Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 5012
dal 01/10 al 26/10 Roma: San Remo Festival Cafe.
letture: 1565
dal 03/10 al 03/02 Roma: Al Vittoriano arriva il mondo di "Andy Warhol
letture: 1708
25/11 Formia: Le Vie di Bacco
letture: 1009
dal 19/10 al 21/10 Avellino: Sagra della Castagna di Salza Irpina - XXXV Edizione
letture: 1692
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.549
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
18
ottobre
S. Luca
Compleanno di:
sex baniela
sex Gemma
sex tartufon
nel 1931: Muore l'inventore Thomas Alva Edison. Aveva brevettato oltre 1000 idee, tra cui la lampadina elettrica. Aveva 84 anni.
nel 1964: Abdon Parmich trionfa nella 50 km di marcia ai Giochi di Tokio.
dw

Home » News » Latina » Sperlonga » Sperlonga Fort Apache - Storie...
martedì 26 febbraio 2013
Sperlonga Fort Apache - Storie di killer e spaghetti
letture: 4645
Sperlonga: Da queste parti passa (è sempre passata) una barriera, una linea di confine. Questa zona d' Italia fra Gaeta, Formia, Itri, Fondi, Sperlonga, su fino alle paludi pontine e giù fino all' antica Cuma, ma diciamo fino a Napoli, è sempre stato un punto critico, caotico, straordinariamente confuso. Qui gli etruschi di Porsenna, per dirne una, venivano a menare le mani con i greci; e i greci da qui risalivano fino ad Albalonga, quando Roma era un accampamento di squinternati o poco più. Questa era zona di marca fra papato e Borboni, una terra di briganti incanagliti, di bufali portati dall' India e gens d' armes murattiani che caracollavano nelle pesanti tenute da dragone fra i pastori e pecore nere. Sulla spiaggia di Sperlonga c' è una fonte limpida, una grande sorgente da cui si svena una polla di fresca acqua che passa tra canne e cespugli, e piante, come se l' inquinamento non esistesse e non fosse mai esistito. Fino allo scorso inverno sulla spiaggia di Sperlonga venivano ad abbeverarsi le pecore, e poi invadevano l' arenile fino al mare, dove si bagnavano ed uscivano sudice di sabbia. Oggi girano meno pecore e più camorristi: la malavita si espande come una metastasi, passa per i mercati generali, si allarga sull' edilizia, marcia di tracotanza in tracotanza e resta silenziosa soltanto là dove la gente paga e zitta, come succede a Gaeta. Proprio due giorni fa qui hanno arrestato un camorrista che si doveva fare ventott' anni di galera per via d' una rapina col morto, ma che per il clan Iovine faceva l' assassino di mestiere o, come pigramente ormai diciamo e scriviamo, il killer. Un americano, Washington Irving, scrittore di storie western e avventure della prateria, all' inizio del secolo scorso si trasferì qui per alcuni anni, affascinato dai luoghi impervi e miasmatici. Tornato poi negli Stati Uniti descrisse in un libretto le storie parallele del western italiano, con i reparti di cavalleria e i banditi, le belle viaggiatrici e i loro accompagnatori insidiate dai camorristi del tempo: uomini violenti e stravagantemente vestiti che si dividevano le forre e crocevia fra Itri e Fondi, Gaeta e Formia. Fra Sperlonga e Fort Apache non c' era allora gran differenza e la banda di Gennarone poteva equivalere a quella di Geronimo. Ma le memorie di Washington Irving mostrano qualcosa che va al di là della saga del brigantaggio: racconta il modo subdolo, tessuto sul rovescio della realtà, che legava allora come lega oggi malavita e parassitismo, potere politico e frange di camorra che ottengono l' impunità dai servizi segreti ai quali hanno reso segreti servizi. Meriterebbe di essere letto in pubblico, magari con la memoria del caso Cirillo nella mente. Ma è comunque straordinario leggere che proprio qui, dove riusciamo a parcheggiare tra le frasche, esisteva una stazione di posta, dove, come in Ombre rosse, i viaggiatori tremavano aspettando l' alba e l' attacco. Magari qui si consolavano con la mozzarella di bufala e bevendo certi rosolii appiccicaticci. I viandanti della stazione di posta di Sperlonga a loro volta narrano le loro avventure con i briganti, i