Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3479
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1136
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3179
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2493
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2119
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2102
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1907
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1721
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1725
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1330
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1760
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:350
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » Picinisco, tutti pazzi per l'o...
sabato 17 agosto 2013
Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo
di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5756
Orso marsicano (Corpo Forestale)
Orso marsicano (Corpo Forestale)
Picinisco: Il suo passaggio accolto con eccitazione e curiosità.
A Picinisco tutti pazzi per l'orso Lorenzo.

Poco prima di mezzanotte un orso bruno marsicano fa visita al paese. Il suo passaggio accolto con eccitazione e curiosità. "Non so bene perché, ma c'è qualcosa nell'orso che induce ad amarlo" (J.O. Curwood).

Articolo e foto di Sergio Andreatta (664)

__www.andreatta.it__p=9706

L'orso marsicano dal sito del C.F.S.
Il territorio di Picinisco, come anche quello dei dintorni, nel suo notevole divario altimetrico di quasi 2000 metri, continua a riservare sorprese. Questa volta ci dobbiamo interessare al passaggio notturno dell'orso marsicano. Non parliamo, quindi, del linguaggio delle rocce, delle dolomie che attraverso gli spaccati paleografici (petrografia) è in grado di interpretare eventi e significati perdurati milioni di anni. Non vogliamo parlare della lunga storia di questi luoghi che si comincia finalmente a percorrere e ad interpretare attraverso la lettura dei siti mito-storici (Atina-S.Marciano, Mifiti-Canneto) e archeologici (La Rocca-Aquilonia, S.Biagio Saracinisco-M.Croce) non sempre distinguibili gli uni dagli altri e le scarne cronache e annotazioni depositate nei secoli per lo più, ma non solo, negli archivi dell'Abbazia di Montecassino dove sono conservate. Un territorio già vissuto dall'uomo in epoca paleolitica, poi, migliaia di anni dopo, fortemente segnato dalla presenza dei Sanniti, l'unico popolo italico che per ben tre volte, come scrive Tito Livio, seppe tener fieramente testa ai tentativi di conquista dei romani (Valle Romana o Var Romana a Picinisco) in quelle che passarono alla storia come "Guerre Sannitiche" (Campo Tri Volte nei pressi di Colle Posta). Non parliamo degli itinerari di una spiritualità sempre viva (Canneto, Cassino, Gallinaro, Roccasecca,...) che vede ogni anno lo spostamento imponente di decine di migliaia di pellegrini specie ad agosto (dal 18 al 21 singoli, gruppi e Compagnie anche a Picinisco serpeggiano in salita sull'antico Sentiero della Fede che attraverso la selva oscura porta al Santuario dei tre confini della Madonna di Canneto, Settefrati) ma, soprattutto, di un territorio di alto valore naturalistico dentro e subito fuori il perimetro del P.N.A.L.M. (in origine, 1922, solo d'Abruzzo), costituito da monti con l'identità orografica dei Monti della Meta e della Catena delle Mainarde, contrassegnato da estese foreste, laghi, sorgenti, fiumi, torrenti, cascate, gole e valli splendide. Un ecosistema di eccelsa qualità ambientale per flora e fauna che merita di essere tutelato, preservato e consegnato alle civiltà del futuro. Qui nel santuario del silenzio e delle radici con la terra dove l'incontro mozzafiato col lupo, l'aquila e l'orso, assai più raramente che con quello quotidiano con greggi di pecore e capre, può capitare davvero. E' non è proprio l'orsetto la mascotte del Parco? Seduto e di profilo ne diventa il famoso logo che tutti sanno ormai riconoscere. L'orso è, infatti, la vera star del Parco e non possiamo volergli bene solo perché lo immaginiamo lontano da noi o lo conserviamo, come Yoghi & soci, in un cassetto della nostra memoria infantile. Ultimamente ne era stata avvistata la presenza a più riprese a Campoli Appennino e a S. Donato Val di Comino. A Picinisco, in paese, se ne ricordano rari e sparuti passaggi nel passato ma stanotte è accaduto di nuovo e non è, forse, neanche l'unica volta. E non c'è da meravigliarsi.Verso mezzanotte il plantigrado scende dal monte e se ne va a spasso per le vie del paese. O meglio provenendo nella sua ultima tappa prima dell'abitato con ogni probabilità dal viciniore Colle Petrone* - per Via Vapera o anche attraverso la masseria di Tony Mancini - cala in Via S. Croce per attraversarla fugacemente. Qui lo avvistano un gruppetto di preadolescenti che interpretano quella sagoma scura come quella di un fantasma e così se la battono via di corsa dopo aver preso