini e pubblicata dalla Sperling & Kupfer. Lui raccontava che da piccolo suo padre Enrico, ferroviere e socialista, non appena salivano su un treno o su un tram gli diceva: «Fausto, mi raccomando: parla poco, sai che la gente s'infastidisce!».

Purtroppo Faustino, chiacchierone sin dall'infanzia, si guardò bene dal dare ascolto a papà. E iniziò presto a costruirsi la fama del politico più verboso d'Italia. Oggi insidiato dal premier Matteo Renzi che, da questo momento, comincerò a chiamare il Parolaio bianco.

La prima volta che vidi in azione Berty fu nel 1977 dopo l'assassinio di Carlo Casalegno, ucciso a Torino dalle Br. Da segretario piemontese della Cgil, organizzò un dibattito tra i cronisti che avevano raccontato il delitto e le reazioni dell'ambiente operaio della città. Ma in realtà concionò soltanto lui. Lo stesso fece dopo la sconfitta della Triplice sindacale nello scontro del 1980 con la Fiat. In un convegno del manifesto descrisse quel disastro con l'enfasi del trionfatore.

Il suo periodo d'oro cominciò il giorno che Armando Cossutta, in seguito al tramonto del Pci e dell'Unione sovietica, sul finire del 1989 fondò Rifondazione comunista. L'Armando ne affidò la guida a Sergio Garavini, torinese, sindacalista e deputato Pci. Ma presto si trovò scontento di come funzionava la baracca. Si liberò di Garavini, un comunista troppo serioso, e nel gennaio 1994 ingaggiò Fausto, prelevandolo dal comando generale della Cgil.

Fu un'accoppiata micidiale che scelse come avversario non un governo di destra, ma l'esecutivo di centrosinistra guidato da Romano Prodi. Qui bisogna distinguere tra il primo e il secondo governo del Prof. Entrambi contavano tra gli alleati Rifondazione comunista. Invece vediamo che cosa accadde.

All'inizio dell'ottobre 1997 il Prodi uno stava per morire. Chi aveva deciso di ucciderlo era proprio il partito di Cossutta & Bertinotti. Il 9 ottobre, la ditta ultrarossa votò contro il governo e il Prof si dimise. Sui rifondaroli cominciarono a piovere decine di fax di protesta. Persino il manifesto gli si rivoltò contro. Roba da non credere.

L'Armando si rassegnò a ricevere i giornalisti nel suo ufficio presidenziale. Avendo alle spalle un ritratto di Carlo Marx con didascalie in cirillico e la vecchia bandiera rossa della sezione Pci di Sesto San Giovanni: la Stalingrado d'Italia, non ancora nei guai per una storiaccia di tangenti.

Cossutta cominciò a parlare come un Vittorio Emanuele II redivivo, anche se privo dei baffoni a manubrio e della barba a pizzo. A tutti i cronisti diceva: «Non sono insensibile all'allarme che c'è nel Paese. E non sono di quelli che alzano le spalle davanti ai fax!». Berty non era d'accordo e andò a proclamarlo in una sfilza di talk show televisivi.

A seguire Cossutta lo convinse a partecipare alla Marcia della pace Perugia-Assisi. Il Parolaio si presentò in casual elegante. Era straconvinto di essere accolto da un mare di applausi. Invece fece un bagno di insulti e di fischi per aver costretto alle dimissioni il Prof che aveva battuto il Berlusconi. Cinque giorni dopo, il presidente Scalfaro rimandò Prodi davanti alle Camere, che gli rinnovarono la fiducia.

Comunque, nell'ottobre 1998 il primo Prodi cadde sempre per volontà del Parolaio. L'accusa era quella solita: il governo era centrista e il Prof un servo della Confindustria. In compenso l'Armando e Fausto si divisero. Il primo fondò il Partito dei comunisti italiani, presto scomparso. Il Parolaio ereditò Rifondazione e si preparò a fare altri danni.

E qui siamo al Prodi due, nato dopo la vittoria elettorale del 2006. La novità di quel Parlamento fu che la presidenza di Montecitorio andò al Parolaio. Il Prof si rassegnò a concedergliela nella speranza che Fausto non gli avrebbe più rotto i corbelli. Il premier s'illudeva. A Berty non fregava nulla dei doveri che impongono l'imparzialità alla terza carica dello Stato. Infatti cominciò subito ad esternare.

Tagli alla spesa pubblica? Nessuno, non siamo mica il governo della signora Thatcher. La legge Biagi sul lavoro? Va rasa al suolo. La Mediaset del Berlusca? Deve dimagrire. La Rai? Ha da restare così com'è, al servizio dei lavoratori. Esempi da seguire? Il compagno Lula in Brasile e il compagno Chavez in Venezuela.

Infine nel dicembre 2007 il Parolaio proclamò che il progetto dell'Unione di centrosinistra era fallito. E riservò a Prodi una stilettata velenosa. Spiegò che di lui si poteva dire quello che Ennio Flaiano aveva detto di Vincenzo Cardarelli: «È il più grande poeta morente».

In realtà nel 2007, proprio il partito del Parolaio iniziò a tirare le cuoia. Le elezioni amministrative ebbero un esito disastroso. Franco Giordano, il segretario messo in sella da Berty, fu lapidario: «Ci hanno sradicato da tutta l'Italia del nord». Fausto cercò di sostituirlo con Nichi Vendola, il suo nuovo pupillo politico. Ma nel Paese l'aria stava cambiando. Alle elezioni generali del 2008, dopo la caduta del secondo governo Prodi, Rifondazione non conquistò neppure un seggio in Parlamento. Anche Fausto rimase a casa. Mentre Berlusconi era ritornato al potere in modo trionfale.