sequestri, le violenze, i pentimenti, gli omicidi, seguendo la vecchia ricetta: Una notte i viaggiatori si riunirono intorno al fuoco e il primo cominciò a raccontare.... E la piana e le colline di Formia, Terracina, Gaeta, si trasforma in quella di Saragoza con i fantasmi e le streghe di Ian Potocki. Comunque, e al di là della romantica invenzione, sembra certo che molti teschi di briganti, e altrettanti di viandanti pendessero dagli alberi. Oggi si estende invece l' uso della dinamite e manca del tutto il tonfo degli zoccoli della cavalleria, e lo scintillio dei pugnali di corno. Vecchie romanticherie, naturalmente. E queste spiagge, le colline delle ville abbandonate dai proprietari stanchi di vedersele saccheggiare due volte per inverno dai ladri corredati da camion per traslocatori, sono comunque e restano di grande fascino. Un fascino che resiste alle balordaggini dei domenicali con la moto, all' aggressione spavalda dei giovani che vengono da Latina, da Terracina, da Sabaudia, da Caserta, dall' entroterra di una provincia italiana quasi sconosciuta e che ha curiose origini persino venete, al nord, per l' emigrazione coatta ai tempi della bonifica sotto il fascismo. Etnie mescolate con quelle degli antichi popoli locali scesi dai monti e venuti dal mare, greci ed etruschi, latini e sabini, e poi orde saracene e frange francesi, qualche inglese che si è stabilito silenziosamente, qualche strano profugo che cerca di essere dimenticato. Una terra, un mare, una collina di grandi misteri e profumi notturni di zagare, di rincosperma, di gelsomini spagnoli. Adatta per la semina intensiva della nostalgia e la vendemmia dei ricordi che ciascuno di noi si illude che siano davvero mitici. Io posso metterci del mio per motivi d' adolescenza trascorsa anche a Serapo, dove i toscani avevano aperto un loro stabilimento Viareggio che ancora esiste e funziona alla maniera, più o meno versiliana. E poi per via di certi giardini scoscesi, di certi odori e le mosche: milioni di mosche e mosconi e moschini e vespiglioni e altri volanti e pungenti, che noi inseguivamo sportivamente con la pompetta mitragliatrice del flit con cui facevamo una cura intensissima inalando il cancerogeno Ddt. Quanto ne abbiamo bevuto e respirato insieme a tonnellate di pulviscolo termonucleare degli esperimenti che russi, americani, francesi e inglesi spernacchiavano in quegli anni sulla crosta terrestre alla faccia nostra. Sarebbe sleale e perfino disdicevole impegolare il lettore con i ricordi miei. Sta di fatto però che quei ricordi sono stati più o meno gli stessi per un' intera generazione che subiva qui la sua metamorfosi tra infanzia e adolescenza, fra guerra calda e guerra fredda, fra parlata romana e napoletana, fra picchi rocciosi e spiagge piattissime, fra ricchi signori odiosi e alteri e scugnizzi miserrimi; luoghi in cui si cementavano amicizie lietamente borghesi e un po' pastasciuttare che potevano giungere fino all' estrema conseguenza della gita in pattino collettiva plurifamiliare, con l' ombrellone aperto a mo' di vela, gli infanti al traino su ciambelle, e il carico alimentare di un ruoto partenopeo e magari, dioguardi, il sartù di riso. Qui si sperimentavano le prime maschere da sub con il tubo di rame, il galleggiante di sugheri incollati e vetro doppio pesante come il piombo. E si sperimentavano altri straordinari attrezzi che avevano tutti in comune di provenire dai mercati americani, di passare attraverso le file della piccola malavita fino a noi, ed erano quasi tutti oggetti di origine o uso militare, da sbarco, da Normandia, da palude, di quell' eterno colore cachi coloniale con ganci, moschettoni, corregge, cinghie. Arrivarono qui, prima che in ogni altro luogo, le pinne di gomma, oggetti stranissimi e animaleschi che ci sconvolsero lietamente la vita, come aveva già fatto, su tutt' altro versante, la penna biro. Erano i tempi, se vi ricordate, in cui il mare era pieno, letteralmente pieno di pesci. E si pescavano cefali e bavose, triglie e seppioline da qui a