Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 28/09 al 31/12 Scienza e Tecnologia: L'IRCCS San Gallicano vince bando della Ricerca Finalizzata 2019 per "Giovani Ricercatori"
letture: 3475
dal 19/10 al 29/12 Fondi: FONDI (LT), Libri di testo: per chiedere i contributi c'è tempo fino al 30 dicembre
letture: 1131
dal 29/10 al 06/01 Pomezia: Le Mani della Terra - I Valori del Mare
letture: 3175
dal 06/11 al 31/12 Cisterna: IL CENTRO SPORTIVO SAN VALENTINO SI CANDIDA AI FONDI PER IL PIANO NAZIONALE "SPORT E PERIFERIE"
letture: 2489
dal 09/11 al 09/11 Cisterna: NASCE IL CANALE TELEGRAM "INFOPOLIZIA LOCALE CISTERNA"
letture: 2115
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 2098
dal 11/11 al 30/12 Cisterna: CISTERNA di Latina, COVID: IL COMUNE CERCA NEGOZI DA CONVENZIONARE PER LA CONSEGNA A DOMICILIO
letture: 1903
dal 12/11 al 22/12 Fondi: Il sindaco incontra i dirigenti: a Fondi le scuole restano aperte
letture: 1717
dal 13/11 al 30/12 Fondi: Mascherine e assembramenti: intensificati i controlli a Fondi
letture: 1720
dal 20/11 al 20/11 Fondi: Il Comune di Fondi tende la mano agli ambulanti: a novembre il mercato si terrà di venerdì
letture: 1326
dal 22/11 al 29/11 Formia: MARANOLA di FORMIA: Festival di Musica e Cultura Tradizionale
letture: 1756
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.628
visitatori:326
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
29
novembre
S. Livia
Compleanno di:
sex doghi
sex dragone
nel 1864: Truppe irregolari americane attaccano a tradimento e massacrano 163 pellirossa Cheyenne e Arrapaho accampati nei pressi del torrente Sand Creek, in Colorado.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » Spettacolo Melfa
mercoledì 10 luglio 2013
Spettacolo Melfa
Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4736
Picinisco, Cascata sul fiume Melfa
Picinisco, Cascata sul fiume Melfa
Picinisco: Terminati i lavori, eseguiti dal Consorzio del Liri, a La Presa, si attende ora con curiosità il riempimento della Bagnarola.
Testo integrale e foto di Sergio Andreatta, in www.andreatta.it

A Picinisco (FR), 725 mt. s.l.m., è forte il richiamo del fiume Melfa dal percorso molto interessante e suggestivo fin dalla sua origine ai piedi di una roccia calcarea, a 1020 m. sul livello del mare, nell'alta Valle di Canneto. Ci troviamo nel cuore più verde del versante laziale del P.N.A.L.M., in uno dei luoghi più belli del Centro Italia sotto i Monti del Meta, in territorio al confine tra i comuni di Picinisco e Settefrati che da sempre bonariamente se lo contendono, avanzando ipotesi (a Picinisco) di irrealistiche deviazioni dell'alveo del fiume a proprio danno. Alla sorgente, da sempre identificata con quella di Capo d'Acqua, (foto 1), contribuiscono sicuramente anche altre acque confluenti dai ruscelli provenienti dall'Acquanera, dal Petroso e dalla Valle del Meta. In passato la parte più bassa dell'altipiano era inondata di acque, tanto da formare uno stagno che s'ingrandiva al dimoiar delle nevi, ove putrefacevano le erbe prative e si abbeveravano le bestie all'alpeggio. Lo svuotamento completo ne era, infatti, impedito dai mutevoli dislivelli, da due grossi macigni rocciosi e dal deposito ostruente dei detriti lignei. Oggi lo stagno (foto 2) già bonificato una cinquantina d'anni fa con un regolato deflusso, grazie ad un significativo intervento di ripristino culturale e paesaggistico, è stato meritoriamente riformato (un piccolo laghetto circolare) ad opera della direzione del Parco. La sorgente del fiume, come successo già ad altre, fin dall'antichità è legata ad un incontrollabile miscuglio di leggende, miti, riti