Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/04 al 03/09 Sermoneta: Giardino di Ninfa e Castello di Sermoneta: tutte le novità per il 2019
letture: 16144
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 4116
dal 05/07 al 21/09 Formia: Siria, l'amore vince ogni paura
letture: 1785
dal 12/07 al 28/08 Formia: CINEMA ALLA DERIVA - 13° rassegna 2019 - VITE DI ARTISTI
letture: 1564
dal 13/07 al 25/08 Salerno: Festa della Cipolla di Vatolla, VI Edizione
letture: 1815
dal 18/07 al 11/09 Itri: Parte il 18 luglio "KRISIS 2019"
letture: 500
dal 19/07 al 06/08 Golfo di Gaeta: L'ALTRO FRONTE
letture: 676
dal 26/07 al 28/07 Formia: Workshop fotografico sul paesaggio
letture: 1174
26/07 Itri: Ad Itri arriva Voglia di Varietà l'esilarante Spettacolo di Mario Bianchi
letture: 244
dal 03/08 al 05/08 Napoli: Fiordilatte FIORDIFESTA: siamo giunti alla XXXIX edizione ad Agerola
letture: 1021
dal 03/08 al 05/08 Napoli: FiordilatteFiordifesta, il menù della XXXIX edizione
letture: 450
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.582
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
21
luglio
S. Lorenzo
Compleanno di:
sex donna_me
sex genni
sex Jango
sex Prossedi
sex serapo73
nel 1951: Il capo spirituale Dalai Lama fa ritorno in Tibet.
nel 1952: L'americano Parry o'Brien vince l'oro del peso ai Giochi di Helsinki. La sua tecnica farà scuola:spalle voltate alla direzione di lancio,piegamento,giravolta e frustata.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » I Beni Demaniali di Gaeta
martedì 09 settembre 2014
I Beni Demaniali di Gaeta
Governo Renzi, li rivogliamo, sono nostri. Potrebbero dare lavoro ai giovani del Golfo.
letture: 4333
Gaeta: Gaeta è la città che più di tutte Ha subito un assedio tremendo da parte del macellaio Cialdini, per conto dei Savoia e del loro primo Ministro Cavour. La città fu attaccata senza dichiarazione di guerra.