Posillipo, prima che la schiuma per piatti si sostituisse alle onde del mare. Miracolo: qui i pesci fluttuano ancora. Merito di un depuratore che fa bene il suo mestiere e che ha salvato Sperlonga dall' inquinamento. Cammini fra le secche con l' acqua alla vita (è un mare simile all' Adriatico) e resti turbato dalla quantità di pesci. E così ci troviamo a fare questa sorta di struscio acquatico con Giorgio Montefoschi che sta per andarsi a chiudere con la sua macchina da scrivere ed è angosciato, nel suo ringhiante romanesco, per lo sviluppo del suo nuovo romanzo e del protagonista: Credime, sto qui a arrovellamme. E' tutta la mattina che ce penso: dove lo mando? Dalla moglie o dalla fidanzata?. Ritrovo vecchi amici della facoltà di fisica degli anni ruggenti, trasformati in quasi gentiluomini con pupi e un pizzico di nevrosi molto ben temperata. Qui si rifugiano da sempre i Ginzburg, si vede spesso Rosetta Loy e Carla Ravaioli. Ma il più famoso e celebrato è Raf Vallone, socio fondatore della comunità marina sperlonghese, anche se nessuno dubita che la più antica e meritevole di lode, con trentacinque anni di anzianità sul campo e sull' arenile, sia miss Campbell, che fu partner di Gary Cooper ai tempi del muto. Ma diciamo la verità: protagonista incontrastata dell' estate su queste spiagge non è la corte di Godard, che pure si fa vedere; non sono le apparizioni di Cohn Bendit (che non si fa più vedere); e neppure Irene Papas che ha disertato; né Laura Morante con il marito. No: la vera, l' assoluta star di queste spiagge è la mamma. Diciamo meglio: è la madre e sposa sola, con marito pendolare, sistemata con i bimbi in una casa in fitto. Si apprezza, si palpa, si misura un ritorno, un rilancio, anzi una festosa regressione alle villeggiature di una volta. Il papà sta in ufficio, la mamma è al mare con bimbi e cameriera: un' aria, un sentimento, di banalissima normalità. Se non fosse per la monaca giornalaia, che non va confusa con la foca monaca. Non so se vi è mai capitato di andare dal giornalaio e trovare nell' edicola, a distribuire quotidiani e riviste porno, una florida, rubizza, stizzosa religiosa col naso rosso e l' aria ingrugnata, le ali d' ordinanza inamidate sulla testa, il pettorale di quella roba rigida. Ciò accade, per motivi che restano misteriosi, dal giornalaio di Sperlonga che si trova appena all' uscita della zona marina, appena inizia la salita. Quando la suora non ha più da dare il resto, non si comprano più giornali: quella strilla e strepita che vuole spiccioli e guai a chi si presenta con diecimila. Ma a parte la suora giornalaia, quanto al resto il ritorno all' antico, anzi al precedente, è clamoroso. Si notano autentici generali in pensione che sembrano interpretati da Viarisio. Si incontrano signori in canotta e bermuda che fanno spudorati baciamano sbattendo i tacchi di certi sandalacci di plastica. Un paradiso? Se dobbiamo giudicare dai boschi e dalla macchia mediterranea che bruciano in continuazione dovremmo dire piuttosto un inferno. Ma se dovessimo invece giudicare dal fantastico mercato del pesce di Gaeta, dovremmo ammettere: questo entroterra è un' isola felice. E se poi andiamo a mangiare agli Archi o al Lacoonte, meglio ancora. Tuttavia, noi ricordiamo benissimo, questi luoghi che oggi ti offrono tripudi di gamberoni, trionfi di triglie, ecatombi di pesce spada, ceste di cozze e vongole veraci, fino a trenta anni fa non producevano, non vendevano pesce, se non quello di paranza al tramonto. Erano contadini. La vicinanza del mare era per loro un fastidio. E la cultura, le abitudini alimentari di queste terre, era fatta di prodotti dell' orto e del campo: uva, olivo, pomodori, agnello. I villeggianti, i pendolari, la moda stagionale, hanno estirpato la cultura terragnola e l' hanno sostituita con quella del mare. Si fa pochissimo vino, anche se per fortuna trionfano le sapide e lussuriose mozzarelle di bufala. Polpa fibrosa candida e morbida che, come ricordava Edoardo, deve gocciare lattice, altrimenti, tu desisti.