una schizza da morire. Questa mattina, durante un sopralluogo, sono state trovate delle mele per terra sotto alcune piante scosse e altre impronte... Nel suo passaggio in paese l'orso scende nel mio orto e poi nel mio giardino calpestando un'aiuola fiorita molto scoscesa dove scivolando con la sua zampa divelle una pianta grassa appena messa e sposta un tronchetto di legno a contenimento delle acque, quindi transita nel terrazzo della villa adiacente. Nel tentativo riuscito di ristabilire l'equilibrio perduto col peso del suo corpo, craack, rompe una tegola.Per un attimo il giovane orso rifiata e, affacciandosi dal balcone, sosta qualche istante ad ammirare la sottostante Valle di Comino già avviluppata nella notte ma non ancora del tutto addormentata, migliaia di tremolanti punti-luce la trapuntano. Il vento caldo gli porta sotto le narici gli odori piacevoli dell'attrazione. E allora va... Lì sul terrazzino che si affaccia direttamente sul Viale più battuto dal passeggio tra Piazza Capocci e S. Martino lo notano due turiste napoletane e una signora del luogo (Francesca Nappi in Tamburrini) mentre aggrappandosi e distendendosi dalla ringhiera cerca di calarsi sulla strada di sotto con un salto di tre metri. Prima sconcertate, poi paralizzate dalla paura, quindi agitate le tre donne, non sapendo cos'altro fare, si dirigono alla vicina caserma dei carabinieri. E non riuscendo ad individuare il campanello, tanta era l'agitazione, una delle tre (sull'esempio, forse, dell'orso) avrebbe perfino scavalcato una ringhiera abbastanza alta riuscendo alla fine ad allertare i militi presenti all'interno. Ormai c'è un indicibile trambusto sulla via da dove i due carabinieri allertati e prontamente intervenuti, il m.llo Fabio Santonastaso e il brigadiere Domenico Di Cicco, puntano ora le loro potenti pile sul balcone della signora Clara Di Ciacca che dorme e non si accorge di nulla e poi sull'erta scarpata del mio giardino. Richiamato dal clamore mi affaccio ad osservare la scena e, non capendola, chiedo se ci sia un ladro. "Nooo, professò, è stato avvistato un orso!" "Cheee?! Dove?" la mia pronta ribattuta incredula. "Sul balcone della vicina." mi fa il carabiniere indicandomi il posto. "Vicino al terrazzino della mia cucina? Possibile?" "L'hanno visto tre persone!" "Non sarà mica un abbaglio? Magari... un ladro travestito da orso?" celio con i carabinieri. O una burla ben congegnata? Mi sono, all'improvviso, ricordato di Lorenzo Bianchi, Lory White il piccolo-grande attore cinematografico di Picinisco, che, travestito da pinguino, in questo periodo sta girando uno spot televisivo in uno studio di Napoli. E se c'è spazio per un pinguino, mi dico tra me e me, ce ne può essere anche uno, più accettabilmente, per l'orso. No?! Ora c'è grandissima eccitazione tra gli spettatori. Un cordone incredibile di curiosi, paesani e turisti, si è assiepato sulla strada sotto casa. Quasi un tifo da stadio ma è l'evento della notte, se non dell'anno, a giustificarlo! I due carabinieri entrano nel mio cortile, saltano agilmente su un tettuccio, si addentrano nella parte posteriore buia della villa della signora inglese, salgono ad esplorare tra arbusti e rovi il costone roccioso. Io faccio lo stesso, non so con quale coscienza, dietro casa mia armato solo di una pila, di un bastone da montagna con la punta di ferro e di un po' di coraggio che non mi manca mai. Intanto nel basso tra gli spettatori qualcuno comincia a credere davvero all'apparizione del plantigrado, ma qualcuno la mette, invece, fortemente in dubbio e punta sull'autosuggestione tanto che una tra le tre avvistatrici, nel frattempo tornata sul luogo del delitto, si adonta dicendo che lei non ha avuto mica le traveggole e che è una persona seria lei! In un caso a sostegno interviene perfino un marito. E la cosa si fa all'improvviso seria. Così conviene ammettere che è possibile, anzi vero. Del resto se lo è stato a S. Donato, perché non potrebbe esserlo a Picinisco? E sarebbe passato a solo un paio di metri da dove a quell'ora di notte di solito lavoro di scrittura al computer ma ieri sera eccezionalmente no. Mi convinco che io, io non mi sarei sentito per niente in allarme ma chissà? In realtà, se mi fossi trovato lì come al solito, a tu per tu con Lorenzo, come avrei reagito io? Siamo tutti coraggiosi a parole! L'avrei sicuramente fotografato, o almeno avrei tentato, se ne avessi avuto il tempo, ma mia moglie, in preda ad una strana e incomprensibile sensazione, quella sera mi aveva imposto di ritirarmi nel tinello di casa. Vedo l'assistente Roberto Valente del Corpo Forestale dello Stato, un esperto in materia, dispensare consigli e tranquillità alla gente, più che altro eccitata e spiritosamente curiosa. Questa mattina Veronica Colella che porta a spasso il suo canino mi conferma sulla paura del fantasma provata da suo figlio a S. Croce. Vado allora in cerca di tracce del suo transito elusivo nel mio