intensi e devozioni popolari condivise. Quasi che a presiedere a tutto ci sia un indicativo Genius loci. Un modo più di altri per dare importanza, anche economica, all'acqua, in questo senso davvero bene comune. Le varie tradizioni religiose, sulla sensibilità senso-percettiva per la quinta naturalistica, si sono sedimentate un po' alla volta attraverso i secoli. Al tempo del Volsci e dei Sanniti sorgeva qui un tempio dedicato ad una Mater Matuta, dea del parto e della vita, anche tramandata dal volgo come dea Mefiti (tanto da far pensare che l'aggettivo mefitico, puzzolente per il macerare delle erbe, possa esser nato proprio da queste parti). E Mefite era una divinità italica il cui culto era associato frequentemente a luoghi con acque fluviali o lacustri. Poi con il propagarsi del cristianesimo e la cristianizzazione indotta nella valle dall'opera missionaria benedettina ed anche dalla convenienza personale dello stare in una comunità autoproteggente, sul luogo e in sostituzione delle antiche divinità pagane, oltre 800 anni fa, si concentrò una viva e genuina devozione popolare ad una madonna nera (come altre contemporanee d'influenza bizantina che si riteneva dovessero proteggere meglio dalle incursioni dei saraceni), la Madonna di Canneto di cui si celebrano le feste tra il 18 e il 21 agosto. Quando mi vesto da pellegrino o da ambientalista e mi inoltro per i sentieri della selva oscura mi sento più sicuro se posso udire sempre la voce-guida del fiume. Così i miei passi non hanno finora mai smarrito la via... Dopo una serie di titubanze per i balzi e le varie cascatelle il fiume si dirige a Picinisco per arrivare poi ad Atina ma non prima di aver ricevuto da sinistra le acque del consistente rio Mollarino.
Quindi il fiume prosegue il suo corso verso Casalattico e Casalvieri scorrendo per 15 km in una profonda gola (Gole del Melfa) scavata nelle propaggini del M.Cairo per raggiungere, infine, dopo un percorso totale di circa 40 km., il fiume Liri in cui affluisce da sinistra dopo Roccasecca. Piccolo fiume, certo, ma molto interessante per la densità della sua storia, con il tratto piciniscano da considerarsi in assoluto il più suggestivo, se non altro per la varietà dei panorami e degli ambienti. In principio era l'acqua... l'afflusso delle nevi sciolte del Petroso e del Meta che continuano a raccogliersi nel sottosuolo di Capo d'Acqua. Un'immensa piscina sotterranea il cui livello, in periodi di esuberanza, sfiora dalla condotta forzata costruita dal Consorzio degli Aurunci alla fine degli anni '50. E' questo sfioro in superficie a sembrare ora la sorgente stessa del fiume. Le immaginifiche "stelline" (foto 1) fanno gridare a un miracolo della madonna che si ripeterebbe qui secondo la leggenda, in realtà queste non sono che il bellissimo effetto microfloreale tipico dei movimenti d'acqua e del particolare microclima. Le acque, dopo aver dato vita al laghetto ove con narcisismo si specchiano le alte cime rocciose spesso innevate, ora iniziano ad inoltrarsi tra salti e capriole, balzi e cascatelle nella verde e ripida Valle di Canneto tra i monti che precedono il millenario "castrum" di Picinisco, paese fortificato a guardia degli interessi signorili sulla Valle Romana (Var Romana). Allo Stramazzo (foto 3) rimango sempre ad occhi aperti come un bambino stupito dai murmuri, i colori e le sensazioni prodotte dalle acque limpidissime. Ecco poi il Lago di Grottacampanaro (foto 4 e 5), artificiale, costruito come serbatoio di riserva dell'Enel nel 1953, data di ultimazione dei lavori della diga. Qui funzionano ancora due centrali idroelettriche.