dal nostro inviato PAOLO GUZZANTI
16 luglio 1989

postato da: inter  


Sperlonga: Convegno sulle "Ulcere venose croniche degli arti inferiori" Il seminario in programma venerdi 21 e sabato 22 presso la sala convegni ex chiesa S.M. Assunta. Ore12,30-19,00 e ore 08,30-14.00
letture: 1389
20 settembre 2018 di Flaminio
Sperlonga: Obbligo di defibrillatori nei siti aggreganti Lo chiede il neo primario di Chirurgia del "Dono Svizzero", Vincenzo Viola, dopo la criticità capitata a Sperlonga alla 13enne di Morolo
letture: 1607
12 luglio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Ho una chitarra per amico Alberto Laurenti canta Califano domenica 15 al lido "La Nave" a Sperlonga
letture: 1657
12 luglio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Rimessa la grata nel canale di lago lungo asportata da ignoti per accedere nel lago con natanti L'operazione condotta dai Forestali di Itri e dagli operatori del Consorzio di Bonifica sudpontino
letture: 2478
29 maggio 2018 di Flaminio
Sperlonga: Centinaia di piccoli calciatori invadono il borgo di Sperlonga Dal 28 al 31 marzo via al 18° Trofeo regionale "Divertiamoci insieme"
letture: 3428
26 marzo 2018 di TF Press
Sperlonga: Adesso liberiamoci e cresciamo insieme!" da chi ?
letture: 1762
12 marzo 2018 di inter
Sperlonga: Ritrovamento di un capitello romano
letture: 1976
09 marzo 2018 di TF Press
Sperlonga: ....a proposito della purezza e altre amenità ... Manifesto marziano
letture: 1368
20 febbraio 2018 di inter
Sperlonga: La purezza virtuale... e le capacità proclamate (3)
letture: 1941
31 gennaio 2018 di inter
Stemma del Movimento Civico Partecipazione AttivaSperlonga: Una forte azione unitaria per ridare legalità, democrazia e dignità a Sperlonga. ( LETTERA APERTA AGLI SPERLONGANI )
letture: 1469
08 gennaio 2018 di Nicola Reale








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Adesso liberiamoci e cresciamo insieme!"
letture: 1762
12 marzo 2018
....a proposito della purezza e altre amenità ...
letture: 1368
20 febbraio 2018
La purezza virtuale... e le capacità proclamate (3)
letture: 1941
31 gennaio 2018
RENZI uno come altri (1)
letture: 1955
18 febbraio 2014
L'amore eterno
letture: 2497
13 marzo 2013
Sperlonga Fort Apache - Storie di killer e spaghetti
letture: 4646
26 febbraio 2013
Ciao Antonio (5)
letture: 3409
06 ottobre 2011
Completata la compagine governativa con il conferimento di ulteriori 11 deleghe
letture: 3296
06 giugno 2011
Se non ora quando? (3)
letture: 2951
29 marzo 2011
Zitti zitti fregano e fottono (1)
letture: 2867
09 marzo 2011