Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 9473
dal 13/07 al 30/08 Formia: Rassegna cinematografica "Cinema alla deriva 2018"
letture: 4275
18/08 Gaeta: "Cappuccetto Rosso al contrario" (1)
letture: 1587
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.545
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
venerdì
17
agosto
S. Chiara di Montefalco
Compleanno di:
sex AnnaF
sex anonima68
sex Delirium
sex ejdea51
sex rossy
nel 1835: Viene brevettata la chiave inglese.
nel 1965: L'inglese Jhonn Riding,24 anni,conclude la traversata dell'Atlantico con una imbarcazione di soli 3,65 m:la "Sjo Ag".
dw

Home » News » Latina » Latina » Lettera aperta ad Armando Cusa...
lunedì 11 novembre 2013
Lettera aperta ad Armando Cusani
- di Nicola Reale -
letture: 5719
Nicola Reale
Nicola Reale
Latina: Signor Cusani,

ho voluto lasciar passare qualche giorno dalla notizia della sua sospensione dalle cariche di presidente della Provincia e di consigliere comunale di Sperlonga nella speranza che questa mia le giunga in un momento per lei di maggior calma e quindi più propizio all'ascolto e alla riflessione.
Sarebbe facile per me, ora che lei si trova a vivere una difficile condizione umana, prima ancora che politica, salire in cattedra forte del fatto che le due condanne che lei ha subito dal Tribunale di Latina sono il risultato di denunce da me presentate alla Magistratura tra il 2003 il 2006. Non è nel mio stile farlo e non lo farò. Ma proprio perché ciascuno di noi è in qualche modo "condannato" ad essere quello che è, io, anche in questo momento, non posso rinunciare al tentativo di avere con lei quel confronto che inutilmente ho cercato nei dieci anni (due consiliature) in cui sono stato consigliere comunale di minoranza e lei sindaco di Sperlonga e poi presidente della Provincia di Latina.
Benché io abbia lasciato la politica attiva da oltre tre anni, capita a volte che il corso degli eventi imponga, gioco forza, a chi ha rivestito funzioni pubbliche, compiti suppletivi derivanti dal rispetto del ruolo istituzionale ricoperto e del lavoro svolto al servizio dei cittadini. Per questo sento ora il dovere umano e politico di scriverle. La mia piccola funzione di semplice consigliere di minoranza al comune di Sperlonga certo non mi poneva in una particolare posizione di forza nei suoi confronti. Pur tuttavia le circostanze mi hanno assegnato un ruolo particolare e da me imprevisto: quello di essere stato, a Sperlonga, nella provincia di Latina e nella regione, il suo unico, vero avversario politico. Cosa, questa, che io ritengo, più che un merito di cui vantarmi, un fatto assurdo e incredibile. Il mio eventuale merito potrebbe limitarsi alla costanza, alla coerenza, al disinteresse personale, all'onestà intellettuale con le quali mi sono opposto all'arbitrio e all'arroganza incolsulta delle sue quotidiane decisioni sistematicamente viziate da illegittimità o illegalità. L'assurdità sta, invece, nel sepolcrale silenzio con il quale TUTTI i rappresentanti provinciali e regionali dei partiti della mia area politica di riferimento - il centrosinistra - hanno accompagnato le sbavature, gli errori e gli orrori della sua condotta amministrativa, forse memori delle parole di De Gaulle che ammoniva: "Niente rafforza l'autorità quanto il silenzio".
Ma l'intento di questo mio scritto non è certo quello di ricordarle il mio passato, bensì di ricordare a lei il suo , forse sperando in una sorta di eterogenesi dei fini, cioè nella comprensione, da parte sua, delle conseguenze non intenzionali delle sue azioni totalmente intenzionali. Un antico proverbio recita: "Tre cose l'uomo deve ricordare ogni giorno: il bene che non ha fatto, il male che ha fatto, e il tempo che ha perduto". Un esercizio, questo, che potrebbe aiutarla a trovare con più precisione il senso di ciò che oggi le accade. Perché ciò che le sta capitando non è la conseguenza - come lei sembra ritenere - né di errori giudiziari, né di sentenze "politiche", né dell'acrimonia di chi le è stato onestamente e correttamente avversario politico.
Ricorda, Signor Cusani, quella volta che in consiglio comunale mi affrontò pubblicamente piantando la sua fronte sulla mia e dicendomi a denti stretti: "Non mi fai paura ..."? Io le risposi che non era mia intenzione farle paura, ma che lei come sindaco non poteva negarmi il diritto di parola in consiglio comunale. Lei tirò diritto, sentendosi il più forte. Lei si è beato del suo senso di potenza e di onnipotenza, avendo di sé, anche nel rapporto con i suoi collaboratori e con i cittadini, l'immagine di un Re Sole davanti ai suoi sudditi. E questo era insopportabile per chiunque avesse una pur sbiadita idea delle regole della democrazia.