Purtroppo la maggior parte delle acque captate viene forzata, per circa 25 km in una tubatura che perfora i monti, da Picinisco fino al Monte Cifalco, a Sant'Elia Fiume Rapido e alla centrale dell'Olivella sopra Cassino. L'acqua residua, che riceve il tributo di nuove piccole sorgenti, prosegue il suo corso nell'alveo naturale, tra spettacolari giochi come a Ponte Le Branche (foto 6), verso il paese e la Valle di Comino. Sono magre e defedate ora le acque del Melfa, impoverito dalle programmate ed economicistiche sottrazioni, ma vengono in parte compensate dagli apporti di altre fonti minori tra cui Scopella e Bolletta, che per almeno tre secoli hanno servito e ristorato i piciniscani, e della sorgente de "Lo Schioppaturo", in località La Ratisca, proprio ai piedi del Parco Montano di Picinisco. Dal belvedere dello stesso Parco si vede l'antica Centrale idroelettrica Visocchi, la prima d'Italia, la seconda d'Europa. Nei pressi, leggermente a monte verso est, l'acqua destinata a quelle condutture fuoriesce formando nel periodo estivo una scrosciante e spettacolare cascata (foto 7) ben osservabile dalla gente del soprastante paese con cui dialoga.Le acque si liberano in un salto di circa 100 m., un tempo con intenti irrigui per soddisfare la richiesta idrica degli agricoltori della piana di Atina, oggi nel cambio culturale rilasciate per un preminente interesse turistico. E siamo a Borgo Castellone, uno dei borghi antichi e più affascinanti della zona ma ormai solo villaggio turistico, ove domina promettente e dinamico il motto "nulla dies sine linea", già proprietà dei Bartolomucci, signori anche del castello medievale. Qui funzionavano importanti in passato un mulino e una cartiera. Neanche 300 m. prima, intercettando la ricostituita portata del fiume, è stata appena costruita dal Consorzio del Liri La Presa (foto 8),
un ulteriore bacino d'acque che si è programmato, attraverso condotte, di spingere più in basso in uno spettacolare laghetto artificiale a forma di ferro di cavallo (La Bagnarola) ancora in via di ultimazione in località Zarrelli. Un "panta rei", un film limpidissimo che scorre evocando il Cantico delle creature, laddove San Francesco prega "Laudato s', mì' Signore, per sor' aqua, la quale è molto utile et humile et pretiosa et casta". Siamo ormai al termine del breve percorso piciniscano del fiume e la bottiglia di plastica da mezzolitro contenente un importante, quanto singolare, mio messaggio a tutela dell'ambiente che avevo lanciato su a Capo d'Acqua, dopo tanti tormenti e sussulti, chissà se avrà raggiunto o raggiungerà mai il ponte sulla strada provinciale 112 o se, invece, non è rimasta impigliata in qualche anfratto. Oltre il cartiglio la bottiglietta porta dentro un piccolo stecco di pietra per stabilizzarla meglio e qualche luccicante e tintinnante moneta. Se tutto defluisce verso il mare chissà dove quel messaggio potrà arrivare. Ora il Melfa, a 15 Km. di distanza e 600 m. di dislivello dalle sue origini sull'altipiano di Canneto, mi saluta amichevolmente per addentrarsi in acque più quiete, in territorio di Atina, alla volta di Ponte Melfa. Da più lontano lo invocano il Liri, il Garigliano e, da ultimo, le sirene del mar Tirreno di Minturno. © - Sergio Andreatta, RIPRODUZIONE RISERVATA

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2647
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga... I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 2252
12 ottobre 2017 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2503
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
Orso marsicano (Corpo Forestale)Picinisco: Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5756
17 agosto 2013 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3908
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Madonna Pastora da www.andreatta.itPicinisco: E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4789
16 agosto 2011 di Sergio Andreatta
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - PiciniscoPicinisco: "Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 4169
08 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 3252
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Religiosità di Luigi GiannettiPicinisco: RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 6159
08 agosto 2009 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5382
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
De rerum natura
Peste di Atene e Covid 19
letture: 3666
29 maggio 2020
Il saggio del prof. J. Kelly
Peste e Progrom nel XIV secolo
letture: 2055
08 aprile 2020
Covid 19 e Peste Nera
La peste Nera (1)
letture: 1821
30 marzo 2020
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 3617
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 3496
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 3201
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2647
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 2172
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1967
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2698
15 dicembre 2017