Gaeta, città antica e dalle grandi tradizioni storiche, ha rappresentato per secoli una posizione strategico militare di importante rilievo, tanto è vero che tutt'oggi sono presenti sul territorio diverse caserme ed ex officine militari. Nonostante ciò, dal dopoguerra ad oggi diversi siti sono stati dismessi e completamente abbandonati da parte delle autorità militari.
All'incuria del tempo si sono aggiunti gli atti sconsiderati da parte di coloro che hanno ulteriormente saccheggiato e deturpato il patrimonio storico ,presente in quelle proprietà demaniali, le quali interdette per molto tempo alla collettività, non hanno potuto ricevere quella cura e quella attenzione che le avrebbe potuto preservare e salvaguardare dalla rovina.
Gaeta, oggi città a forte vocazione turistica, necessita di spazi vitali per l'espansione di attività produttive e per la realizzazione di nuove e più moderne strutture ricettive, attende di ricevere dallo Stato tutti questi beni, ora di proprietà del Demanio Civile. Potrebbero rappresentare una spinta propulsiva all'economia del basso Lazio.
Pertanto, chiediamo che vengano assegnate alla città di Gaeta tutte quelle proprietà demaniali ormai in stato di decadenza e di abbandono che il Ministero della Difesa ha lasciato senza destinazione da diversi decenni. I beni demaniali di Gaeta sono moltissimi, alcuni, ancora oggi nelle mani di Enti militari come la Marina Militare che ospita la Base Nato e la nave ammiraglia della Sesta Flotta nel Mediterraneo; come il deposito combustibili che serve alle attività della Marina Militare, come la Scuola Nautica della GDF che occupa il Castello Aragonese, sede della Caserma Mazzini, la caserma Cavour e la Caserma Bausan sita nei pressi di Punta Stendardo, sull'ultimo bastione borbonico della città; come la sede della Capitaneria di Porto di Gaeta.
I beni più importanti, oltre ai bastioni del Fronte di terra in parte ristrutturati in questi ultimi anni, sono:
1) Caserma S. Angelo Basso.
2) Chiesa di San Michele Arcangelo
3) Vecchia tipografia.
4) Forte Emilio Savio.
5) Casa Tosti.
6) Cortile retrostante Casa Tosti.
7) Torrione francese.
8) Caserma Cialdini.
9) Ex caserma "V. Emanuele II (annessa chiesa di S. Domenico)
10) Casina rossa dell'ex villa Reale-villa della caserma S.Angelo
11) Gran Guardia borbonica
12) Caserma Gattola.
Nella maggior parte, si tratta di proprietà che vennero requisite dallo Stato Piemontese all'indomani della presa di Gaeta, nel febbraio del 1861e di conseguenza con la costruzione dello stato unitario, rientrarono sotto la giurisdizione del Ministero della Guerra. Da ricordare che il Regno delle Due Sicilie era uno stato pacifico e prospero, dove la disoccupazione non esisteva e da dove nessuno era mai emigrato. Fu attaccato da casa Savoia, senza dichiarazione di Guerra, perciò quei beni appartengono alla città, come tutti i beni demaniali del Sud.
Da allora in poi, quello che era patrimonio della città di Gaeta, divenne un peso ed un aggravio per l'intera cittadina tirrenica che ha dovuto assistere alla sua requisizione, ed infine, alla trasformazione di alcuni di essi in carcere militare (come la caserma Sant'Angelo e il castello Angioino). Il detto "Ti mando a Gaeta" è stato per oltre un secolo, sinonimo di carcerazione inumana dando alla città la nomea di luogo tenebroso.
Tra i beni demaniali menzionati vi sono numerosi monumenti risalenti al medioevo come la caserma Sant'Angelo ( due ettari di fabbricato) e l'annessa chiesa di San Michele, con un pavimento in marmo policromo, appartenenti ad un unico complesso monastico che fu soppresso nel 1788 e destinato a scuola per sottufficiali dell'esercito borbonico. Conquistata Gaeta, i piemontesi lo adibirono a carcere inumano e terribile. All'interno vi fu costruita anche una tipografia militare. Oggi tutto è in abbandono, compresa la tipografia, e la falegnameria.
Della stessa categoria fanno parte "Casa Tosti" e il " cortile retrostante" beni che appartenevano ad una famiglia nobile della città poi passati al comune e successivamente anch'essi incamerati dal demanio militare. Tuttora versano in uno stato di completo deterioramento. Tra l'altro, anche la Casina della "Villa Reale" così come la villa della Caserma Sant'Angelo erano beni donati dalla monarchia borbonica alla città e costituirono , per breve tempo, "una pubblica Villa per comodo e diletto degli abitanti di Gaeta".
A seguire l'edificio della "Gran Guardia" costruito nel 1786 dall'Arch. Ferrari, ed adibito dopo l'unificazione nazionale, fino alla metà degli anni ottanta del 900 a "Circolo Ufficiali dell'Esercito", nel centro della città antica, oggi in completo abbandono. Nello specifico, la restante parte dei beni demaniali in questione, pensati e realizzati esclusivamente come opere militari di difesa, ed in particolare il "Torrione francese", la Caserma "Cialdini", la Caserma "Gattola" ed il "Forte Emilio Savio".
In riferimento a quanto espresso, l'amministrazione Raimondi, stabilì una progettualità in relazione alle esigenze di ogni singolo bene ed in stretta connessione con quelle della città.
Tuttavia, dal momento che per il recupero e la sistemazione di gran parte dei suddetti beni ,l'Amministrazione Comunale si troverebbe a dover far fronte alla necessità di trovare i fondi attraverso non solo i canali istituzionali, ossia gli Enti Centrali e Locali dello Stato, con una burocrazia infernale, ma anche attraverso forme di finanziamento europeo e privato.
A motivo di ciò, la passata amministrazione comunale, aveva già allacciato stretti contatti con l'Ater di Latina per quanto riguardala realizzazione di diversi alloggi di "Edilizia convenzionata" in diverse strutture presenti sul territorio. Infatti l'Ater si è dimostrata disponibilissima alla ristrutturazione di diversi stabili fatiscenti che darebbero la possibilità a molti cittadini di avere finalmente una casa a fitti agevolati nella propria città. Oggi, almeno seimila gaetani sono stati costretti ad emigrare nei paesi vicini per mancanza di case.
Pertanto, al fine di ottenere una utilizzazione più razionale ed efficiente delle suddette strutture e, per dimezzare nettamente i tempi, sarebbe opportuno affidare la gestione di alcune di esse a Cooperative di giovani o a privati, in quanto , alcuni di questi beni verranno destinati alla realizzazione di strutture ricettive per sopperire alla mancanza di punti di accoglienza, e quindi a posti letto nella città. Altri beni verranno adibiti a >Musei di fatti che determinarono la barbara repressione savoiarda nel sud Italia, al Carcere di Gaeta, alla resitenza dei nostri patrioti chiamati Briganti dalla casta piemontese. Tutto ciò a sicuro vantaggio e sostegno dell'intera economia turistica delle città del Golfo di Gaeta( Gaeta-Formia-Minturno-Itri).
Altri beni demaniali , invece, verrebbero destinati all'apertura di strutture culturali a disposizione dei cittadini. Verrebbe realizzata una "Casa delle Associazioni" per far fronte alle esigenze del mondo dell'associazionismo culturale. Infine, altre proprietà demaniali verrebbero destinate a parcheggi ed infrastrutture per i quartieri interessati, ed in particolare , per il centro storico di Gaeta S.E., dove gran parte dei beni sono situati. Vogliamo ricordare che al Piemonte sono stati regalati dal governo Prodi circa mille miliardi di lire per la ristrutturazione dei beni savoiardi>; che il governo Berluscconi ha regalato a Palmanova tutti i beni demaniali siti in quella città. Gaeta, nel 1860-61 è stata teatro di un assedio tremendo da parte della monarchia sabauda. La città fu rasa al suolo, i morti ammontarono a 4.000 tra civili e militari. La sua economia distrutta e il suo popolo diasporato in tutto il mondo.Il governo Renzi ha regalato Firenze tutti i beni demaniali siti in quella città, come ha regalato al Roma, a Torino e Milano beni e caserme vuote per farne case popolari, aree commerciali e artigianali. Gaeta è la città che più di tutte ha subito il risorgimento e la sua barbarie. Ha subito un assedio tremendo da parte del macellaio Cialdini, per conto dei Savoia e del loro primo Ministro Cavour. La città fu attaccata senza dichiarazione di guerra. Fu massacrata e rasa al suolo da 160 mila bombe scaraventate dai piemontesi. I morti, tra militari e civili ammontarono a 4.000. La città fu divisa in tre zone militari, togliendole possibilità economiche da sviluppare e soprattutto, regalarono ad uno Stato straniero, il Piemonte massonico ed anti cattolico, le nostre strutture militari, le chiese i conventi. I danni di guerra non sono stati pagati dalla banda di criminali piemontesi. Oggi aspettiamo che il governo Renzi dia alla città martire del Risorgimento quello che i criminali piemontesi accorparono al Regno di Sardegna. Si muovesse l'amministrazione Mitrano. Intervenisse presso il Governo centrale dello Stato, visto che in due anni e mezzo, è risultata la peggiore d'Italia, quella che ha strangolato di tasse i propri cittadini.
Antonio Ciano

