Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 21398
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 12384
dal 20/07 al 20/10 Roccasecca dei Volsci: ROCCASECCA dei VOLSCI (LT), per il 400° anniversario del Cardinale Massimo
letture: 2315
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.626
visitatori:310
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
21
settembre
S. Matteo Ap.
Compleanno di:
sex BiVi
sex deregibus
sex Emilio
sex gaiardo
sex lordByron
sex toto78
nel 1903: Viene proiettato il primo film western. La pellicola si intitola "Kit Carson".
nel 1958: Nel Milan esordisce in serie A Josè Altafini, in quel campionato segnerà 28 reti vincendo subito lo scudetto.
dw

Home » News » Webzine » Narrativa e Poesia » Prefazione a Terre nella sera
sabato 08 novembre 2014
Prefazione a Terre nella sera
di Giuseppe Manitta
letture: 3827
Narrativa e Poesia: Scrivere sull'opera di Ugo Piscopo non è compito semplice, perché significherebbe tracciare un percorso poetico, critico, teatrale e narrativo di ampio respiro.
È arduo, dunque, riuscire ad orientarsi nelle opere di un autore complesso, perché in esse bisogna considerare molteplici punti di vista che vanno dalla visione filosofica alle raffinatezze stilistiche, dal sostrato autoriale al senso di una scrittura all'interno del panorama letterario, che sembra aver perso punti di riferimento sia ideologici sia letterari. Il tema affrontato dall'agile libro di Carmen Moscariello (che si avvale di una stesura magmatica, che cattura l'attenzione e coinvolge nelle sue figurazioni) è, però, abbastanza specifico: l'autrice s'immerge nei meandri e nelle maree delle ultime opere letterarie del Nostro, in prosa e in poesia: Oscilla mille (2013), Contrappunti e variazioni su tema (2013), Gramsci, chi? (2013), Idilli napoletani (2012), Calabria extra e intra moenia (2012). Ne emergono nuclei tematici e filosofici di rilevanza particolare che, inclusi in un primo capitolo del libro, sono individuabili nell'ossimoro, nel legame con la natura e le arti visive, in una dimensione esperienziale che va oltre i limiti autoimposti, in una ricerca non comune, capace di oltrepassare le mete e gli ostacoli, ma allo stesso tempo di rubare alla natura la sua essenza divina e di riportarla nell'arte della parola.
Un ragguaglio più specifico avviene in un secondo capitolo, in cui l'autrice offre una disamina delle opere pubblicate tra il 2012 e il 2013. Il pensiero, così come emerge dal commento a Contrappunti e variazioni, sfoglia le possibilità del libero arbitrio, ma allo stesso tempo le inquietudini contemporanee. Esse sono sia storiche che esistenziali, conseguenza di una necrosi del sociale e del letterario. Indubbio viene indicato il dinamismo di Piscopo, in prosa e in poesia. Inoltre, la complessità del frammento, e prova compiuta ne è Oscilla mille, può indire unità di intenti e di visioni, permettere di cogliere l'unicità del pensiero. Si tratta di uno scrittore che ha una dose di teatralità poco consueta, intendo la capacità pirandelliana di essere fluido, cangiante, arguto, ma soprattutto di tessere una ragnatela costituita da tanti punti focali. Si giunge così ad uno stadio straniante per il lettore, ovvero alla presentazione di scorci reali, o possibilmente realistici, che ora sono chiaramente delineati ora s'immergono nella costruzione mentale di una scenicità vicina al fantasioso e magico mondo di Cavacchioli, Bontempelli, Savinio, Stefano Landi ecc... Questi tratti sono possibili in quanto Carmen Moscariello parla di un contemporaneo che esce fuori dal coro del 'talqualismo', che ha maturato l'esperienza critica e artistica in generale: un intellettuale, in poche parole. Ovvero una personalità che, semplicemente, pensa quando scrive e scrive quanto pensa: dono raro nella corsa ad un successo sfrenato di cui molti pseudo-scrittori vanno alla ricerca. E da questa indole affiora un senso di 'sospensione', che si realizza nel frammento e nella visione metaforica del reale: perché il mondo è come Napoli, anzi la città di Napoli è per lo scrittore degli Idilli napoletani la metafora e l'amplificazione del mondo. Avviene un transfert, il medesimo che interessò Sciascia e la sua amata Sicilia.
Non bisogna dimenticare che ci troviamo di fronte ad uno sperimentatore, uno di quei pochi, però, che è riuscito a sintetizzare le ricerche avviate negli anni Sessanta e, in un percorso assolutamente originale che lo contraddistingue, l'essenza di una tradizione letteraria che si è protratta nel Novecento. Non è difficile ritrovare in Oscilla mille, ad esempio, echi e riscontri pascoliani. E il riferimento al poeta di San Mauro non è casuale, perché in esso si reperisce una delle più proficue fucine 'musicali' della poesia italiana. Difatti, l'opera di Piscopo è musicale, oltre che sperimentale. Il riscontro critico che si delinea per Oscilla mille ha una portata non indifferente: sintesi di una tradizione orientale, che è l'haiku, di una ricercatezza letteraria e linguistica italiana, del plurilinguismo di estrazione sperimentale. Perfettamente condivisibile, dunque, l'indicazione che Marcello Carlino ha dato nella prefazione a questa silloge poetica: egli atomizza, attua un processo pittorico non dissimile a quello di Seurat. Il frammento è, dunque, unitario, ma allo stesso tempo variegato e molteplice.
L'ossimoro e la vitalità magmatica del dettato nascono alle volte dalla lacerazione e dalla complessità, dalla duttilità che un intellettuale deve possedere di fronte alla 'sua' realtà. È questo il senso, a nostro modo di vedere, di una delle tante ammissioni dell'autore, presente nell'intervista che si pubblica in esergo alle considerazioni di Carmen Moscariello: «L'individuo e l'intellettuale, nel mondo moderno, hanno ragioni più stimolanti per esserci e per affrontare le dure prove, che li attendono, ma devono operare secondo nuovi modelli di duttilità, di creatività, e anche di scaltrezza, partendo da una lucida consapevolezza delle dinamiche generali in atto». Per più versi il personaggio Piscopo, presente in ogni creazione, si avvicina a quello di Gramsci in Gramsci, chi?. Se nell'opera teatrale sono attori, regista e personaggi a 'cercare' Gramsci e ad inquadrarne questa sua assenza, che poi per assurdo è presenza assoluta, nella produzione letteraria l'ossimoro di cui parla la Moscariello si identifica proprio in questa dialettica assenza-presenza dello stesso artefice, nel suo procedere (si vedano in questo caso gli haiku di Oscilla mille) per frammenti e sospensioni, interruzioni e volute.
Leggendo queste pagine, si ha l'impressione che le induzioni critiche dell'autrice, o visioni come lei stessa ammette, dirigano lo sguardo su un uomo dal complesso atteggiamento filosofico, che si delinea progressivamente nella pluralità 'dicendi'. In questo diorama immaginativo e riflessivo, egli diventa la fucina del contemporaneo. Dai versi, dalle divagazioni teatrali e dal procedere narrativo, Piscopo ci offre il suo sguardo sul mondo, anche quando affronta le 'piccole cose' al di qua dei grandi temi. È in questo sguardo che dobbiamo ricercare la vera essenza della scrittura, uno sguardo che sta in limine, ma la cui acutezza, se osserviamo attentamente, è perforante e indicativa per la società intellettuale di oggi.