giardino e trovo le prime nello scoscendimento di una fioriera tra la roccia e la scala, passaggio obbligato, dove l'orso bruno marsicano è transitato prima di smontare sul terrazzo della signora Clara. Trovo una piantina di fiore appena messa divelta e un tronchetto spostato.Sul terrazzo di Clara l'orso ha lasciato un mucchietto di pelo e delle impronte bianche sul passamano (nello scendere e nel frenare le zampe devono essersi impregnate del bianco delle rocce friabili e umide della mia aiuola). Mi sono ricordato che qualche giorno prima ero salito sulle balze per cogliere la frutta ma l'avevo trovata stranamente per terra mentre lì vicino avevo notato un indecifrabile escremento, non di cane né di faina. Non interpretabile sulle prime ma solo ora a posteriori. Dopo i carabinieri nella notte, sono tornate più volte questa mattina, su quello che io da sempre chiamo "il canale della faina" per i suoi abituali passaggi notturni, la forestale e le guardie del Parco Nazionale. Le cime dell'Appennino centrale abruzzese ci incombono imponenti (Forcellone, Meta, ...) sulle spalle per 1500 metri mentre nella Valle di Comino che si distende a ventaglio aperto ai nostri piedi tra balzi, laghetti e cascate scivola via verso il tramonto il ripido fiume Melfa. Qui ci sono tutti i caratteri dello habitat ideale per una famiglia di plantigradi. "L'orso va rispettato nella sua bellezza!" sento dire con convinta partecipazione da una bella ragazza-guardiaparco (Alessandra Pomponio intervenuta la mattina dopo con la collega Maria Teresa Palladini) a chi conserva ancora qualche traccia insondabile di timore e pronuncia incautamente la frase "Se lo incontro gli sparo", "Va ammirato invece e non disturbato!" Che bello! E come non essere d'accordo? E del resto per la sua condotta pacifica e per la sua dieta, prevalentemente vegetariana, lui non darebbe mai fastidio a una mosca, figurarsi a una persona, a meno che... non sia cattivo e problematico. Zompato giù dal terrazzo della signora Clara l'orso avrebbe proseguito il suo cammino verso il fondo della Val di Comino, verso L'Antica dove, ho sentito dire, che avrebbe fatto strage di conigli e di una pecora in un casale. Mah? Sarà così? O non sarà piuttosto la ricerca di un qualche vantaggio? Poi, però, il comandante della Polizia Municipale, Benito Perella, mi conferma tutto mettendo fine ad ogni sospetto. I passaggi notturni dell'orso sono stati più di uno in questi giorni come attestano le molteplici impronte lasciate (i reperti organici sono stati trasferiti in un laboratorio-analisi di Roma), così sul mio terreno dove una nuova pista sale ben visibile tra la malerba, da dietro alcuni oleandri, fino ad una pianta da frutto in un terreno comunale dato in comodato a un noncurante privato.Il giovane plantigrado deve averla certamente percorsa a scendere da Via S. Croce... L'orso è un animale legato preferibilmente agli ambienti forestali, anche se si adatta ad una grande varietà di condizioni ecologiche, in particolare in questo periodo, come ben sanno gli agricoltori della Val di Comino. E verso la fine dell'estate, specie se nelle faggete scarseggiano le bacche di ramno (rhamnus alpinus, che inglesi e scozzesi di Picinisco chiamano "buckthom") viene fortemente attratto, dopo la seconda metà di agosto, a quote più basse dal rhamnus catharticus o spino cervino (o anche uva ursina, appunto) che cresce sui 6-700 m. o verso le campagne dove maturano il mais, alcuni ortaggi come le carote, le piante abbandonate di mele e pere e l'uva di cui fa ghiottissime scorpacciate. In ogni caso il Parco risarcisce sempre il proprietario delle bestie straziate ma tutti a Picinisco oggi sembriamo essere più contenti di ieri, molto più di buonumore per questa grande visita. Nella piazzetta con vista panoramica sulla Valle c'è una palpabile atmosfera di ilarità diffusa e tutto un raccontare di storie mai udite prima. "Benvenuto orsetto! Che nel tuo vagabondaggio, nella tua caccia per queste valli ti arrida la fortuna! Che non abbia ad imbatterti mai in un cattivo bracconiere! O in un automobilista distratto!" A minacciare l'esistenza del mammifero c'è, infatti, anche il turismo smodato. Qualche tempo fa il Corpo Forestale dello Stato (dal cui sito è tratta la foto - n. 2 - su un esemplare di orso bruno marsicano) ha presentato il documentario di Francesco Petretti "Una terra buona per l'orso" sulla vita e le abitudini degli ultimi esemplari rimasti nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e aree limitrofe. Censiti poco più di 50 esemplari. Il progetto Life Orso, realizzato con il contributo dell'Unione Europea, prevede una regolamentazione più restrittiva del transito dei veicoli sulle piste di montagna, l'ottimizzazione degli ecosistemi forestali e un attento monitoraggio delle risorse alimentari."Buona ventura, allora, e lunga vita, orsetto Lorenzo di Picinisco!" © - Sergio Andreatta, RIPRODUZIONE RISERVATA.

