Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 14913
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 7722
dal 08/02 al 01/03 Itri: Ad Itri torna Sipario d'Autore Rassegna d'Arte e Spettacolo.
letture: 3198
dal 14/02 al 25/02 Pomezia: A Pomezia i festeggiamenti per Carnevale e San Valentino
letture: 1147
29/02 Formia: Lettere di Rainer Maria Rilke e Lou Andreas-Salomé
letture: 684
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.613
visitatori:337
utenti:2
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
23
febbraio
S. Policarpo V.m.
Compleanno di:
sex erasmoingros...
sex IC-Buonarrot...
sex RedCafeloung...
sex squalo
sex tina60
nel 1886: Un droghiere farmacista mette in vendita ad Atlanta il "Coca Cola Sirup and Extract" deve essere diluito in acqua e seltz.
nel 1886: Viene completata oggi l'invenzione dell'alluminio.
nel 1968: Roberto Duran diventa professionista a soli 16 anni. Manos de Piedra sarà campione del mondo in 4 categorie. Si ritirò dicendo "no mas"davanti a Leonard. Poi è tornato.
dw

Home » News » Webzine » Diritto e Giustizia » Troppe mele marce nella polizi...
venerdì 21 novembre 2014
Troppe mele marce nella polizia italiana
E' il melo in sé a non godere di ottima salute: una diffusa carenza di cultura democratica dà vigore al demone del corporativismo.
letture: 2784
Copertina di
Copertina di "Lazio Sud" n. 4
Diritto e Giustizia: Il fascicolo n. 4 di LAZIO SUD pubblica un articolo di Francesco Giampietri intitolato "Diaz, Aldrovandi ed altri accidenti. Le notti cilene della nostra democrazia" che si riporta qui di seguito.

