Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3480
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1136
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3180
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2494
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2119
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2103
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1908
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1721
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1725
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1330
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1761
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:337
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Webzine » Recensioni » Il giullare del tempo di Giuse...
sabato 12 aprile 2014
Il giullare del tempo di Giuseppe Manitta Ed. Il Convivio
recensione di Carmen Moscariello
letture: 4961
Recensioni: Giuseppe Manitta è un giovane che già da tempo occupa per diritto il diorama della cultura italiana. Il suo spirito creativo, il rigore dei suoi studi, la pubblicazione dei suoi saggi sui maggiori autori della letteratura italiana gli hanno conquistato la stima e la lode di personalità di prim'ordine nella cultura del nostro tempo.
Sia nella poesia che nella critica ha ricevuto ampi riconoscimenti e lodi. Tra questi, Il Premio Tulliola-Renato Filippelli ha avuto l'onore di vedere partecipare i suoi scritti prestigiosi al Premio e tra migliaia di autori , la Giuria presieduta da Ugo Piscopo ha scelto sue scritture di prim'ordine. Ha vinto prima per la poesia "L'ultimo canto dell'upupa" (Tulliola 2011) e poi per la saggistica "Giacomo Leopardi. Percorsi critici e bibliografici" (2012-13 Tulliola -Renato Filippelli). Il presidente del Premio Ugo Piscopo, già la prima volta ebbe a dire: "questo ragazzo ha stoffa" e lo lodò pubblicamente nelle motivazioni della vittoria: Così per la Poesia: Giuseppe Manitta, L'ultimo canto dell'upupa. Poemetto crepuscolare, premessa di Giorgio Barberi Squarotti. Introduzione di Carmine Chiodo, Castiglione di Sicilia (CT), Il Convivio, 2011, collana "Calliope".
Studioso di letteratura italiana, Giuseppe Manitta entra nell'agone poetico con robusta attrezzatura ideale e con un modo di procedere disinvolto e sicuro. I suoi riferimenti al mondo classico non sono di riporto, ma di riproposizione in diverso contesto semantico e culturale di sequenze e figure, con cui si è intrattenuta, si intrattiene familiarità. Vivide sono le accensioni che scaturiscono da accostamenti improvvisi e lontani......(Ugo Piscopo)
Ancor di più per la saggistica:
"Giuseppe Manitta si aggiudica il primo premio per la saggistica per l'opera Giacomo Leopardi. Percorsi critici e bibliografici (1998-2003), Castiglione di Sicilia (CT), Il Convivio, 2009. All'unanimità, la Giuria dichiara questo solido e imponente lavoro pregevole sotto molteplici profili e innanzitutto sotto quello della serietà e della coerenza del metodo, che fa da griglia alla costruzione complessiva del discorso. Il metodo consiste nell'intrecciare l'accertamento bibliografico-critico con la responsabilità del doganiere che sul campo valuta la qualità della merce in ingresso, per informare l'utenza attuale e futura dei pregi o dei difetti del manufatto in questione. In ultimo, viene elaborato uno strumento utilissimo, che interfaccia la descrizione del documento con l'analisi delle sua provenienza e della sua proiezione in avanti. In questa maniera, l'opera soddisfa molteplici esigenze: quella della tracciabilità e rintracciabilità dei testi, quella di avere orientamento e suggerimento per ulteriori inquisizioni, quella di conoscere che cosa di nuovo sia intervenuto negli studi su Leopardi nella ricorrenza del bicentenario della nascita, quella di poter respirare l'aura dell'attualità della figura e dell'opera leopardiane in un momento come il nostro, attento alle interrelazioni fra scienza e vita e al pluralismo delle scelte, come nel campo della religione e in quelli di altre spiegazioni del mondo". (Ugo Piscopo)

Ora, si sa che Ugo Piscopo è un grande e già appartiene al mondo delle Storie delle Letterature, è anche un uomo molto severo e preciso nel verificare la texture delle opere da esaminare; in Manitta ha subito riconosciuto non solo la serietà dello studioso, ma anche la grandezza e la bellezza di una scrittura raffinata e adulta, alimentata dall'ansia della ragione e costruita sulle radici del mito, sull'eleganza classica della parola, dando ad esse illuminazioni nuove ed intense.
Il giullare del tempo.
L 'opera che andiamo a trattare, è strutturata secondo tre spazi temporali e per certi aspetti oggettivi; sottende a tutto l'inquieto drammatico gocciolare della vita in una città (La città di Ella) frigolante languori e oscurità, in una Sicilia (il riferimento non è limitato ad essa), dove il male di vivere si estenua in ingombranti odori e sfinimenti. E' la Sicilia di Pirandello, di Quasimodo, ma anche quella del Verga: un tempo immobile, stirato, rappreso. "L'inquietudine , allora, nasce indomita e incerta, nella ricerca di un ritmo, che restituisca alla realtà il suo ardore denso, perché non scivoli via come in molta poesia contemporanea, come lava, destinata a indurirsi e raffreddare. Solo così il testo può tornare a celebrare i suoi alti trionfi semantici e sonori. Una sfida da cogliere e incoraggiare, in un poeta antico, che ha tutti i numeri per far sentire la sua limpida voce a vecchi e a giovani" Così Francesco D'Episcopo, dalla prefazione.