Lei si sentì il più forte anche quella volta che, di fronte alle mie insistenze perché rinunciasse all'ennesimo atto d'illegalità, con sorriso beffardo mi rispose: "Fai pure le tue denunce alla Magistratura, tanto io ho le spalle larghe !". Evidentemente lei aveva completamente perso ( o non aveva mai avuto) il senso del confronto democratico e del rispetto delle leggi. Lei, come il Re Sole, riteneva di essere la Legge. Lei non si rendeva conto della gravità di quelle parole che esprimevano ormai il suo delirio di onnipotenza. Lei, consapevole degli appoggi e delle collusioni che aveva intessuto in ogni campo (politico, economico e sociale), aveva assunto la certezza dell'impunità. E questa certezza l'ha accecata, facendola nuotare (e oggi annegare) nei vortici dell'autoreferenzialità e del più totale dispregio della legalità.
Lei aveva trasformato il consiglio comunale, vale a dire il cuore pulsante del sistema democratico di una comunità, in un viodeogioco dove i suoi consiglieri erano statue di pietra, eternamente immobili, eternamente mute, e anche la loro coscienza sembrava essersi pietrificata ai suoi comandi. Tutto diventava inutile in quel consiglio comunale da lei diretto, riuscendo così a realizzare il danno più grave che lei potesse arrecare ai cittadini: rendere irriconoscibile e inutile la verità.
Eppure, Signor Cusani, io riesco ancora a darle una scusante: lei, in fondo, si è adeguato perfettamente ad una cultura e ad un contesto politico - quelli della politica dell'affare (che lei cercò di spacciare come "politica fel fare") - che era il brodo di cultura dell'area politica della quale faceva parte. Nessuno dei suoi amici, infatti, le avrà mai ricordato che il vero politico è colui che pone sempre e comunque in primo piano l'interesse per la cosa pubblica e non i propri interessi personali.
Così come oggi, nell'attuale situazione che sta vivendo, quegli stessi amici le esprimono solidarietà e stima, ma a nessuno viene in mente di dirle che in politica, come nella vita, nessuno è insostituibile e quando c'è in gioco il prestigio delle istituzioni ci si fa da parte, a torto o a ragione, se ancora resta un barlume di senso di responsabilità. Anzi, addirittura la candidano alle elezioni europee del 2014, opponendo alla giusta severità della Legge Severino il concetto mafioso secondo il quale le condanne equivalgono a veri e propri titoli di merito.
Signor Cusani, se mai un giorno la ragione e la serenità di giudizio prevarrà sulla sua incapacità strutturale di accettare un punto di vista diverso dal suo, si accorgerà che nel corso degli anni lei ha costruito con le sue stesse mani la sua ignominiosa caduta. Si accorgerà che lei è stata vittima di se stesso, delle azioni illegali che ha compiuto, dell'enorme cumulo d'interessi personali che lo hanno posto in conflitto con gli interessi della collettività e con la legalità. Per questo ha subìto due condanne e queste condanne comportano, che a lei piaccia o no, conseguenze di legge che hanno imposto la sua esclusione dagli incarichi politici che ricopriva.
Noi tutti consiglieri di minoranza avremmo preferito un'altra storia. Avremmo preferito accettare il verdetto dei cittadini di essere minoranza, ma avendo di fronte una controparte seria, onesta, rispettosa della legge, dei diritti e della dignità dei cittadini. Così non è stato. Il nostro obiettivo non è mai stato la sua condanna penale, ma la vittoria della verità e della giustizia. Il nostro obiettivo non è mai stato l'attacco cieco e pregiudiziale ad un avversario politico, ma la difesa del principio intangibile che la legge è uguale per tutti.
Per giungere a questo esito ci sono voluti quasi dieci anni. In tutti questi anni, mentre molti si convincevano della sua infallibilità ed invulnerabilità, noi non ci siamo mai arresi e, anche se non capiti e non seguiti dalla maggioranza dei cittadini, abbiamo continuato a batterci e a lottare perché la verità venisse a galla.
Oggi consideriamo questo nostro lungo, difficile e faticoso impegno per la vittoria della verità un dono che offriamo alla collettività. Anche a coloro che non ci hanno mai votato.
A lei, Signor Cusani, che ha scelto di seguire il motto di Machiavelli: "E' molto più sicuro essere temuti che amati", il mio umile invito a riflettere su un altro antico proverbio, secondo il quale "il capo è uno come tutti gli altri, solo che non lo sa".
Nicola Reale