di: Antonio Ciano


LocandinaGaeta: Due serate culturali a Gaeta, per questo Week- end. Intrattenimenti culturali estivi
letture: 271
19 luglio 2019 di enrico90
BannerGaeta: Terza edizione concerto "Siria, l'amore vince ogni paura" Concerto di solidarietà
letture: 236
19 luglio 2019 di marcellino
Napoleone e Cambronne ....Gaeta: LA GRAN GUARDIA
letture: 669
17 luglio 2019 di Kocis
Gaeta MedievaleGaeta: Seconda Edizione del Festival dell'ambiente a Gaeta Cambiamenti Climatici e nuovo Mediterraneo
letture: 1145
11 luglio 2019 di enrico90
cartello proprietà privataGaeta: Chi ha chiuso il sentiero pubblico all'Arenauta? (1)
letture: 2049
30 giugno 2019 di aviere
logo del CentroGaeta: La RIBALTA, un fiore all'occhiello per la Città di Gaeta. Cantiere della Creatività (1)
letture: 2537
20 giugno 2019 di Centro La Ribalta
.Gaeta: IL GATTO E LA VOLPE -
letture: 2991
20 giugno 2019 di Kocis
Raffaele TranoGaeta: Ecocar, solidarietà di Trano ai lavoratori stagionali
letture: 2563
12 giugno 2019 di Raffaele Trano Portavoce M5S
Gara mixologyGaeta: "Gaeta Passion Flair Competition": torna la gara internazionale a colpi di shaker Cocktail, acrobazie e musica con i migliori bartender del pianeta il 19 e 20 giugno in piazza Conca
letture: 2771
08 giugno 2019 di bbfree
Pini tagliati in piazza Di LiegroGaeta: La "desertificazione" della città di Gaeta Si assiste alla continua eliminazione di alberi quasi secolari (1)
letture: 3115
05 giugno 2019 di enrico90








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Gaeta cosa era nel 1861 (5)
letture: 1974
17 ottobre 2016
Radio Montesecco parla di Eddy Accetta (2)
letture: 2915
11 febbraio 2016
La foiba dimenticata, Debre Libanos (2)
letture: 2020
11 febbraio 2016
L'Iterpellanza di Angelo Manna (5)
letture: 4295
06 aprile 2015
L'assessore Leccese vuole svendere I Beni Demaniali di Gaeta (1)
letture: 2825
19 gennaio 2015
I Beni Demaniali di Gaeta (3)
letture: 4334
09 settembre 2014
La primavera di Gaeta (15)
letture: 4518
31 marzo 2014
Il Partito del Sud a Bari
letture: 3206
07 febbraio 2014
Raniero De Filippis
Raniero De Filippis? (5)
letture: 5694
03 febbraio 2014
Lezione di Storia Patria (5)
letture: 3428
03 gennaio 2014


Commenti: 3

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2019 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2019 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it