L'instabilità frenetica è della città di Ella, malata di melanconie, sporcata dall'arroganza delle mafie: i luoghi, le strade, i tetti ,gli uccelli sono spettatori di un dolore alla deriva, di un tempo strozzato; il respiro affannoso si insinua nella gonna di Ella, pende su protagonisti assenti. La città non è dell'uomo, è già appartenenza di un mondo desertificato, distrutto. Il Poeta e destinato a un osservatorio vacillante, quello dell'anima, ma, i cristalli in cui Ella è frantumata, divengono aculei per i personaggi senza vita che attraversano il tempo "Le parole sono luminosi suicidi,/sguardi scritti e pallori esanime/di gelsomino".(Il Giullare del tempo pp. 14-15).
La tensione emotiva di Ella si lascia attraversare dai fumi untuosi della sua città, il suo vagare o, meglio, vagabondare, ci sommerge in un enigma da sciogliere, un busillis tortuoso e amaro.
Il desiderio di esistere, nonostante tutto intorno è decadenza, porta la poesia di Manitta ad arroventarsi ,man mano, che i gironi infernali si stringono, per un desiderio di vita che non si spenga. Il crepuscolo dell'io narrante perde il suo verbo razionale e la parola scivola lenta, ingoia aria, spinge un aratro di dolore e chiude in vento cadenzato nella furia del silenzio. "Oggi rimangono le transenne di un sospiro/Ella china il capo,/il selciato è un fiume/che scioglierà la città di carta/Le viole all'angolo della salita perdono colore,/i profumi parlano di attese,/ una chiazza di piombo colora il seno. S'affretta Proserpina,/i capelli di Ella sono bagnati/il mito si infrange sulla sciara. (idem, pg. 19)
La parola intanto si riveste della pelle luminosa della calle, raffinata, esperta, modulata dagli archetipi e vestita della luce del tempo, lo stupore è nel piegare tanta eleganza e perfezione del verso allo sgretolamento dell'uomo. Due opposti si muovono nell'opera poetica avvincente: la raffinatezza della scrittura e la lucidità scarna e spietata di un mondo sentito estraneo.
La seconda parte dell'opera è titolata "Sul breviario di Ott" anche qui protagonista è un nome femminile: Lidwina soffoca tra i mandorli, /assopita, e veste stracci di nebbia.(idem, pg. 23) Inizia lo spartito in un acuto e attento panegirico del peregrinare e in apparenza sgrana luoghi, vie e piazze; il disegno si compone di certi canoni aggressivi della pittura di Van Gogh, l'oggetto si anima della sua malattia, della follia che nulla risparmia.
"La tenda rossa, alla finestra, guarda i passanti", (idem ,pag.23) nessun particolare viene trascurato nel vagabondare tra strade e ombre della città, questa volta di Lidwina, eppure, nonostante l'accanirsi di Manitta in canoni fintamente descrittivi, il personaggio appare appartenere al vuoto, sospesa lontana dal fango, furiosa interprete di lontananze. Il breviario piange i nuovi santi sull'altare: sono i derelitti, i martiri della miseria umana.
Ed ecco di nuovo cambia strada, ci ha guidato finora in una visita convulsa, affannosa , fuori da qualsiasi mediazione, il verso pur rivestito d'organza è intriso di sofferenze.
Ritorna l'attesa e il tempo è lavato dal dolore nella Rogatio Cotidiana ; in questa limpida preghiera il Poeta dà al verso un suono di violino, lo sguardo in parte si piega sulle cose e le accoglie in un manto di preghiera: Beviamo l'alito del tempo/mentre il treno scorre/sulle ginestre, sulle sciare,/ e risveglia i venti sopiti,/ nascosti tra i papaveri e le calendole. /Il cuore tra le rotaie,/e gli sguardi annegano tra gli steli,/mentre le case ascoltano/la sabbia che cade.(idempg27)
Credo che lo spazio visionario e nel contempo meditativo dei contenuti donino al verso una grande armonia ed esso si apre come il velo di una sposa, steso per proteggere la vita dal fango seppure ....e i sogni si annebbiano,/s'impastano con la terra per fare pane./Tra le frasche e la spazzatura/La strada s'infittisce di strali,/la pelle si lacera, alla tramontana./ Sono foglie le case/e candele sul viale i rami . (idem,pg28)
Impalca il poeta cenere e pathos nel lento estenuante crepuscolo del giorno e della vita.