LA FAVOLA DELLE MELE MARCE - Criticare i comportamenti devianti delle forze dell'ordine, ovvero metterne in discussione le strategie operative anche in presenza di abusi certificati, continua ad essere ritenuto da più parti l'esercizio eversivo proprio di un'osteria anarchica. Se la polizia è la custode dell'ordine sociale, allora il libertario contestatore fomenta sedizioni insidiose per la tenuta del sistema istituzionale. Nel contesto dell'opinione pubblica, il confine fra la difesa oltranzista ed acritica, oltre le evidenze, e la denuncia delle anomalie più compromettenti appare ormai come uno degli ultimi criteri distintivi fra quanti si posizionano a destra o a sinistra. Nel discorso governativo, la polifonia delle diverse voci interpretative sfuma invece in compiacenze trasversali.
La storia italiana contemporanea è espressa da alcune pagine indecorose, unte da macchie nerastre. Negli anni Ottanta le forze speciali di polizia fecero ricorso più volte a pratiche di tortura al fine di estorcere informazioni sensibili a detenuti brigatisti: è noto a tal proposito il caso del "waterboarding", simulazione cruenta di annegamento. Veniamo al 2001, stagione convulsa dell'antagonismo "no global". I rastrellamenti partenopei dei manifestati che, in seguito agli scontri di piazza, si erano avvalsi di cure mediche, confluirono, all'interno della caserma Raniero, in percosse gratuite e mortificazioni degradanti. Napoli fu l'anticamera di Genova, ovvero del "massacro" della scuola Diaz (legittimato dall'"invenzione del luogo del delitto" in virtù dell'introduzione nel dormitorio di due bottiglie molotov), dei soprusi praticati da teppisti in divisa nella caserma di Bolzaneto e di numerosi arresti illegali basati su verbali falsificati. "La polizia può mentire". Magari promosso da invisibili pressioni istituzionali in una situazione di allarme sociale, il riscatto dell'inerzia al cospetto di provocazioni o di approcci rivoltosi da parte dei manifestanti in una "reazione tangibile" diventa manifestazione di una logica della sopraffazione; allora il codice appare come un ostacolo al potere di controllo e all'efficienza del servizio d'ordine. In sociologia politica si parla al riguardo di "noble cause corruption": la finalità machiavellica dell'abuso garantisce l'accrescimento del prestigio del corpo poliziesco.
Poi non si possono di certo dimenticare quei ragazzi che, vagando perdutamente in notti senza né storia né pace, non hanno potuto fare ritorno a casa: Federico Aldrovandi, Giuseppe Uva, Stefano Cucchi, Michele Ferrulli, Bernardino Budroni, Riccardo Magherini. Sono stati profanati per mano di chi avrebbe dovuto custodirli. In casi del genere parte dell'opinione pubblica, orientata da speculatori spregiudicati, ha assecondato la trasformazione strumentale della "vittima sacrificale" in un "emarginato" (o meglio "sbandato") "offensivo". Pur dovendo fare i conti con un parco macchine inadeguato, con il taglio oltremodo discutibile dei buoni carburante e con stipendi al ribasso, la Polizia (resa simpatica da serie TV di gran successo) non ha sempre onorato il proprio motto ("Sub lege libertas"). Ciò non è avvenuto - come si sente convenientemente ripetere - a causa di poche "mele marce". È il melo in sé a non godere di ottima salute. Una diffusa carenza di cultura democratica dà vigore al demone del corporativismo.
UNA BANDA DI ULTRÀ - Le forze di polizia fanno quadrato, quando occorre, sul fondamento di legami esclusivi di solidarietà organica che si traducono in silenzi omertosi, insabbiamenti, depistaggi. Due immagini emblematiche sono più incisive di una prolissa argomentazione. Il cordone di protesta davanti al Tribunale di Napoli in seguito alle indagini concernenti le tristi vicende della caserma Raniero. L'ovazione sindacale riservata ai quattro assassini di Federico Aldrovandi. Due ferite non ancora cicatrizzate. Coloro che dovrebbero garantire le regole del gioco diventano fazione in campo, o meglio un "branco" che rivendica, in ogni caso e comunque, "impunità". In tal senso ai responsabili degli abusi viene garantita una copertura in virtù del "leitmotiv", carissimo ai difensori dei peggiori criminali nazisti, dell'esecuzione ineluttabile di ordini provenienti dall'"alto, da altezze ineffabili. Eppure il rifiuto di attuare un ordine illecito non pone al banco della corte marziale, essendo piuttosto - anche in termini giuridici - un atto dovuto. E dunque l'emarginazione viene riservata d'ufficio non tanto agli agenti incriminati quanto piuttosto ai loro colleghi disposti a fare chiarezza. La compromissione del singolo diventa lesiva dell'intero corpo e pertanto deve essere scongiurata, costi quel che costi.
PER LA CIVILTÀ DEMOCRATICA - Gli abusi compiuti dalle forze di polizia, ampiamente documentati dalle inchieste della Magistratura, non possono e non devono diventare un pretesto sciocco per seguire insidiosi percorsi di delegittimazione antagonista. La tranquillità è una condizione di rispetto, "per tutti". Ad ogni modo gli "incidenti", o meglio "accidenti", che hanno messo in discussione - e in alcuni casi addirittura "sospeso" - lo stato di diritto italiano richiedono alcuni "accorgimenti precauzionali", in linea con una consolidata prassi europea: l'introduzione effettiva nell'ordinamento giuridico del reato di tortura (sdoganamento di un tabù) e l'adozione di codici di identificazione individuale degli agenti in tenuta anti-sommossa. Allora si potrebbe forse sospirare anche di notte, con maggiore convinzione, "sub lege libertas".
FRANCESCO GIAMPIETRI

È in edicola il N. 4 di "LAZIO SUD" diretta da Lido Chiusano. Prezzo al pubblico € 0,70. Il fascicolo si compone dei seguenti articoli.
"Dalla "ragion di stato" alla "ragion di partito"" di Girolamo Cotroneo; "L'urgenza d'una legge italiana sul fine vita" di Luisella Battaglia; "Centrale del Garigliano e dintorni. Ecomostri che non dormono" di Mirza Mehmedović; "Il tempo e le sue sfide, o della filosofia e del sapere lieto" di Donata Caggiano; "Diaz, Aldrovandi ed altri accidenti. Le notti cilene della nostra democrazia" di Francesco Giampietri; "Se il malaffare inquina la politica. L'assedio mafioso a Fondi e dintorni" di Vincenzo Trani; "Quel che intendo fare per Monte San Biagio" di Federico Carnevale; "Fondi e il suo territorio. Appunti per una storia urbanistica" di Albertina Paparello; "Golfo di Gaeta: il pontile petroli della discordia" di Marcello Di Marco; "Formia: i pasti gratuiti promessi da Michele Forte e mai distribuiti" di Gennaro Varriale; "In terra pontina la schiavitù è dietro l'angolo" di Maurizio Frattagli; "Robin Williams a Macondo" di Clementina Gily; "L'addio a Sperlonga di Elena Varzi" di Orazio Ruggieri; "La raccolta dei rifiuti urbani: un diverso modo d'esser cittadini a Fondi" di Ettore Capasso; "Luca Canali, o della malattia del mondo classico" di Antonio Di Fazio; "La seconda guerra mondiale e il ruolo della Svizzera" di Maurizio Basili; "La mancata "riforma protestante": un luogo comune dell'ideologia italiana" di Dino Cofrancesco.