postato da: frollina  


Il libro edito nel 2020Narrativa e Poesia: "Minimo umano" e le intuizioni di Stelvio Di Spigno Nota di lettura di Antonio Fiori sulla raccolta poetica pubblicata recentemente da Marcos y Marcos.
letture: 3054
25 luglio 2020 di Sandra Cervone
Su ali d'aquilaNarrativa e Poesia: Su ali d'aquila Il romanzo di Roberta Rubino edito da "deCOMPORRE.
letture: 3483
04 luglio 2020 di Sandra Cervone
DiavolangeloNarrativa e Poesia: "Maria Cristina e Lello" Da "Racconti brevi e breviritratti" di prossima pubblicazione
letture: 3814
02 giugno 2020 di Michele Ciorra
Il libro di Di MilleNarrativa e Poesia: I "Sogni vissuti" di Cosmo Di Mille E' uscito il nuovo libro di un "marinaio del '900"
letture: 2830
30 aprile 2020 di Sandra Cervone
DiavolagneloNarrativa e Poesia: Ho vissuto Ho vissuto tempi e luoghi che avevano un futuro inimmaginabile.
letture: 2428
23 aprile 2020 di Michele Ciorra
Caricatura di Luigi MausoliNarrativa e Poesia: Il bidone Racconto breve
letture: 2332
17 aprile 2020 di Michele Ciorra
Marta & ioNarrativa e Poesia: MARTA & IO La stessa drammatica storia
letture: 2196
16 aprile 2020 di Michele Ciorra
La mia caricatura opera di un noto disegnatore italianoNarrativa e Poesia: I miei "Racconti brevi" per i tipi di una nota e rampante casa editrice Fra non molto nelle edicole e nelle librerie della penisola. Almeno spero!
letture: 1916
09 aprile 2020 di Michele Ciorra
locandinaNarrativa e Poesia: "M'Illumino di poesia"rubrica dedicata ai poeti del passato e a quelli emergenti! su Radio Monte Altino!
letture: 2221
28 febbraio 2020 di Tonyr
Narrativa e Poesia: Indelebile come un tatuaggio
letture: 2535
11 settembre 2019 di computer








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
XX III Edizione del PREMIO INTERNAZIONALE - Tulliola Renato Filippelli
letture: 5005
18 aprile 2016
Il Grande dittatore
letture: 2448
05 marzo 2016
PREMIO INTERNAZIONALE "TULLIOLA- Renato Filippelli" 2015-16
letture: 2703
11 novembre 2015
Premio letterario internazionale "Tulliola-Renato Filippelli": esce il bando della XXIII edizione
letture: 2408
26 agosto 2015
L'inquietudine e il nostro tempo - Incontro con il prof. Aldo Masullo
letture: 4046
29 novembre 2014
"Ugo Piscopo. Terra nella sera" di Carmen Moscariello
letture: 3437
20 novembre 2014
Prefazione a Terre nella sera
letture: 3828
08 novembre 2014
Premio per silloge inedita "Pietro Carrera"
letture: 3700
25 ottobre 2014
Il PM Giuseppe Miliano premiato al "Tulliola" per l'alto impegno nella lotta alle ecomafie
letture: 5209
06 ottobre 2014
Premio letterario internazionale Tulliola - Renato Filippelli XXII Edizione - 2013/2014
letture: 5328
22 settembre 2014