In questa bellissima raccolta il poeta ha voluto riproporci anche il poemetto "L'ultimo canto dell'upupa", qui Giorgio Barberi Squarotti ne cura la prefazione e lo loda con entusiasmo e amore: "Il poemetto dell'upupa e di tanti altri animali emblematici e avventurosi è molto bello per ricchezza di immagini, visioni, ironia, fantasticherie, ansie e speranze del cuore. E', a mio parere, un testo davvero mirabile, originalissimo, fra mito e realtà attuale e drammatica, un risultato di straordinaria invettiva. E' una narrazione ansiosa e solenne, fra quotidianità e visione, meditazione e passione, dolore e bellezza delle cose e dell'anima"
Parole senza ombre, chiare, nette.
Il poemetto crepuscolare "L'ultimo canto dell'upupa", già dai primi versi, è accattivante, ha il colore delle albe virgiliane, delicate metamorfosi della vita; il pianista raffinato dalle finestre aperte sulla notte ascolta il canto dell'upupa, con lei canta colori da regalare alla luna cilestra: Piove la bufera sul prunalbo,/ dita rosate,/ e la luna cinestra/ al torpore della notte./Piove oltre la siepe/e la berza al tramonto,/al canto dell'upupa.(idem, pg.35)

postato da: frollina  


La Grammatica della MenteRecensioni: E' uscita "La Grammatica della Mente" Un volume di "Elementi di neurobiologia esistenziale" curato da Loredana Nugnes e Anna Perrella per la collana Galileo di "deComporre Edizioni"
letture: 3536
20 luglio 2020 di Sandra Cervone
Lina Sanniti e il suo libroRecensioni: Ecco le poesie di Lina Sanniti Recensione di Max Condreas
letture: 2737
29 dicembre 2017 di Sandra Cervone
 Recensioni: Il Codice dell' Ortica. Parodia del (poco) più celebre Codice da Vinci Di Massimo Liverani Minzoni Sabato 27 ottobre Milano Book Fair 26 - 27 - 28 -29 ottobre Milano - Linate Aeroporto Parco esposizioni Novegro
letture: 5196
22 ottobre 2012 di stanza101
 Recensioni: "Se questo è un padre" di Giuseppe Napolitano, Ed. Eva Il poeta è un fadista, di Carmen Moscariello
letture: 5731
28 marzo 2012 di frollina
copertinaRecensioni: "Mondo privato e altre storie" Taccuino poco diplomatico
letture: 3424
09 febbraio 2012 di MicheleCam77
Gilardini Fidis Fiat Banca commerciale italiana Rizzoli Ibm Italia Ibm Semea Assicurazioni GeneraliRecensioni: Case e poltrone: un tesoro di premier Tutti gli affari di Monti (2)
letture: 3170
16 novembre 2011 di marinta
libro di Ugo Piscopo, \Recensioni: La poesia di Ugo Piscopo. L'arte del découpage di Carmen Moscariello
letture: 5591
19 febbraio 2011 di frollina
Palmiro Togliatti e Nilde JottiRecensioni: L'intreccio tra letto e potere (5)
letture: 3686
19 gennaio 2011 di TF Press
la copertina del libroRecensioni: Scauri come Macondo? Il libro di Chiara Valerio Nella collana "Contromano" di Laterza il racconto di Scauri e delle zone del golfo. Con Fabrizia Ramondino angelo custode. (11)
letture: 7241
17 agosto 2010 di Luca Di Ciaccio
.Recensioni: La fede dei demoni Tra autosufficienza e utopia (1)
letture: 4289
03 luglio 2010 di Costantino D'Onorio De Meo








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
XX III Edizione del PREMIO INTERNAZIONALE - Tulliola Renato Filippelli
letture: 5077
18 aprile 2016
Il Grande dittatore
letture: 2520
05 marzo 2016
PREMIO INTERNAZIONALE "TULLIOLA- Renato Filippelli" 2015-16
letture: 2771
11 novembre 2015
Premio letterario internazionale "Tulliola-Renato Filippelli": esce il bando della XXIII edizione
letture: 2488
26 agosto 2015
L'inquietudine e il nostro tempo - Incontro con il prof. Aldo Masullo
letture: 4112
29 novembre 2014
"Ugo Piscopo. Terra nella sera" di Carmen Moscariello
letture: 3507
20 novembre 2014
Prefazione a Terre nella sera
letture: 3896
08 novembre 2014
Premio per silloge inedita "Pietro Carrera"
letture: 3775
25 ottobre 2014
Il PM Giuseppe Miliano premiato al "Tulliola" per l'alto impegno nella lotta alle ecomafie
letture: 5340
06 ottobre 2014
Premio letterario internazionale Tulliola - Renato Filippelli XXII Edizione - 2013/2014
letture: 5408
22 settembre 2014