In quello scenario di rovine, in luglio si tenne a Chianciano il congresso di Rifondazione. Il Parolaio era sicuro di portare Vendola alla vittoria. Ma entrambi vennero sconfitti da Paolo Ferrero. Un tipo tutto all'opposto di Nichi e Fausto. Valdese della val Germanasca. Nemico del lusso. Abituato a guidare una vecchia Mercedes, ridotta così male che quando andava a trovare i rom veniva scambiato per uno di loro.

Oggi, a parte Ferrero, del vecchio mondo di Rifondazione è rimasto in attività soltanto Vendola, con la sua Sinistra ecologia e libertà. Bertinotti si è ritirato a vita privata e compare sui media soltanto per il mezzo milione di euro ereditato da Mario D'Urso. E il compagno Armando Cossutta?

Molti pensano che sia defunto. Ma è vivo e vegeto, anche se silenzioso. Nato nel 1926, in settembre compirà la bellezza di 89 anni. È sempre attivo nell'Anpi, il club dei partigiani rossi. Alle elezioni europee del 2009 aveva annunciato il suo voto per il Partito democratico. Però non conosco se abbia votato per i dem di Matteo Renzi nelle europee del 2014. Comunque sia, il Bestiario gli augura un'esistenza ancora lunga, in questa Italia che è sempre di più un paese per vecchi.

di Giampaolo Pansa
fonte: Libero   postato da: marinta  


PoltronistaPolitica: I trasformisti della poltrona Dai tronisti ai poltronisti
letture: 1818
28 agosto 2019 di mario2010
Virginia RaggiPolitica: Raggi indagata per lo stadio dopo la denuncia di un ex grillino: abuso d'ufficio La Raggi indagata per la questione stadio da un ex esponente grillino e abuso d'ufficio.
letture: 1735
22 aprile 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Dalle infrastrutture ai migranti: i nodi che dividono il governo Tav, legittima difesa, Venezuela e immigrazione, ma anche droghe leggere e sport: il governo gialloverde è in stallo
letture: 2601
17 febbraio 2019 di Emiliano Ziroli
Di MaioPolitica: Lega-M5S, settimana di tensioni Di Maio: dall'alleato mi aspetto lealtà Il vicepremier e leader 5 Stelle con Di Battista missione a Strasburgo. Salvini sul referendum: senza intese sceglie il popolo
letture: 2825
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
cesare battistiPolitica: Battisti in volo per l'Italia. Salvini: "Io sarò in aeroporto" L'aereo dei servizi è decollato dalla Bolivia. Arriverà a Roma domani alle 12:30. Il ministro: "Orgoglioso e commosso"
letture: 2807
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Quota 100 e reddito di cittadinanza. I decreti slittano di una settimana Erano attesi per oggi ma la Ragioneria generale dello Stato sta ancora esaminando i provvedimenti. La nuova data utile sarebbe venerdì della prossima settimana.
letture: 2995
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
SalviniPolitica: Salvini: "Da Conte nessuno sgarbo". Ma adesso tira aria di crisi Fonti leghiste lanciano l'allarme: rottura prima delle Europee: "Come si fa ad andare avanti? Tav sì, tav no, migranti sì, migranti no"
letture: 2991
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
sindaciPolitica: Fanno i solidali con le nostre tasse Chi si oppone al dl Sicurezza dovrebbe spiegare con quali soldi pensa di pagare i costi del "nobile atto" umanitario
letture: 2224
05 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Ecco le misure più importanti della manovra 2019 Nel testo della manovra, alcune importanti novità come il raddoppio Ires per gli enti no profit, il taglio degli aumenti alle pensioni. Novità anche per le famiglie e per gli stabilimenti balneari
letture: 2069
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli
InpsPolitica: Stangata una pensione su tre. I tagli assegno per assegno Dal 2019 scattano le penalizzazioni su tutti gli assegni che superano i 2000 euro lordi. C'è chi perde fino a 1000 euro.
letture: 1832
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Do not click!
L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 1708
10 dicembre 2017
Biden ridiculous quotes
Come costruire i nemici del popolo
letture: 1959
09 dicembre 2017
Ormai è legge.
Il popolo italiano venduto alle multinazionali dallo Stato Tricolore
letture: 1993
06 dicembre 2017
Noi crediamo che si stia esagerando.
Istigazione Al fascismo - di ignorantI, teppisti e delatori. E aspiranti brigatisti.
letture: 2331
05 dicembre 2017
L'alluminio si trova in tutti i vaccini.
Alluminio nel cervello degli autistici. Epidemia di cancro anale. E i media zitti.
letture: 2001
02 dicembre 2017
Il boom dei Bitcoin potrebbe essere un grosso problema per l'ambiente.
Il bitcoin è inquinante e aggrava l'effetto-serra. E Greenpeace, zitta...
letture: 2073
01 dicembre 2017
Così li soccorrono.
Come Netanyahu libera Israele degli immigrati neri. Idee per Minniti.
letture: 1863
30 novembre 2017
Piglia, pesa, incarta e porta a casa.
...E ci dicono che siamo in democrazia. Orlando e il ricatto della Bce.
letture: 1733
30 novembre 2017
Mettiti in coda!
Fare duecento metri di coda per una fetta di torta gratis. In compenso, niente IVA sul cibo per cani
letture: 1960
29 novembre 2017
Per il bene di Israele
'La Stampa' scopre "Fake News" russe (o quelle del New York Times? o di Renzi?)
letture: 1774
28 novembre 2017


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it