* AGGIORNAMENTO del 24.08.2013. Ecco il percorso più probabile seguito dal plantigrado in paese: Area del P.N.A.L.M., discesa sul versante laziale-piciniscano, Colle Petrone (una punta boschiva di oltre 800 mt. che incombe sul paese), Via Vapera, incrocio e breve tratto di Via S. Croce, orto di Pirri-Andreatta, terrazza di Alonzi-Di Ciacca con salto su Via S. Martino e di qui, alla fine della agevole ringhiera comunale, terreno di Villa S. Martino di Crolla-Crolla, S.P. 112 nei pressi di Via S.Giovanni e giù nella Valle. Una scorciatoia in pendenza, economica e molto diretta, lunga neanche 200 m., al posto dei 1000 automobilistici. Alcune notti successive è stata ancora avvertita la sua oscura presenza fino alla notte del 22 quando un branco di cinque cani (l'unione evidentemente fa la forza), tra cui il noto Oscar, hanno stazionato per ore sul punto di passaggio di Viale S. Martino, sentinelle a presidio del territorio con gli occhi puntati in alto, fissi sulle rocce di casa mia, e a tratti hanno abbaiato furiosamente e latrato quasi ad avvertimento dei paesani. La notte del 23 è stato ancora accertato il suo transito più in basso nei pressi dell'antica badia di S. Maria (cimitero). E si ha ragione di pensare che non sia finita qui. Altre puntate in allungo si stanno, infatti, registrando fin nei paraggi di Casalvieri ma sarà sempre lo stesso mobile (e quindi giovane) esemplare che nella notte macina molti km. o è un altro orso?

** "Lorenzo", il nome da me attribuito all'orso di Picinisco, è puramente di fantasia; come lo è stato con "Donato" per quello di S. Donato V.C.

Scritto da : Sergio Andreatta

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2648
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga... I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 2252
12 ottobre 2017 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2503
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3908
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Picinisco, Cascata sul fiume MelfaPicinisco: Spettacolo Melfa Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4737
10 luglio 2013 di Sergio Andreatta
Madonna Pastora da www.andreatta.itPicinisco: E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4789
16 agosto 2011 di Sergio Andreatta
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - PiciniscoPicinisco: "Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 4169
08 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 3253
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Religiosità di Luigi GiannettiPicinisco: RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 6159
08 agosto 2009 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5382
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
De rerum natura
Peste di Atene e Covid 19
letture: 3666
29 maggio 2020
Il saggio del prof. J. Kelly
Peste e Progrom nel XIV secolo
letture: 2055
08 aprile 2020
Covid 19 e Peste Nera
La peste Nera (1)
letture: 1821
30 marzo 2020
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 3617
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 3496
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 3201
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2648
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 2172
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1967
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2698
15 dicembre 2017