postato da: LGC  


 Diritto e Giustizia: Prescrizione. Manlio Cerroni e la malafede dei giornalisti. Un indagato/imputato prescritto non è un colpevole salvato, ma un soggetto, forse innocente, NON GIUDICABILE, quindi, NON GIUDICATO!!!
letture: 1433
10 novembre 2018 di CONTROMAFIE
I poveri abbandonatiDiritto e Giustizia: Giornata mondiale della povertà L'attenzione agli ultimi
letture: 1694
13 giugno 2017 di marcellino
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Sito specifico dedicato al processo telematico https://avvfrancescofuscofondiitalia.wordpress.com/
letture: 1386
19 dicembre 2016 di Francesco Fusco
La morte di un ordine voluta da Papa FrancescoDiritto e Giustizia: Padre Manelli: archiviate le accuse contro il fondatore dei Francescani dell'Immacolata
letture: 2070
22 novembre 2016 di sweda
In questo modo, il pignorato non tornerà mai in possesso del proprio appartamentoDiritto e Giustizia: Agli immigrati le case pignorate
letture: 1545
29 ottobre 2016 di marinta
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico francesco fusco
letture: 1361
23 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è telematicoDiritto e Giustizia: Polizze assicurative responsabilita' civile e infortuni avvocato
letture: 1554
12 ottobre 2016 di Francesco Fusco
quando il processo è ... telematicoDiritto e Giustizia: Nuovo codice dell'amministrazione digitale in G.U. del 13/09/16, n. 214
letture: 1518
14 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fusco 01/09/16Diritto e Giustizia: Modifiche al processo amministrativo telematico
letture: 1756
01 settembre 2016 di Francesco Fusco
francesco fuscoDiritto e Giustizia: Novità sul processo amministrativo telematico http://www.pergliavvocati.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=239
letture: 1612
23 agosto 2016 di Francesco Fusco








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Stemma di Formia
Sandro Bartolomeo: "La crisi e il mio impegno per Formia" (7)
letture: 2593
16 dicembre 2017
Tortura
Ora in Italia la tortura è "quasi" reato. Un articolo di Rocco Viccione su "Lazio Sud"
letture: 1867
18 novembre 2017
La copertina di Lazio Sud n. 15
Mediterraneo, il degrado dell'ecosistema. Ne parla Adriano Madonna su "Lazio Sud"
letture: 2399
10 novembre 2017
Il Castello Caetani di Fondi
Il degrado dei monumenti di Fondi tra negligenza e follia. La denuncia su "Lazio Sud"
letture: 1769
04 novembre 2017
Lacopertina di LAZIO SUD n. 15
Pubblicato il n. 15 di "LAZIO SUD" a cura di Lido Chiusano
letture: 2281
01 novembre 2017
Johann Wolfgang von Goethe
Roma e il viaggio in Italia di Goethe
letture: 2120
26 agosto 2017
La copertina di LAZIO SUD n. 14
"Così amministrerò Sabaudia"
letture: 2090
18 agosto 2017
Maria Civita Paparello
Alla provincia di Latina il triste primato del gioco d'azzardo nel Lazio
letture: 1923
16 agosto 2017
La copertina di LAZIO SUD n. 14
La piaga degli incendi nel Sud Pontino
letture: 1635
14 agosto 2017
Rubinetti a secco
Scandalosa Acqualatina. L'emergenza idrica del Sud Pontino nelle pagine di "Lazio Sud" (1)
letture: 2817
11 agosto 2017