di: Nicola Reale


Il dr Fabio Ricci in un convegnoLatina: Chiusa l'annuale Campagna Mondiale Nastro Rosa Conferenza stampa al Goretti voluta da LILT, ASL e polo universitario pontino
letture: 1107
16 novembre 2017 di Sandra Cervone
Zicchieri e SalviniLatina: Zicchieri: NCS Lazio manda una nota di disappunto alle parole del Sindaco di Latina Coletta dopo l'incontro in Prefettura avvenuto oggi dove erano presenti altri sindaci della Provincia "E' nostro compito utilizzare 4 verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare
letture: 983
03 agosto 2017 di pinopress
ProtagonistiLatina: Apre il MADXI... uno spazio dedicato all'Arte Contemporanea Inaugurazione domenica 8 maggio ore 18.00 Performance "MusiCantiere- Cooperazione artistica" Chiusura mostra 26 giugno 2016
letture: 8471
05 maggio 2016 di descartes
Marrigo Rosato brinda all'elezione del PresidenteLatina: Rosato felice per l'elezione di Acampora predica bene e razzola male (5)
letture: 2145
23 marzo 2016 di IlCavalierebianco
Paolo GalanteLatina: Ex 'nero' candidato sindaco col Pd. "Per vincere servono voti della destra" Paolo Galante, ex dirigente di An con legami mai rinnegati con Gabriele Adinolfi, fondatore di Terza Posizione, è l'uomo di punta dei renziani alle primarie per le comunali.
letture: 1879
30 settembre 2015 di marinta
 Latina: Latina nel caos
letture: 1601
26 luglio 2015 di FNcoordinamentoLT
Emmanuel Di NucciLatina: Emmanuel continua la scalata CQR per elezione regionale
letture: 2222
02 giugno 2015 di A.S.D. Pallavolo Olimpia Formia
 Latina: Protesta al cimitero di Latina
letture: 1963
04 maggio 2015 di Associazione familiari e vittime della strada
Vincenzo ZaccheoLatina: Conferenza stampa dell'on Vincenzo Zaccheo Sabato 7 marzo, presso l'hotel Europa si è tenuta una conferenza stampa dell'on Vincenzo Zaccheo ex sindaco di Latina e dell 'arch Massimo Rosolini ex assessore all'urbanistica.
letture: 2110
09 marzo 2015 di satanik
 Latina: arrestate i pirati della strada
letture: 2510
04 febbraio 2015 di Associazione familiari e vittime della strada








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Stemma del Movimento Civico Partecipazione Attiva
Una forte azione unitaria per ridare legalità, democrazia e dignità a Sperlonga.
letture: 1363
08 gennaio 2018
Arrestati a Sperlonga il sindaco Armando Cusani ed i tecnici comunali Massimo Pacini e Isidoro Masi (7)
letture: 2453
16 gennaio 2017
Importante Kermesse artistica a Sperlonga
letture: 3257
20 aprile 2015
Un nuovo paradigma identitario per la Sinistra di Nicola Reale (1)
letture: 2364
09 maggio 2014
Nicola Reale
Cusani: i reati non finiscono mai
letture: 4319
19 febbraio 2014
Nicola Reale
Lettera aperta ad Armando Cusani (4)
letture: 5720
11 novembre 2013
Berlusconi: sessanta miliardi di sciocchezze (2)
letture: 2909
05 febbraio 2013
Nicola Reale
Cusani: una condanna che viene da lontano (3)
letture: 4517
10 settembre 2012
Le responsabilità del Centrosinistra
letture: 4052
20 luglio 2012
Hotel
La caduta degli dei
letture: 4408
19 luglio 2012


Commenti: 4

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it